HomeTechLa privacy sandbox di Google Chrome è stata ampliata per includere una...

La privacy sandbox di Google Chrome è stata ampliata per includere una “maggioranza” di utenti

Questo articolo è stato pubblicato per la prima volta in Conversazione.

Alla fine della scorsa settimana, Google ha annunciato che qualcosa chiamato Privacy Sandbox sarà disponibile per la maggior parte degli utenti di Chrome e raggiungerà il 100% degli utenti nei prossimi mesi. Ma cos’è esattamente?

Il nuovo set di funzionalità rappresenta un cambiamento fondamentale nel modo in cui Chrome tiene traccia dei dati degli utenti a vantaggio degli inserzionisti. Invece dei cookie di terze parti, Chrome ora può accedere direttamente alla cronologia di navigazione per raccogliere informazioni sugli “argomenti” pubblicitari (ne parleremo più avanti).

Guarda le ultime notizie su Canale 7 o riproduci in streaming gratuitamente 7più >>

In sviluppo dal 2019, questo cambiamento ha suscitato molte polemiche, con alcuni commentatori che lo vedono come un’invasione della privacy.

Capire come funziona – e se attivarlo o meno – è importante, dal momento che Chrome rimane il browser più utilizzato al mondo, con una quota di mercato del 63% a maggio 2023 (Safari è secondo con il 13%).

Aspetta, cos’è un biscotto?

Nel 1994, l’ingegnere informatico Lou Montulli di Netscape ha rivoluzionato il modo in cui navighiamo in Internet con la sua invenzione del “cookie”. Per la prima volta, le pagine web possono ricordare password, preferenze, impostazioni della lingua e persino i nostri carrelli della spesa.

Questo metodo dovrebbe essere uno scambio privato di informazioni esclusivamente tra l’utente e il sito Web, noto come cookie di prima parte. Ma nel giro di due anni, gli inserzionisti hanno capito come “hackerare” i cookie per tracciare gli utenti. Questi sono cookie di terze parti.

Puoi pensare a un cookie proprietario come un commesso di un negozio che ascolta le tue preferenze ed è felice di tenere in mano le tue borse o i tuoi vestiti mentre fai la scelta, ma solo mentre sei all’interno del loro negozio.

READ  Microsoft ha promesso di ricercare attivamente il diritto alla riparazione

Un cookie di terze parti sembra un bug di un vecchio film di spionaggio. Ascolta tutto nella tua stanza, ma condivide le informazioni solo con i suoi alleati. La “spia” può inserire questo cookie sui siti web di altre persone, per registrare cosa visiti e quali dati inserisci. Se ti sei mai chiesto come Facebook ti ha pubblicato un annuncio relativo a una notizia che hai appena letto, è probabile che i cookie di terze parti siano abilitati.

Il tracciamento e il monitoraggio online non regolamentati tramite cookie sono stati l’impostazione predefinita fino al 2018, quando sono stati introdotti il ​​Regolamento generale sulla protezione dei dati (GDPR) dell’Unione Europea e il California Consumer Privacy Act (CCPA). Se vedi più popup che ti informano della presenza di cookie e richiedono il tuo consenso informato, devi ringraziare il Regolamento generale sulla protezione dei dati (GDPR) e il California Consumer Privacy Act (CCPA).

I primi browser a smettere di supportare i cookie di terze parti sono stati Safari di Apple nel 2017 e Firefox di Mozilla nel 2019.

Ma Google è anche un’importante società di pubblicità online, con gli annunci che costituiranno il 57,8% delle entrate di Google nel 2023. L’azienda è stata la più lenta a disattivare i cookie di terze parti in Chrome. Con l’introduzione della Privacy Sandbox, sperano ora di iniziare a disattivare i cookie nel 2024.

In cosa differisce il Privacy Shield dai cookie?

I dettagli su come funziona il set di funzionalità di Privacy Sandbox sono alquanto tecnici. Ma ecco alcuni degli aspetti più importanti.

