SanSeveroTV

Più notizie quotidiane di qualsiasi altra fonte di notizie italiana sull'italiano.

La NASA scopre che gli arresti locali hanno portato a un rapido calo globale dell’ozono

Un nuovo studio rileva che la riduzione della combustione di combustibili fossili a causa dei blocchi nelle città americane e asiatiche ha causato una diminuzione globale dell’inquinamento da ozono. credito: Pond5

Quando i blocchi durante la pandemia di coronavirus hanno ridotto le emissioni domestiche di ossido di azoto, l’impatto sull’inquinamento globale da ozono è stato inaspettatamente rapido.


Poiché la pandemia di coronavirus ha rallentato il commercio globale a passo d’uomo all’inizio del 2020, le emissioni di ossidi di azoto (NOX) – che crea ozono, Pericolo per il salute umana E il clima è diminuito del 15% a livello globale, con diminuzioni locali fino al 50%, secondo uno studio condotto dagli scienziati del Jet Propulsion Laboratory della NASA nel sud della California. Come risultato di NO . bassoX Le emissioni, entro giugno 2020, i livelli globali di ozono erano scesi a un livello che i responsabili politici pensavano che sarebbero stati necessari almeno 15 anni per raggiungere con mezzi convenzionali, come i regolamenti.

Lo studio mostra che le tecnologie innovative e altre soluzioni mirano a ridurre l’NOX A livello locale ha il potenziale per migliorare rapidamente la qualità dell’aria e il clima globali. Inserito oggi in progresso scientifico.

L’ozono ci protegge dai dannosi raggi solari quando è alto sopra la terra nella stratosfera. Nonostante la sua vicinanza alla Terra, ha altri effetti duraturi. Si stima che l’ozono superficiale abbia causato 365.000 decessi a livello globale nel 2019 danneggiando i polmoni di persone vulnerabili, come i bambini piccoli e quelli con asma.Riduce la crescita delle piante e la produzione agricola. E in cima alla troposfera ci sono potenti gas serra, che guidano le temperature globali.

Poiché la pandemia di coronavirus ha rallentato il commercio globale a passo d’uomo all’inizio del 2020, le emissioni di ossidi di azoto (NOX) – che crea ozono, un pericolo per la salute umana e il clima – è diminuito del 15% a livello globale con diminuzioni locali fino al 50%, secondo uno studio condotto dagli scienziati del Jet Propulsion Laboratory della NASA. Credito: Goddard Space Flight Center/Science Visualization Studio della NASA

Mentre il mondo entrava in uno stato di blocco, gli scienziati hanno avuto un’opportunità senza precedenti di studiare come l’attività umana interagisce con i processi naturali della Terra su scala regionale e globale. Un team di ricercatori internazionali guidati dallo scienziato del JPL Kazuyuki Miyazaki ha colto l’occasione per ricercare i due principali ossidi di azoto: l’ossido di azoto e il biossido di azoto, che sono NOX. Tracciano la catena di eventi dalla riduzione della combustione di combustibili fossili durante gli arresti alla riduzione dell’ossido di azoto domesticoX emissioni e infine per abbassare la troposfera globale inquinamento da ozono. Più rigoroso è un blocco statale, più emissioni diminuiranno. Ad esempio, gli ordini casalinghi in Cina all’inizio di febbraio 2020 hanno portato a un calo del 50% di NOX emissioni in alcune città entro poche settimane; La maggior parte degli stati degli Stati Uniti ha registrato un calo del 25% più avanti in primavera.

Il risultato complessivo della riduzione di NOX Le emissioni sono state una riduzione del 2% dell’ozono globale – metà della quantità più aggressiva di ossido di azotoXemissione I controlli considerati dall’Intergovernmental Panel on Climate Change, l’organismo ufficiale di esperti internazionali sul clima, avrebbero dovuto produrre nell’arco di 30 anni.

L’ozono taglia da NO . più bassiX Le emissioni si sono diffuse rapidamente in tutto il mondo e dalla superficie alla sommità per più di 6 miglia (10 chilometri). “Sono rimasto davvero sorpreso da quanto sia stato enorme l’impatto sull’ozono globale”, ha detto Jessica New, scienziata del JPL, coautrice del nuovo studio. “Ci aspettavamo più di una risposta locale in superficie”.

La NASA scopre che gli arresti locali hanno portato a un rapido calo globale dell'ozono

Figura 1 Un diagramma schematico della metodologia utilizzata in questo studio. (1) (a) le emissioni discendenti 2010-2019 ottenute dall’acquisizione dei dati chimici (linee verdi) sono state utilizzate per (b) valutare le variazioni delle emissioni nel tempo relativo dalla data di base (1 febbraio e 10 gennaio solo per la Cina) fino a luglio 31 ogni anno. (c) Le variazioni relative delle emissioni relative al tempo calcolate nel corso dei dieci anni (2010-2019) sono state calcolate in media per ottenere le variazioni climatiche relative delle emissioni (linea blu continua). (d) I cambiamenti climatici sono stati applicati ai valori delle emissioni del 2020 (linea rossa continua) alla data di base per ottenere le emissioni BAU del 2020 (linea blu continua) e quindi confrontati con le emissioni del 2020 per stimare la deviazione dalle emissioni di COVID. (2) La risposta dell’ozono a COVID-19 da febbraio a luglio 2020 e l’efficienza di produzione mensile di ozono stimata (OPE) dall’inizio alla fine di ogni mese sono stati stimati da modelli di simulazione sostituendo le emissioni BAU con le emissioni del 2020 per ciascuna regione o globalmente. TOB, Carico di ozono troposferico. (3) La risposta dell’ozono residente è stata confrontata con i cambiamenti osservati dal satellite tramite percorso a infrarossi (CrIS) e osservazioni di superficie.

Reazioni che spostano NOX L’ozono richiede la luce solare e dipende da molti fattori aggiuntivi, come il tempo atmosferico e altre sostanze chimiche nell’aria. Questi agenti interagiscono in vari modi che, in alcune circostanze, portano ad una riduzione dell’ossido di azotoX Le emissioni in realtà aumentano l’ozono. Pertanto i ricercatori non possono comprendere o prevedere le concentrazioni di ozono di NOX Solo dati sulle emissioni. Ciò richiede un’analisi più completa, come questo studio.

I ricercatori hanno utilizzato misurazioni NO.Xe ozono e altri gas atmosferici da cinque satelliti di osservazione della Terra della NASA e dell’Agenzia spaziale europea (ESA). Hanno alimentato le complicazioni Note satellitari a quattro modelli numerici di reazioni chimiche nell’atmosfera e nel tempo, utilizzando un sistema di analisi dei dati sviluppato presso il Jet Propulsion Laboratory. Hanno scoperto che i cambiamenti atmosferici dei modelli si adattavano bene alle osservazioni satellitari e riproducevano aumenti e diminuzioni noti delle emissioni man mano che le regioni entravano in blocco e oltre. Questi risultati indicano che entrambi non lo fannoX Le emissioni e l’ozono globale aumenteranno di nuovo con il ritorno dell’economia globale.

“Sono stato molto contento che il nostro sistema di analisi sia stato in grado di catturare i cambiamenti dettagliati nelle emissioni in tutto il mondo”, ha affermato Miyazaki. “La natura impegnativa e senza precedenti di questo lavoro è una testimonianza dei miglioramenti nell’osservazione satellitare al servizio delle esigenze della società”. Questa nuova capacità di combinare più tipi di osservazioni e modelli satellitari sta già aprendo una nuova comprensione dell’atmosfera terrestre e di come sta cambiando.


L’inquinamento da ozono diminuisce in Germania grazie alle minori emissioni di ossido di azoto


maggiori informazioni:
Kazuyuki Miyazaki et al, Risposte globali dell’ozono troposferico alla riduzione delle emissioni di NOx associate agli arresti globali di COVID-19, progresso scientifico (2021). DOI: 10.1126 / sciadv.abf7460

la citazione: I blocchi locali riducono rapidamente l’ozono globale, rileva la NASA (2021, 10 giugno) Estratto il 10 giugno 2021 da https://phys.org/news/2021-06-local-lockdowns-brough-fast-global.html

Questo documento è soggetto a copyright. Nonostante qualsiasi trattamento leale a scopo di studio o ricerca privato, nessuna parte può essere riprodotta senza autorizzazione scritta. Il contenuto è fornito solo a scopo informativo.

READ  Il ciclo di 27,5 milioni di anni di attività geologica