HomescienceLa relazione tra vitamina D e salute mentale

La relazione tra vitamina D e salute mentale

Vitamina D: funzioni di base nel corpo
La connessione della vitamina D: esplorare il suo impatto sull’umore e sul benessere mentale
Un basso livello di vitamina D è collegato alla depressione e all’ansia
Lo dice la scienza: spiegare il legame tra vitamina D e salute mentale
Conclusione
Riferimenti
Lettura approfondita


La vitamina D è fondamentale per il mantenimento di vari aspetti della salute fisica. Più recentemente, il suo ruolo è stato coinvolto anche nella salute mentale. Tuttavia, la ricerca in questo settore è in corso.

Credito immagine: Photoroyalty/Shutterstock.com

Qui diamo uno sguardo alla relazione tra vitamina D e salute mentale. In particolare, esploriamo i potenziali collegamenti tra carenza di vitamina D e depressione, vitamina D e funzione cognitiva, e esaminiamo anche i potenziali benefici della vitamina D sulla salute mentale.

Vitamina D: funzioni di base nel corpo

La vitamina D è importante per molte funzioni del corpo come l’assorbimento del calcio, la salute delle ossa, la funzione immunitaria, la funzione muscolare, la regolazione della crescita cellulare, il metabolismo del glucosio e ha anche proprietà antinfiammatorie.1

Alcuni alimenti, come il pesce grasso (come tonno e sgombro), tuorli d’uovo, formaggio e funghi, forniscono una fonte di vitamina D. Viene prodotto anche nella pelle a seguito dell’esposizione alla luce solare.1

La carenza di vitamina D può portare a molti problemi di salute, tra cui il rachitismo nei bambini, l’osteomalacia negli adulti e l’osteoporosi. La carenza di vitamina D è anche associata ad un aumento del rischio di malattie autoimmuni, malattie cardiovascolari e alcuni tipi di cancro.1 Inoltre, recenti ricerche hanno rivelato un possibile legame tra vitamina D e disturbi di salute mentale come depressione e ansia.2,3

Credito immagine: Double Brain/Shutterstock.com

Credito immagine: Double Brain/Shutterstock.com

La connessione della vitamina D: esplorare il suo impatto sull’umore e sul benessere mentale

Negli ultimi anni, vari studi hanno trovato prove a sostegno del ruolo della vitamina D nella salute mentale. Nello specifico, è stato suggerito che la carenza di vitamina D possa contribuire ai sintomi di depressione e ansia. Tuttavia, non tutti gli studi che hanno indagato su questa relazione hanno trovato prove a sostegno di questa associazione.

Alcuni studi hanno scoperto che, a causa delle sue proprietà antiossidanti e del suo effetto sul tessuto cerebrale (soprattutto nelle aree coinvolte nella depressione e nell’ansia), è essenziale per la prevenzione dei disturbi dell’umore (come depressione e ansia).2,3 Per questo motivo alcuni ricercatori hanno suggerito lo screening della vitamina D per prevenire e/o curare questi disturbi.2

Bassi livelli di vitamina D sono collegati alla depressione e all’ansia

La ricerca ha collegato la carenza di vitamina D a vari problemi di salute mentale. Non sorprende, quindi, che vi sia una significativa sovrapposizione tra i sintomi della carenza di vitamina D e i sintomi della depressione, dell’ansia e del declino cognitivo. I sintomi di carenza di vitamina D comprendono affaticamento, cambiamenti di umore, aumento della sensibilità al dolore, debolezza muscolare, deterioramento cognitivo (come scarsa memoria episodica e disfunzione esecutiva), sentimenti di estrema disperazione o tristezza e perdita di interesse per attività che in precedenza erano fonte di di ansia. Piacere, perdita o aumento di peso, perdita di appetito, ansia e altro ancora.

I fattori di rischio per la carenza di vitamina D comprendono la mancanza di esposizione alla luce solare, l’età avanzata, l’aumento della melanina (pelle più scura), l’obesità e le sindromi da malassorbimento. Le persone con questi fattori di rischio hanno maggiori probabilità di avere bassi livelli di vitamina D. I cambiamenti dello stile di vita, come una maggiore esposizione alla luce solare e l’introduzione di alimenti ricchi di vitamina D nella dieta, possono aiutare a mitigare questi rischi. Tuttavia, sono necessarie ulteriori ricerche per comprendere appieno la relazione tra il rischio di carenza di vitamina D e la salute mentale.

Lo dice la scienza: spiegare il legame tra vitamina D e salute mentale

Uno studio del 2017 che ha esaminato ricerche recentemente pubblicate che esaminavano la relazione tra carenza di vitamina D e depressione ha concluso che esistono prove sufficienti a sostegno dell’associazione tra carenza di vitamina D e depressione.4 Inoltre, lo studio ha indicato che per le persone con depressione e carenza di vitamina D, gli integratori di vitamina D possono essere un trattamento efficace.4

Un altro recente studio di revisione è giunto a una conclusione simile secondo cui i livelli di vitamina D sono inversamente associati alla depressione clinica.5 Tuttavia, questo studio ha concluso che le prove non erano abbastanza forti per supportare l’uso di integratori di vitamina D come trattamento universale per la depressione.5

Uno studio del 2020 ha riferito che gli integratori di vitamina D possono essere utili per migliorare i sintomi dell’ansia.6

Inoltre, diversi studi hanno riportato livelli più bassi di vitamina D nelle persone con malattia di Alzheimer e negli adulti sani con deterioramento cognitivo, suggerendo una relazione tra vitamina D e funzione cognitiva.

Sono ancora necessari ulteriori studi in questo settore per comprendere appieno la relazione tra vitamina D e salute mentale e determinare come gli integratori di vitamina D possano essere utilizzati per trattare e prevenire problemi di salute mentale.

Conclusione

Nel complesso, diversi studi hanno trovato prove di una relazione tra carenza di vitamina D e problemi di salute mentale. Sebbene siano necessarie ulteriori ricerche per comprendere appieno la natura di questa relazione, queste prove suggeriscono che il mantenimento di livelli adeguati di vitamina D non è solo benefico per la salute fisica, ma può essere benefico anche per la salute mentale.

Ricerche recenti hanno evidenziato che la conoscenza pubblica della vitamina D e della sua carenza è debole. In uno studio recente, la maggior parte (83%) non era consapevole che la luce solare fornisce una fonte di vitamina D e meno dell’1% era consapevole che alcuni alimenti forniscono una fonte di vitamina D.8 Pertanto, è necessaria una migliore consapevolezza pubblica sul ruolo della vitamina D nella salute generale.

Riferimenti

  1. Scheda informativa sulla vitamina D per gli operatori sanitari [online]. Istituto Nazionale della Salute. In linea su: https://ods.od.nih.gov/factsheets/VitaminD-HealthProfessional/
  2. Akpinar, S. e Karadag, MJ (2022) La vitamina D è importante nell’ansia o nella depressione? qual è la verità?, Rapporti nutrizionali attuali, 11(4), pp. 675-681. doi:10.1007/s13668-022-00441-0.
  3. Anglin, R.I et al. (2013) Carenza di vitamina D e depressione negli adulti: una revisione sistematica e una meta-analisi, Giornale britannico di psichiatria202(2), pp. 100-107 doi:10.1192/bjp.bp.111.106666.
  4. Parker, JP, Bruschi, H. e Graham, RK (2017). Vitamina D e depressione, Giornale dei disturbi affettivi, 208, pp. 56-61. doi:10.1016/j.jad.2016.08.082.
  5. Menone, V. et al. (2020) Vitamina D e depressione: una valutazione critica delle prove e delle direzioni future, Giornale indiano di psichiatria, 42(1), pp. 11-21. doi:10.4103/ijpsym.ijpsym_160_19.
  6. Zhu, C. et al. (2020) Gli integratori di vitamina D migliorano i sintomi dell’ansia ma non della depressione nei pazienti con carenza di vitamina D, Cervello e comportamento, 10(11). doi:10.1002/brb3.1760.
  7. Sultano, S. et al. (2020) Basso livello di vitamina D e sua associazione con deterioramento cognitivo e demenza, Giornale di ricerca sull’invecchiamento, 2020, pagine 1-10. doi:10.1155/2020/6097820.
  8. Al Kalash, Sh et al. (2023) Conoscenza generale, atteggiamento e pratica nei confronti della carenza di vitamina D nel Governatorato di Al-Qunfudhah, Arabia Saudita, Trattaci [Preprint]. doi:10.7759/cureus.33756.

Lettura approfondita

READ  La NASA annuncia di aver battuto il record di velocità su Marte
Orsina Fiorentini
Orsina Fiorentini
"Fan zombi sottilmente affascinante. Fanatico della TV. Creatore devoto. Amico degli animali ovunque. Praticante del caffè."
Must Read
Related News