SanSeveroTV

Più notizie quotidiane di qualsiasi altra fonte di notizie italiana sull'italiano.

La variabile delta sta spingendo al limite la regione del Pacifico occidentale. Nelle Filippine gli infermieri stanno alla larga

Davanti all’altare di una cappella di Manila, un uomo si ferma, non per pregare, ma per dare ossigeno a un malato critico con COVID-19.

La cappella del Quezon City Hospital è stata trasformata in un’unità di terapia intensiva a causa di una grave carenza di posti letto, con un aumento delle infezioni da coronavirus in tutta la capitale filippina.

A pochi passi dalla croce che mostra Gesù in croce, i sedili sono stati sostituiti da letti d’ospedale, bombole di ossigeno e ventilatori per assistere i malati gravi.

Una donna tiene l’ossigeno in una collana di grani del rosario mentre lotta per respirare.

“Il nostro reparto COVID-19 e l’unità di terapia intensiva hanno già raggiunto la piena capacità”, ha affermato Josephine Sapando, direttrice del Quezon City Hospital, Josephine Sapando.

“Con questa struttura, speriamo di accogliere più pazienti COVID-19 che necessitano di cure urgenti e intensive”.

Un'infermiera in DPI parla con una donna in un letto d'ospedale allestito in un reparto improvvisato in una cappella
Quasi due milioni di persone nelle Filippine sono state infettate dal virus COVID-19 dall’inizio della pandemia. (

Reuters: Elisa Lopez

)

A Manila e nelle aree circostanti, i letti ospedalieri si stanno esaurendo sempre più poiché il ceppo delta del coronavirus aumenta i tassi di infezione a livelli record.

Le Filippine hanno subito uno dei peggiori focolai nel sud-est asiatico, con infezioni giornaliere medie nell’ultima settimana che hanno raggiunto un record di 15.537.

Questo è circa il 20 percento in più rispetto alla settimana precedente.

Il numero totale di casi dall’inizio della pandemia ha raggiunto quasi 2 milioni e più di 33.000 morti.

Le Filippine si avvicinano alla ‘linea rossa’

La variabile Delta spinge al limite gli ospedali e le strutture sanitarie nella regione del Pacifico occidentale, secondo l’Organizzazione mondiale della sanità

Scarica

“In alcuni luoghi, i forti aumenti stanno spingendo i sistemi sanitari pericolosamente vicino a quella che chiamiamo la ‘linea rossa'”, ha affermato Takeshi Kasai, direttore regionale dell’OMS.

“[That is when ] Il numero di casi critici sta superando la capacità dell’unità di terapia intensiva e gli ospedali non sono più in grado di fornire le cure di cui le persone hanno bisogno».

Il dottor Kasai ha avvertito che il governo filippino deve adottare misure per garantire che gli operatori sanitari, non solo gli ospedali, abbiano il supporto di cui hanno bisogno per continuare a curare i pazienti.

“Quello che è importante non è solo la famiglia, ma assicurarsi che ci siano un medico e infermieri… oltre a sostenere chi lavora sodo”, ha detto.

Due pazienti che giacciono in letti d'ospedale separati da un telo trasparente appeso a forma di tenda
Le autorità sanitarie delle Filippine temono che il sistema sanitario crollerà se i casi continueranno ad aumentare. (

Reuters: Elisa Lopez

)

Mentre il dottor Kasai ha affermato che la pandemia ha colpito tutta la nostra vita, è stata inimmaginabilmente difficile per gli operatori sanitari.

L’avvertimento arriva in un momento critico per le Filippine.

Molti ospedali temono un esodo di massa di infermieri che si lamentano della fatica e dei bassi salari, nonostante la costante esposizione al virus.

Mentre il fiume Delta erutta, le infermiere si allontanano

Le infermiere filippine hanno i salari più bassi nel sud-est asiatico, Secondo un sondaggio condotto lo scorso anno.

Ricevono circa 1.100 dollari al mese, mentre un’infermiera a Singapore fa pagare quasi 6.500 dollari.

L’anno scorso, secondo l’Associazione degli ospedali privati ​​delle Filippine, circa il 40% degli infermieri filippini negli ospedali privati ​​ha smesso.

Tre donne in DPI completi in piedi accanto a una fila di vestiti appesi
Gli infermieri nelle Filippine sono i meno pagati nel sud-est asiatico. (

Reuters: Lisa Marie David

)

Jose Rene de Grano, il suo direttore, ha detto all’ABC che un altro 5% ha smesso da quando è iniziata l’ultima ondata di infezioni ad aprile.

“Alcuni sono stati trasferiti al governo [hospitals] Perché offrivano stipendi molto migliori”.

I sindacati infermieristici hanno affermato che molti dei loro membri erano arrabbiati per non aver ricevuto una “retribuzione speciale per i rischi” promessa come compenso per il loro lavoro in prima linea durante la pandemia.

L’indennità avrebbe dovuto dare loro 137 dollari in più al mese.

“Anche prima della pandemia, gli infermieri chiedevano a gran voce un risarcimento e un pagamento equo”, ha affermato Milbert Reyes, presidente della Philippine Nurses Association.

“Gli stipendi e le retribuzioni degli infermieri nelle Filippine non sono paragonabili a quelli di altri paesi, soprattutto nel Regno Unito, negli Stati Uniti e in Medio Oriente.

“E l’unica cosa che le nostre infermiere vorrebbero che ottenessero è una paga decente”.

Sempre più infermieri minacciano di dimettersi o di scioperare se non riceveranno la paga arretrata nei prossimi giorni.

Donna che indossa DPI completi e occhiali con montatura dorata
Alcuni operatori sanitari nelle Filippine stanno scegliendo di lasciare il Paese alla ricerca di condizioni migliori e più sicure. (

Reuters: Lisa Marie David

)

Il presidente Rodrigo Duterte ha concesso ai ministeri della salute e del bilancio 10 giorni per saldare gli arretrati, ma il problema non è stato ancora risolto.

“Pagali”, ha detto al ministro della Sanità Francisco Duque.

Usa tutto il denaro che c’è.

Secondo la Nurses Association, circa 6.000 infermieri filippini hanno contratto il COVID-19 dall’inizio della pandemia.

Ha detto che circa 30 sono morti.

Attirare gli operatori sanitari all’estero con condizioni migliori

Gli scarsi salari e condizioni, insieme a un alto rischio di infezione, hanno spinto molti infermieri a lasciare completamente il Paese per lavorare all’estero, dove gli stipendi sono molto più alti.

Le Filippine sono sempre state il più grande esportatore di infermieri a livello mondiale, Con enormi numeri che si trasferiscono negli Stati Uniti e in Arabia Saudita.

L’anno scorso, Manila ha vietato agli operatori sanitari di viaggiare all’estero per lavoro a causa della pandemia.

In seguito ha revocato il divieto, ma limita ancora il numero di operatori sanitari che possono lasciare il paese ogni anno.

La Philippine Nurses Association ha affermato che scoraggia gli infermieri a smettere, ma non possono essere incolpati di volere un lavoro migliore e pagare sia in patria che all’estero.

“Non possiamo impedire agli infermieri di cercare opportunità migliori al di fuori del paese perché non trovano opportunità nelle Filippine. Anche durante la pandemia, sperano di ricevere offerte di lavoro all’estero”, ha affermato Milbert Reyes, presidente dell’associazione.

Quattro adolescenti si siedono sui loro coetanei mentre i bambini lanciano una palla davanti a loro
La variante delta è stata rilevata in 16 delle 17 province filippine, portando ad un aumento di nuovi casi. (

Reuters: Lisa Marie David

)

L’esodo non poteva arrivare in un momento peggiore per le Filippine.

La variante delta è stata ora rilevata in 16 su 17 regioni delle Filippine, secondo il Dipartimento della Salute filippino.

Il governo ha affermato che le infezioni potrebbero continuare ad aumentare, nonostante le rigide misure di blocco in atto a Manila e nelle aree circostanti.

“Nei prossimi giorni e settimane vedremo probabilmente ulteriori picchi”, ha avvertito Alethia de Guzman dell’ufficio di epidemiologia del ministero.

Le Filippine hanno finora fornito circa 32 milioni di dosi di vaccini COVID-19 e circa il 15% della popolazione del paese è stata completamente vaccinata.

Il governo prevede di vaccinare fino a 70 milioni di persone entro la fine dell’anno.

Spazio per riprodurre o mettere in pausa, M per disattivare l’audio, frecce sinistra e destra per la ricerca, frecce su e giù per il volume.

Riproduci video.  Durata: 5 minuti 7 secondi

L’Australia sta vivendo un baby boom di COVID-19?

Scarica il modulo…

READ  Il cameriere di Hong Kong Tong Ying Kit è stato condannato per terrorismo in base alla prima sentenza delle nuove leggi sulla sicurezza