La stampa 3D mostra il potenziale per il trattamento delle malattie neurologiche

Secondo l’Università dell’Australia Meridionale (UniSA) Ingegnere dei materiali Professore associato Matthew Griffiths Malattie “incurabili” come cecità, sordità, dolore cronico, epilessia, malattia dei motoneuroni e morbo di Parkinson possono essere curate grazie ai bioinchiostri stampati in 3D all’interno del corpo umano e alla riparazione delle cellule danneggiate. cellule nervose.

Il dottor Griffiths e il suo team presso il Future Industries Institute dell’Università del South Australia stanno creando inchiostri al carbonio biocompatibili – stampati in 3D su dispositivi morbidi e flessibili – che possono essere impiantati chirurgicamente e comunicare elettronicamente con la rete neurale, su richiesta.

“L’obiettivo è riprogrammare lesioni e malattie per cancellarle dall’esistenza stampando dispositivi elettronici poco costosi che possano parlare ai nostri corpi in un linguaggio che comprendono”, ha detto il dottor Griffiths. “I neuroni danneggiati o malfunzionanti hanno conseguenze catastrofiche, portando alla cecità, alla paralisi e a tutta una serie di disturbi neurologici che non siamo mai stati in grado di trattare. Crediamo di poter cambiare questa situazione sviluppando inchiostri elettronici organici intelligenti, che possiamo stampare in 3D in modo flessibile dispositivi in ​​grado di parlare con i neuroni, far crescere nuovi neuroni e creare interfacce neurali artificiali.

Le attuali tecnologie utilizzate per trattare le condizioni neurologiche e la cecità includono la stimolazione cerebrale profonda e le retine artificiali. Tuttavia, hanno avuto un successo limitato perché gli elettrodi sono realizzati con materiali rigidi e non flessibili come metalli e silicone che hanno una scarsa biocompatibilità.

Secondo l’Università dell’Australia Meridionale, circa tre miliardi di persone soffrono di patologie neurologiche in tutto il mondo; Altri 200 milioni sono ciechi; Una persona su cinque soffre di dolore cronico. Sono tutti associati a un malfunzionamento delle cellule nervose, che porta a cambiamenti indesiderati nel cervello, nei sensi e nel comportamento.

READ  Gli astronomi rilevano l'esplosione radio più distante fino ad oggi

“Per aiutare a guidare la nostra ricerca, stiamo parlando con molti pazienti affetti da questi disturbi e con molti medici che stanno cercando di curarli. Ciò di cui siamo tutti entusiasti mentre lavoriamo insieme in questo viaggio è il possibilità di curare queste malattie per la prima volta nella storia umana”, ha affermato il dottor Griffiths. .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto