HomeWorldL'allarme sul clima del segretario generale dell'Onu: "L'umanità ha aperto le porte...

L’allarme sul clima del segretario generale dell’Onu: “L’umanità ha aperto le porte dell’inferno”

i punti principali
  • Il Segretario generale delle Nazioni Unite ha riunito imprenditori e capi di stato per un vertice a New York.
  • L’obiettivo dell’incontro è quello di dare slancio in vista del vertice sul clima COP28 che si terrà entro la fine dell’anno.
  • Cina, Stati Uniti, Regno Unito, Giappone, India e Australia non sono stati invitati a parlare all’inaugurazione.
All’apertura del vertice delle Nazioni Unite a New York, 34 Stati membri di tutto il mondo hanno parlato della riduzione delle emissioni nel contesto della crisi climatica.
L’Australia non era tra questi, a causa della mancanza di piani concreti per raggiungere emissioni nette pari a zero. È stato uno dei tanti paesi, tra cui Stati Uniti, Cina e India, a cui è stato negato il ruolo di relatore, con il privilegio riservato a “mover and doers”.

Il ministro degli Esteri Penny Wong e il viceministro per i cambiamenti climatici e l’energia Jenny McAllister sono intervenuti nelle successive sessioni tematiche e hanno parlato del lavoro dell’Australia sull’adattamento e sulla decarbonizzazione.

Cos’è il Climate Ambition Summit?

Il segretario generale delle Nazioni Unite António Guterres ha riunito leader aziendali e capi di stato per il Climate Ambition Summit di New York, un incontro volto a creare slancio in vista del vertice sul clima COP28.

Il vertice prevedeva interventi di leader che hanno risposto all’appello di Guterres di accelerare l’azione globale per il clima, tra cui Brasile, Canada, Unione Europea, Pakistan, Sud Africa e Tuvalu.

Guterres ha affermato che uno degli obiettivi è motivare i paesi e le aziende i cui piani climatici non sono in linea con l’obiettivo climatico globale ad agire.
È stato descritto come un forum “pratico” in cui leader o ministri possono annunciare azioni specifiche che adempiono ai loro obblighi ai sensi dell’Accordo di Parigi.
Mercoledì, nel suo discorso di apertura, Guterres ha invocato l’anno 2023 Ma ha sottolineato: “Il futuro non è fisso: spetta ai leader come te scriverlo”.
“Possiamo ancora limitare l’aumento della temperatura globale a 1,5 gradi. Possiamo ancora costruire un mondo con aria pulita, posti di lavoro verdi ed energia pulita a prezzi accessibili per tutti”, ha affermato, riferendosi all’obiettivo ritenuto necessario per evitare il cambiamento climatico a lungo termine. catastrofe.

Guterres ha affermato che la dipendenza dell’umanità dai combustibili fossili ha “aperto le porte dell’inferno”.

READ  Rheinmetall sta costruendo il primo veicolo da combattimento di fanteria Lynx in Ungheria

Perché all’Australia è stato negato un posto per parlare all’inaugurazione?

La fase del discorso è stata sollevata, con il Segretario Generale delle Nazioni Unite che ha chiarito che solo i leader che stabiliscono piani concreti possono far sì che ciò accada. Gli sarà permesso di parlare.
Dopo aver ricevuto più di 100 richieste di partecipazione, martedì sera le Nazioni Unite hanno finalmente pubblicato un elenco di 34 stati membri e sette stati non membri o istituzioni finanziarie.

L’elenco dei relatori non comprendeva Cina, Stati Uniti, Regno Unito, Giappone, India o Australia.

La dipendenza dell’umanità dai combustibili fossili ha “aperto le porte dell’inferno”, ha detto il segretario generale delle Nazioni Unite António Guterres ai leader mondiali in apertura di un incontro sul clima. fonte: Agenzia per la protezione ambientale / Miguel Rodríguez

Mentre gli Stati Uniti non erano presenti sul palco, lo stato della California era rappresentato dal governatore Gavin Newsom.

Dalla Gran Bretagna sarà presente anche il sindaco di Londra, Sadiq Khan.
Il direttore dell’analisi climatica Bill Hare, che parteciperà al vertice, ha affermato che, sebbene i criteri esatti per i relatori non fossero chiari, ciò è probabilmente dovuto alla mancanza di azione e al continuo sviluppo dei combustibili fossili.
“L’Australia ha raccontato una bella storia riguardo alle sue politiche, ma i conti non quadrano e le emissioni stanno aumentando, incoraggiando lo sviluppo di carbone e gas, ecc.

“Questa è una storia comune che posso vedere tra i paesi che hanno parlato al Climate Ambition Summit convocato dal Segretario Generale e quelli che avrebbero voluto farlo ma non sono stati invitati”.

Hare ha affermato che l’Australia non dispone di vere e proprie politiche climatiche supportate da leggi e requisiti normativi.
Ha detto mentre il governo sta investendo Tuttavia, sono necessari più obiettivi, insieme a standard di efficienza dei veicoli automatizzati e requisiti di lancio dei veicoli elettrici per ridurre le emissioni dei trasporti.
“In un certo senso, il sistema australiano di politica climatica si basa più sugli annunci che su una reale azione normativa, per far avanzare le cose”, ha affermato.

“Questo è il grosso problema che vedo per l’Australia”.

READ  La Nuova Zelanda riduce l'immigrazione "scarsamente qualificata", concentrandosi nuovamente sui ricchi | Nuova Zelanda

Chi non ha partecipato al Climate Ambition Summit?

Diversi leader chiave non si sono preoccupati di fare il viaggio a New York per le riunioni dell’Assemblea generale delle Nazioni Unite quest’anno, tra cui il presidente cinese Xi Jinping e il primo ministro Rishi Sunak del Regno Unito, che hanno affermato di essere troppo occupati.

Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden, che martedì si è rivolto all’Assemblea generale, ha inviato all’incontro il suo inviato per il clima John Kerry, anche se a Kerry non è stato permesso di parlare nel segmento designato per “mover and doers”.

“Non c’è dubbio che l’assenza di così tanti leader delle maggiori economie e produttori di emissioni del mondo avrà un chiaro impatto sull’esito del vertice”, ha affermato Alden Meyer del think tank sul clima E3G.
Ha attribuito la colpa a questioni concorrenti – dal conflitto ucraino alle tensioni tra Stati Uniti e Cina e alla crescente incertezza economica – ma anche al potere di lobbying dell’industria dei combustibili fossili.
Hare ha detto che tra i partecipanti era evidente l’assenza di paesi come l’Australia e le Nazioni Unite.
“È un messaggio forte che hanno bisogno di agire insieme”, ha detto.
“Penso che il messaggio sia stato recepito nelle capitali, e spero che questi paesi possano riconsiderarlo e farsi avanti con posizioni più forti su alcune questioni chiave.
“Le questioni chiave includono una spinta molto forte per un accordo sull’eliminazione graduale dei combustibili fossili”.
Questo evento è il più grande vertice sul clima tenutosi a New York dal 2019 .

La rabbia sta crescendo tra gli attivisti climatici, soprattutto tra i giovani, che lo scorso fine settimana si sono presentati a migliaia per partecipare alla “Marcia per eliminare i combustibili fossili” a New York.

READ  Feste religiose, cremazioni ed epidemie
Italo D'Amore
Italo D'Amore
"Pioniere televisivo a misura di hipster. Risolutore di problemi. Introverso umile e irritante. Lettore. Studente. Esperto di pancetta sottilmente affascinante."
Must Read
Related News