SanSeveroTV

Più notizie quotidiane di qualsiasi altra fonte di notizie italiana sull'italiano.

La NASA prevede di perseverare nel rover per provare il prossimo campione di roccia marziana, dopo il crollo del primo tentativo

Il team di perseveranza seleziona una nuova roccia per lag

La sonda Marte della NASA raschierà le rocce al centro di questa immagine, consentendo a scienziati e ingegneri di valutare se resisterà alle esercitazioni di campionamento più aggressive del rover. Credito: NASA/JPL-Caltech

Il rover raschierà le rocce questa settimana, consentendo a scienziati e ingegneri di decidere se quell’obiettivo reggerà il suo vigoroso allenamento.

Alla ricerca dei segni dell’antica vita microbica Martee NASAIl rover persistente si sta ancora una volta preparando per raccogliere i primi campioni di diversi campioni di roccia del nucleo che alla fine possono essere riportati sulla Terra per ulteriori studi.

Questa settimana, uno strumento sul braccio robotico da 7 piedi (2 metri) del rover raschierà la superficie di una roccia nota come “rochet”, consentendo agli scienziati di guardare all’interno e determinare se vogliono catturare un campione usando la punta del rover. . Il campione è leggermente più spesso di una matita ed è sigillato in uno dei restanti 42 tubi di titanio sul rover.

Se il team decide di prelevare un nucleo da questa roccia, il processo di campionamento inizierà la prossima settimana.

Rocket Mars Rock

Un primo piano della roccia, soprannominata “Rochette”, che il team di Perseverance Science esaminerà per determinare se deve essere prelevato un campione di roccia del nucleo. Credito: NASA/JPL-Caltech

La spedizione ha tentato di catturare il primo record del fondo del cratere il 6 agosto da una roccia che alla fine si è rivelata troppo frammentata, frantumando in polvere e pezzi di materiale troppo piccoli per essere contenuti nel tubo del campione prima di essere sigillato e immagazzinato all’interno del rover.

La perseveranza da allora ha trasportato 1.493 piedi (455 metri) sulla cresta soprannominata “Citadelle” – la parola francese per “castello”, un riferimento a come questo punto roccioso si affaccia sul pavimento del cratere Jezero. L’orlo è ricoperto da uno strato di roccia che sembra resistere all’erosione del vento, segno che è più probabile che regga durante lo scavo.

READ  "Smart Skin" resistente al sudore prende bio-elementi su cui si può fare affidamento, anche durante gli allenamenti e i pasti caldi

“È probabile che ci siano rocce più vecchie nella regione del ‘South Sittah’, quindi avere questo campione più giovane può aiutarci a ricostruire l’intera linea temporale di Jezero”, ha detto Vivian Sun, scienziata della missione presso il Jet Propulsion Laboratory della NASA nel sud della California. “. .

Tubo campione nella perseveranza della punta del trapano

Questa immagine a colori migliorata dello strumento Mastcam-Z a bordo del rover Perseverance della NASA mostra un campione di tubo all’interno della punta del trapano dopo che l’attività di perforazione è stata completata il 6 agosto. Credito: NASA/JPL-Caltech

Il team ha aggiunto un passaggio al processo di campionamento per questo tentativo imminente: dopo aver utilizzato il suo sistema di telecamere Mastcam-Z per l’endoscopia all’interno del tubo del campione, il rover metterà in pausa la sequenza di campionamento in modo che il team possa rivedere l’immagine per un nucleo di roccia. Regalo. Una volta confermato il campione, chiederanno di perseverare per chiudere il tubo.

Sebbene la roccia frantumata sia sfuggita alla cattura durante lo sforzo iniziale di acquisizione del campione, il primo tubo campione conteneva ancora un campione dell’atmosfera marziana, che la missione aveva originariamente pianificato di ottenere in un secondo momento.

“Restituindo i campioni sulla Terra, speriamo di rispondere a una serie di domande scientifiche, inclusa la composizione dell’atmosfera marziana”, ha affermato Ken Farley, uno scienziato del Perseverance Project presso il California Institute of Technology di Pasadena, in California. “Ecco perché siamo interessati a un campione dell’atmosfera con campioni di roccia”.

Mentre si trova in cima alla Citadelle, Perseverance utilizzerà il suo radar sotterraneo, chiamato RIMFAX – abbreviazione di Radar Imager per Mars Subsurface Experiment – per osservare gli strati di roccia sottostanti. La parte superiore della cresta fornirà anche un ottimo punto di osservazione per Mastcam-Z per cercare altri potenziali bersagli rocciosi nell’area.

Presentazione tecnica della NASA Perseverance Rover

Il rover Perseverance della NASA, mostrato in questa mostra d’arte, sta scavando un esemplare su Marte. Credito: NASA/JPL-Caltech

Maggiori informazioni sulla missione

READ  I fossili dell'Oceano Artico suggeriscono che il cambiamento climatico potrebbe non essere troppo grande per il plancton

L’obiettivo principale della missione Persevere su Marte è astrobiologiaCompresa la ricerca di segni di antica vita microbica. Il rover caratterizzerà la geologia del pianeta e il clima passato, aprirà la strada all’esplorazione umana del Pianeta Rosso e sarà la prima missione a raccogliere rocce marziane e regolite (roccia fratturata e polvere) e conservarle in un nascondiglio.

Le successive missioni della NASA, in collaborazione con l’Agenzia spaziale europea (ESA), invieranno veicoli spaziali su Marte per raccogliere questi campioni sigillati dalla superficie e riportarli sulla Terra per un’analisi approfondita.

La missione Mars 2020 Perseverance fa parte dell’approccio di esplorazione lunare-marte della NASA, che include Missioni Artemide Alla luna che aiuterà a prepararsi per l’esplorazione umana del pianeta rosso.

Laboratorio di propulsione a reazione, gestito dal California Institute of Technology per la NASA, ha costruito e diretto le operazioni della sonda rover.