Invece di utilizzare cookie di terze parti per pubblicare annunci online, Chrome fornirà qualcosa chiamato temi pubblicitari. Si tratta di riepiloghi di alto livello del tuo comportamento di navigazione, tracciati localmente (come nella cronologia di navigazione), a cui le aziende possono accedere su richiesta per fornirti annunci su argomenti specifici.

READ  Il successo per PS4 Uncharted 4 potrebbe passare al PC

Inoltre, ci sono funzionalità come Segmenti di pubblico protetti, che possono offrirti annunci di “remarketing” (ad esempio, Chrome tiene traccia della tua visita a un elenco di tostapane, quindi ora riceverai annunci per tostapane altrove) e Rapporti di attribuzione, che raccolgono dati su Clic sugli annunci.

In breve, invece che i cookie di terze parti facciano lo snooping, le funzionalità abilitate da tali cookie saranno disponibili direttamente in Chrome.

Il monitoraggio degli utenti è necessariamente negativo?

Sebbene Google promuova Privacy Sandbox come qualcosa che migliorerà la privacy degli utenti, non tutti sono d’accordo.

Se queste funzionalità fossero attivate, Google, una delle più grandi società pubblicitarie al mondo, sarebbe essenzialmente in grado di ascoltarti ovunque sul web.

Probabilmente, anche la tecnologia di tracciamento può avvantaggiarci. Ad esempio, potrebbe essere utile se un negozio online ti ricordasse ogni tre mesi che hai bisogno di un nuovo spazzolino da denti o che l’anno scorso in questo periodo hai comprato a tua mamma una cartolina di Natale.

Lo scarico dello sforzo cognitivo, come questi promemoria, è un ottimo modo in cui l’automazione può aiutare l’umanità. Se utilizzato in situazioni che richiedono precisione precisa, può rendere la nostra vita più semplice e piacevole.

Tuttavia, se non ti senti a tuo agio con il monitoraggio, l’alternativa ai cookie di terze parti potrebbe non essere necessariamente la nuova Privacy Sandbox di Chrome.

L’alternativa è disabilitare completamente il tracciamento.

Cosa sai fare?

Se non vuoi che le tue attività online vengano tracciate per scopi pubblicitari, ci sono alcune opzioni semplici.

Di gran lunga, la maggior parte dei browser privati ​​sono browser specializzati Do Not Track che danno priorità a Do Not Track, come DuckDuckGo e Brave. Ma se non vuoi avere questo tipo di conoscenza, Safari e Firefox hanno già bloccato i cookie di terze parti per impostazione predefinita.

READ  Gli utenti di Spotify possono finalmente scaricare musica su Apple Watch
Se non vuoi che le tue attività online vengano tracciate per scopi pubblicitari, ci sono alcune opzioni semplici. credito: Screenshot tramite chat

Se non ti dispiace qualche utile pubblicità mirata, puoi lasciare attive le impostazioni della Chrome Privacy Initiative.

Se desideri attivare o disattivare queste impostazioni, fai clic sui tre punti nell’angolo in alto a destra e vai a Impostazioni > Privacy e sicurezza > Privacy degli annunci. Non è chiaro se la disattivazione di queste funzionalità impedirà a Chrome di raccogliere del tutto questi dati o se non condividerà i dati con gli inserzionisti. Puoi trovare ulteriori dettagli su ciascuna funzionalità nella pagina della guida di Google Chrome.

Infine, è bene ricordare che nulla arriva davvero gratis. Lo sviluppo del software costa denaro. Se non lo paghi, probabilmente tu o i tuoi dati siete il prodotto. Dobbiamo rivoluzionare il modo in cui pensiamo ai nostri dati e al valore che hanno veramente.

Erica Mele è docente di informatica presso l’Università della Sunshine Coast.

Google inizierà a eliminare gli account Gmail inattivi

Google inizierà a eliminare gli account Gmail inattivi
Riccardo Auriemma
Riccardo Auriemma
"Esperto di Internet. Fan della TV. Analista esasperatamente umile. Pioniere di Twitter impenitente. Fanatico del caffè freelance."
Must Read
Related News