SanSeveroTV

Più notizie quotidiane di qualsiasi altra fonte di notizie italiana sull'italiano.

L’agenzia spaziale russa propone di installare una centrale nucleare su Marte

Gli ingegneri affermano che la centrale elettrica potrebbe essere consegnata al Pianeta Rosso utilizzando Zeus, un potenziale rimorchiatore spaziale russo a propulsione nucleare che dovrebbe iniziare i test di volo nel 2030.

Gli specialisti dell’Arsenal Design Bureau – una sussidiaria con sede a San Pietroburgo dell’Agenzia spaziale russa Roscosmos specializzata nella produzione di veicoli spaziali, satelliti e altre tecnologie spaziali – hanno proposto di creare Energia nucleare Un impianto per la futura base russa su Marte.

Sputnik è stato in grado di identificare la proposta, che raccomanda di utilizzare le tecnologie sviluppate del rimorchiatore spaziale interplanetario Zeus anche per un reattore nucleare stazionario per la superficie di Marte.

Secondo la proposta dell’Arsenal, il reattore sarebbe stato consegnato al Pianeta Rosso a bordo della nave Zeus e avrebbe galleggiato sulla sua superficie utilizzando un sistema di paracadute. Dopo l’atterraggio, la centrale sarà attivata per fornire energia a una potenziale base russa su Marte.

Inoltre, gli ingegneri dicono che se Zeus fosse schierato in un punto di Lagrange tra il Sole e Marte (cioè il punto nello spazio dove le forze gravitazionali di questi oggetti sono ugualmente forti), i sensori e i trasmettitori a bordo potrebbero fungere da “alta -canale di velocità per la trasmissione di informazioni.” alla Terra dalla superficie di Marte e da veicoli spaziali in orbita attorno al pianeta.”

In precedenza, Sputnik ha riferito che il sistema di propulsione elettrica di classe megawatt proposto per il Progetto Zeus gli consentirebbe di disabilitare i sistemi di controllo di veicoli spaziali ostili con un impulso elettromagnetico e persino di consentire loro di sparare laser.

I progettisti del Keldysh Research Center di Mosca hanno anche suggerito la possibilità di utilizzare la classe di veicoli spaziali come elemento della rete di difesa aerea russa, rilevando gli obiettivi dall’orbita e trasmettendo queste informazioni ai sistemi missilistici terrestri.

READ  I nuovi francobolli del servizio postale celebrano un decennio di guardare il sole

La Russia sta lavorando a un veicolo spaziale interplanetario utilizzando un using Energia nucleare Dal 2010. Nel 2019, il concetto di locomotiva spaziale è stato presentato per la prima volta al MAKS International Aviation and Aerospace Exhibition fuori Mosca, con una presentazione più dettagliata al forum ARMY-2020.

Lo scorso dicembre, Roscosmos ha firmato un contratto da 56,5 milioni di dollari con l’Arsenal Design Bureau per il lavoro di progettazione sperimentale di Zeus. Questo lavoro dovrebbe essere completato entro il 2024 e si spera che i test di volo inizino nel 2030.

A giugno, il capo di Roscosmos Dmitry Rogozin ha affermato che oltre a Marte, i rimorchiatori di Zeus potrebbero essere inviati su altri pianeti, incluso Venere, e persino viaggiare al di fuori del nostro sistema solare, dove potrebbero cercare la vita aliena.

Roscosmos ha annunciato una serie di piani ambiziosi negli ultimi anni, tra cui la costruzione della prima stazione spaziale esclusivamente russa da quando Mir è stata messa fuori orbita nel 2001, e piani per una serie di missioni con e senza equipaggio sulla Luna e persino una potenziale base lunare . . Il programma spaziale russo ha dovuto affrontare due problemi principali: la mancanza di fondi sufficienti per realizzare alcuni dei suoi ambiziosi progetti e la concentrazione di fondi e altre risorse per scopi discutibili, come la successiva costruzione in corso di un centro uffici di 250.000 metri quadrati. Per la leggendaria fabbrica di razzi spaziali Khrunichev a Mosca.

Nonostante la lunga lista dei primi satelliti (tra cui il primo satellite artificiale, il primo uomo e donna nello spazio, la prima stazione spaziale, il primo atterraggio sulla Luna e su Marte, ecc.) la Russia ha speso solo 3,58 miliardi di dollari per il suo programma spaziale nel 2020, cioè più del Giappone con 260 milioni di dollari e meno di Francia (4,04 miliardi di dollari), Cina (8,85 miliardi di dollari) e Stati Uniti (47,69 miliardi di dollari). Questi e altri fattori hanno lasciato il paese con lo status di astronauta una volta che l’agenzia spaziale cinese e la NASA cercano per mostrare le ultime immagini e filmati del roaming del loro rover su Marte.

READ  NHS fornisce scansioni cardiache 3D per diagnosticare i pazienti in 20 minuti | Attacco di cuore