SanSeveroTV

Più notizie quotidiane di qualsiasi altra fonte di notizie italiana sull'italiano.

La mamma di Sydney “fatta a pezzi” dai sintomi del COVID emette una richiesta straziante

Una “decente” mamma di Sydney con COVID ha dettagliato la sua battaglia con il virus “infernale” in una serie di post strazianti.

Melissa Green è stata ricoverata in ospedale il 19 luglio quando i suoi livelli di ossigeno sono scesi.

Ha detto che lei e la compagna Dion erano “sane” quando hanno contratto il virus mortale che ha infettato la loro figlia di tre anni, Lola.

In una serie di post su Facebook, che Melissa ha dato il permesso di condividere su 7NEWS.com.au, Melissa ha affermato che la famiglia era “scioccata” nel ricevere risultati positivi al COVID perché erano “cauti e vigili”.

Mentre inizialmente ha detto che la famiglia stava “bene”, a parte perdere il suo senso dell’olfatto e del gusto, le cose presto hanno preso una brutta piega.

Melissa Green, di Marubra, è stata ricoverata in ospedale il 19 luglio quando i suoi livelli di ossigeno sono scesi.
Melissa Green, di Marubra, è stata ricoverata in ospedale il 19 luglio quando i suoi livelli di ossigeno sono scesi. credito: fornito

Dopo appena un giorno, i monitor dell’ossigeno sulla punta delle dita hanno mostrato che il livello di ossigeno di Melissa era “troppo basso” e la sua frequenza cardiaca era leggermente elevata.

“Non c’è bisogno di preoccuparsi, solo dolori muscolari, brividi e mal di testa”, ha scritto la madre all’epoca.

“Dion si sente molto stanco come se avesse corso una maratona ma era a letto. Ha concluso.

Simbolo del gallone destro

Questo è stato uno shock completo

Ma entro 48 ore, Dion è stato portato al pronto soccorso dove soffre di “gravi dolori al petto” e “difficoltà respiratorie”.

“È uno dei più forti e in forma che conosca, quindi è stato uno shock totale”, ha scritto Melissa il 18 luglio.

Il giorno dopo, mentre Dion stava abbastanza bene da tornare a casa, i bassi livelli di ossigeno di Melissa portarono anche lei al pronto soccorso.

Condividendo una foto straziante di se stessa in un letto d’ospedale con un tubo nel naso il 20 luglio, Melissa ha detto che ha ancora a che fare con alte temperature e bassi livelli di ossigeno.

Simbolo del gallone destro

“Per favore, prendilo sul serio.”

“Farsi vaccinare o meno, è una scelta di tutti. Ma se pensi che il nostro sistema ospedaliero possa gestire il virus aprendosi, hai qualcos’altro in arrivo”, ha scritto Melissa.

“Questa alternativa attacca i giovani, gli anziani, i sani e in forma, nonché quelli con problemi di salute. Per favore, prendilo sul serio”.

24 ore dopo, Melissa era ancora in ospedale e stava affrontando la sua “giornata più dura”.

Melissa e il suo compagno erano Dion
Melissa e la compagna Dion erano “in forma e in salute” quando hanno contratto il virus che ha infettato anche la loro giovane figlia, Lola. credito: fornito

“Ho combattuto contro temperature fino a 40 ° C tutto il giorno. Sto ancora prendendo ossigeno e domani inizierò a prendere tocilizumab e remdesivir e spero che questo mi dia un po’ di sollievo”.

“Ho scoperto oggi che ci sono altre 14 persone qui in ospedale e pochissime nel reparto di terapia intensiva.

“Dion è ancora a casa con Lola che gestisce il suo piano per l’asma, ma è molto stanco e senza fiato, ma sta facendo un ottimo lavoro nel prendersi cura del nostro bambino.

“Spero che domani andrà meglio. Una cosa di questo virus è che sei su e giù, ma quando colpisci la superficie è peggio di prima.

“L’infermiera mi ha detto che i prossimi giorni potrebbero essere più difficili”.

Melissa ha documentato la sua lotta in una serie di post emozionanti.
Melissa ha documentato la sua lotta in una serie di post emozionanti. credito: fornito

Il giorno dopo, Melissa ha ammesso che sebbene i suoi sintomi fossero buoni e non avesse dolore, “ha perso il controllo delle cose che nessuno vuole provare”.

“Questo virus mi ha fatto a pezzi”, ha scritto. “Sono lontano da mio figlio e dal mio partner da solo in un acquario in una stanza che cerca di combattere per tornare a casa da due persone che amo con tutto il cuore.

“Tutto quello che voglio è andare a casa e tenere stretto il mio bambino.

Incrociamo le dita per strada.

Simbolo del gallone destro

“Ho pianto e pianto oggi da solo in una stanza dove combatto la battaglia più dura”.

Il 23 luglio, ha detto a Melissa che probabilmente sarebbe rimasta in ospedale per altri cinque giorni.

“Sono altri cinque giorni senza coccole con il mio bambino, senza coccole con il mio partner.

“Ho pianto e pianto oggi da solo in una stanza dove sto combattendo così duramente.

“Hanno cercato di tirarmi su e ho camminato e ho resistito per 40 secondi prima di crollare sul letto – è pazzesco!

“Per qualcuno che gioca molte partite o a netball e arbitri a settimana e ora non riesco nemmeno a camminare per 40 secondi. Che cosa mi ha fatto questo virus? Quanto tempo mi ci vorrà per riprendermi? Chi lo sa?”

“So che tutti fanno un lavoro duro, ma fidati di me questo posto è il più difficile sia mentalmente che fisicamente. Resta a casa e stai al sicuro. “

Melissa e sua figlia hanno contratto il COVID.
Sia Melissa che sua figlia hanno contratto il virus COVID. credito: Facebook

Il 24 luglio è stato “il giorno più duro per Melissa finora”, con la madre che lo ha descritto come “fastidioso” sia fisicamente che mentalmente.

“Mi sono svegliata questa mattina con i livelli di ossigeno più bassi che ho avuto da quando ero qui e ho dovuto lottare con i medici per farmi entrare in reparto perché non volevo andare in terapia intensiva”, ha scritto.

“Almeno dove mi trovo ho una finestra sul mondo esterno.”

Mentre la madre colpita guardava la notizia delle proteste di blocco che stavano spazzando Sydney, si è detta “triste”.

“Credo nella libertà e nei diritti delle persone, ma… quelli che sono venuti a protestare ci sono costati più tempo sotto il blocco, quindi solo voi stessi potete dare la colpa”, ha scritto.

Melissa ha parlato di un virus
Melissa ha parlato del virus “dell’inferno”. credito: Facebook

Dopo una settimana in ospedale, Melissa ha raccontato di come il suo cuore si stava “spezzando”.

“Questo virus è un inferno”, ha scritto. “Separa le persone dai loro cari, distrugge la tua salute e ti sfida mentalmente.

“Le persone non riescono a vedere quanto è contagioso? Seriamente, resta a casa così possiamo vedere tutti una fine in vista”.

Alla fine, dopo otto notti in ospedale, a Melissa è stato permesso di tornare dalla sua famiglia.

“Mi sto riprendendo lentamente”, ha detto, “ma ci arriverò”.

“Resta a casa e tieniti al sicuro.”

READ  Abbiamo rintracciato 5 misteriose esplosioni radio veloci nelle braccia di galassie a spirale lontane