SanSeveroTV

Più notizie quotidiane di qualsiasi altra fonte di notizie italiana sull'italiano.

L’ambasciatore cinese nel Regno Unito ha vietato di partecipare a un evento nel parlamento britannico

“Tengo regolarmente incontri con ambasciatori di tutto il mondo per stabilire relazioni durature tra paesi e parlamentari”, ha affermato Hoyle.

“Ma non ritengo opportuno che l’ambasciatore cinese si riunisca alla Camera dei Comuni e sul nostro posto di lavoro quando il suo Paese ha imposto sanzioni ad alcuni dei nostri membri”.

Per saperne di più

Un portavoce dell’ambasciata cinese ha criticato la mossa.

Dichiarazione cinese: “L’atto spregevole e codardo di alcuni membri del parlamento britannico per ostacolare i normali scambi e la cooperazione tra Cina e Regno Unito per tornaconto politico personale è contro la volontà dei popoli dei due paesi e danneggia i loro interessi”. Lei disse.

Hoyle ha detto di non aver bandito l’ambasciatore cinese in modo permanente, ma solo mentre erano in vigore le sanzioni.

Il Daily Telegraph ha detto che Richard Graham, capo del gruppo parlamentare cinese del partito, ha esteso un invito a Zhiguang durante l’estate.

Graham non ha risposto a una richiesta di commento.

Il gruppo parlamentare panpartitico cinese ha rifiutato di commentare.

La Cina ha imposto sanzioni a cinque parlamentari britannici, tra cui l’ex leader del partito conservatore Ian Duncan Smith e Tom Tugendhat, presidente della commissione per gli affari esteri del Parlamento.

Agli individui presi di mira e ai loro familiari stretti è vietato entrare nel territorio cinese e ai cittadini e alle istituzioni cinesi è vietato fare affari con loro.

La Cina ha intrapreso questa azione dopo che Regno Unito, Stati Uniti, Unione Europea e Canada hanno imposto sanzioni parallele agli alti funzionari cinesi accusati di detenzione di massa di uiguri nello Xinjiang.

Tim Lawton, un politico conservatore che è stato preso di mira dalle sanzioni, ha accolto con favore la decisione di impedire all’ambasciatore di partecipare all’evento.

Ha detto che la Cina non può pensare di “poter chiudere la libertà di espressione dei parlamentari in un sistema democratico”.

Mentre le sanzioni erano in vigore, il Regno Unito ha condannato la mossa come un tentativo della Cina di soffocare le critiche.

I funzionari di Londra e Pechino hanno scambiato parole di rabbia su una serie di questioni, tra cui le riforme cinesi a Hong Kong, l’ex colonia britannica e la politica commerciale cinese.

Attivisti ed esperti per i diritti delle Nazioni Unite affermano che almeno un milione di musulmani sono detenuti nei campi nello Xinjiang.

Attivisti e alcuni politici stranieri accusano la Cina di ricorrere alla tortura, ai lavori forzati e alla sterilizzazione.

Il governo cinese ha ripetutamente negato tutte le accuse di abusi e afferma che i suoi campi offrono formazione professionale necessaria per combattere l’estremismo.