La prima diversità di denti è stata trovata nelle forme di mammiferi del Giurassico

I paleontologi hanno fornito nuove informazioni sulle differenze dentali primarie tra le forme dei mammiferi, fornendo una nuova prospettiva sul passato evolutivo di queste antiche bestie.

La scoperta, che ha coinvolto un team di ricercatori internazionali tra cui la professoressa Patricia Vickers-Rich della School of Earth, Atmosphere and Environment della Monash University, è stata pubblicata oggi sulla popolare rivista Nature.

La ricerca, condotta da un gruppo di paleontologi provenienti da prestigiose istituzioni di New York, Cina e Australia, esamina la struttura dei denti degli echidna giurassici per ottenere una migliore comprensione delle loro relazioni evolutive e delle traiettorie evolutive.

Il professor Vickers-Rich ha dichiarato: “Il nostro studio mette in discussione le teorie attuali e fornisce una nuova prospettiva sulla storia evolutiva delle forme dei mammiferi”.

“Forniamo approfondimenti vitali sulle relazioni evolutive e sulle traiettorie evolutive dei chowtirididi, che erano sconosciuti fino alle recenti scoperte in Cina, spiegando le loro complesse forme dei denti e i modelli occlusali”. Lei disse.

I Chutrididi, animali simili a mammiferi del periodo Giurassico, hanno sconcertato gli scienziati a causa delle loro caratteristiche dentali uniche.

I Chuthridiani avevano i cosiddetti “pseudodenti tribosfenici”, con lo “pseudopodio” (una struttura simile a quella pelvica) davanti al triangolo nei molari inferiori, in contrasto con lo schema tribosfenico visto nei mammiferi triangolari di oggi dove l'artiglio si trova dietro i denti. triangolo.

Il professor Vickers-Rich ha dichiarato: “Questo modello unico dei denti ha ostacolato la nostra comprensione delle relazioni dei chowdial e dei primi passi nell’evoluzione delle specie di mammiferi”.

Il gruppo di ricerca ha utilizzato tecniche avanzate per scoprire nuovi esemplari, alcuni contenenti scheletri completi, di shuotheriidi giurassici, consentendo un esame completo dei loro denti “falsi”. Nell'analisi di questo nuovo materiale, i ricercatori sono stati in grado di analizzare completamente le strutture dei denti utilizzando una varietà di analisi, indicando che le strutture dei denti dei chotrididi appaiono molto simili a quelle trovate nei docodontani.

READ  Il pallone della NASA rileva il terremoto in California - prossima tappa, Venere?

Lo studio indica che i chawthyrididi non hanno un vero triangolo nei denti inferiori, suggerendo una relazione con i docodonti più stretta di quanto si pensasse in precedenza.

Questa rivalutazione della struttura dei denti non solo risolve le spiegazioni irrisolte, ma porta anche a una riconsiderazione delle connessioni evolutive all’interno delle forme dei mammiferi.

Il coautore, il dottor Thomas Rich del Museum Research Institute di Victoria, ha dichiarato: “Nel 1982, una piccola mandibola giurassica con quattro denti è stata posizionata in un unico punto dell'albero genealogico dei mammiferi da me e Minchen Zhao. Ora due esemplari quasi completi sono stati analizzati in un modo diverso, collocandoli tutti in una posizione molto diversa nell'albero genealogico dei mammiferi. Campioni aggiuntivi e metodi diversi suggeriscono interpretazioni diverse. Questo è spesso il modo in cui funziona la scienza”.

Sulla base di questi nuovi dati, sembra che i chauthrididi appartengano ad un diverso clade chiamato Docodontiformes, separato dagli ausktribosphenidi, e quindi raggruppato con i docodontani. Questa scoperta evidenzia l'importanza delle pseudocaratteristiche del Bosfenio nello spiegare la prima diversificazione dei morfotipi dei mammiferi.

Il professor Vickers-Rich ha dichiarato: “Lo studio conferma la presenza di una grande varietà di morfologia dei denti nelle prime forme di mammiferi, suggerendo adattamenti ambientali unici durante lo sviluppo evolutivo all’interno dei mammiferi”.

“Le modifiche dentali come l’allargamento trasversale dei denti posteriori, la riorganizzazione delle cuspidi e persino la rotazione indicano diverse nicchie ecologiche abitate dai primi mammiferi”.

/Liberazione generale. Questo materiale dell'organizzazione/degli autori originali può essere di natura cronologica ed è modificato per motivi di chiarezza, stile e lunghezza. Mirage.News non assume posizioni aziendali o partiti e tutte le opinioni, posizioni e conclusioni qui espresse sono esclusivamente quelle dell'autore(i).

READ  Studio: i denti possono continuare a segnalare agenti patogeni per centinaia di anni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto