SanSeveroTV

Più notizie quotidiane di qualsiasi altra fonte di notizie italiana sull'italiano.

Il pianeta in orbita attorno a una stella morta rivede il destino del nostro sistema solare

Gli scienziati hanno scoperto un esopianeta simile a Giove in orbita attorno a una stella morta che un tempo era simile al nostro sole, New York Times È stato segnalato. Secondo un articolo della rivista temperamento natura, Il Nana bianca La stella e il pianeta a 6.500 anni luce di distanza forniscono un’anteprima di ciò che accadrà al nostro sistema solare tra circa 5 miliardi di anni.

Quando una stella nana gialla come il nostro Sole esaurisce la sua scorta di elio, si espande a a gigante rosso E brucia i pianeti interni (Addio, Terra, Marte, Venere e Mercurio). Quindi si restringe dalla sua gravità in una nana bianca, una debole stella delle dimensioni della Terra circa la metà della sua massa originale. Sebbene il destino dei pianeti interni sia stato deciso, gli scienziati non sono abbastanza sicuri di cosa accada ai pianeti più distanti, come Giove e Urano.

Utilizzando il telescopio Keck II presso l’Osservatorio WM Keck alle Hawaii, un team di ricercatori ha scoperto un pianeta 1,4 volte più grande di Giove in orbita attorno a una debole stella nana bianca (circa il 60% delle dimensioni del Sole) in un pianeta simile a Giove. gira in orbita. Lo hanno capito usando una tecnica chiamata microgravità (grazie, Einstein), ed è possibile quando un bersaglio e una stella più vicina si allineano con la Terra. La stella più vicina devia la luce dall’oggetto, consentendo agli scienziati di osservarlo con un telescopio.

Il team ha cercato di trovare la stella associata al pianeta, ma alla fine ha concluso che doveva essere una nana bianca troppo debole per essere osservata direttamente. Gli scienziati avevano precedentemente scoperto un diverso pianeta simile a Giove attorno a una nana bianca, ma la sua orbita era molto più vicina, quindi non era una grande controparte del nostro sistema solare.

READ  Le risposte delle cellule T di memoria ai coronavirus stagionali possono proteggere dal coronavirus emergente?

I risultati suggeriscono che i pianeti con orbite larghe sono probabilmente più comuni dei pianeti interni. Mostra anche che alcuni mondi nel nostro sistema solare potrebbero sopravvivere alla morte del Sole. Il coautore David Bennett ha dichiarato in una dichiarazione: “Il futuro della Terra potrebbe non essere così roseo perché è molto più vicino al sole. Se l’umanità volesse andare sulla luna di Giove o su Saturno prima che il sole frigga la Terra mentre è rossa. Un palcoscenico gigante, rimarremo in orbita intorno al sole.” , anche se non potremo fare affidamento sul calore del sole come una nana bianca per molto tempo.”