HomeEconomyLa Good Group Australia, proprietaria del massacro del Botswana, è crollata, mettendo...

La Good Group Australia, proprietaria del massacro del Botswana, è crollata, mettendo a rischio più di 200 posti di lavoro

Di Ashley Nickel per Daily Mail Australia

07:42 del 2 maggio 2024, aggiornato alle 07:57 del 2 maggio 2024

La società madre di numerosi ristoranti raffinati con sede in famose località australiane è crollata, con 23 milioni di dollari di debiti e oltre 200 posti di lavoro a rischio.

Good Group Australia, proprietario dell'esclusiva catena di steakhouse Botswana Butchery e di diversi ristoranti asiatici, ha annunciato il mese scorso di essere entrato in amministrazione volontaria.

La famosa macelleria del Botswana ha venduto bistecche fino a 500 dollari l’una nei ristoranti di Sydney, Melbourne e Canberra.

Questi tre ristoranti impiegano 200 dipendenti e tutte le filiali continuano a funzionare.

Tuttavia, tre delle altre principali attività del gruppo – White and Wong's a Martin Place a Sydney e Chadstone a Melbourne, e Wong Baby's a Chapel Street a Melbourne – hanno cessato l'attività.

Good Group Australia, proprietario della catena di lusso Botswana Butchery (nella foto), è entrato in amministrazione volontaria il mese scorso

Un rapporto inviato ai creditori questa settimana e ottenuto da News.com.au, ha rivelato che il gruppo doveva circa 23 milioni di dollari ad Andrew Salway e Duncan Clube, di BDO Australia, incaricati di supervisionare le sue sette attività.

Good Group deve 9,7 milioni di dollari alla Commonwealth Bank in debiti garantiti e 4,5 milioni di dollari ad altri creditori, inclusi proprietari, fornitori e dipendenti.

Il suo debito verso i soli proprietari immobiliari ammonta a 1,81 milioni di dollari. Il proprietario della sede centrale della società a Melbourne ha sfrattato il gruppo per mancato pagamento dell'affitto.

Il proprietario dovrebbe recuperare parte del denaro tramite fideiussioni.

Ulteriori 9,3 milioni di dollari sono dovuti in prestiti interaziendali.

Il debito cumulativo di Good Group nei confronti dei dipendenti è uno dei conti più grandi: 523.804 dollari in ferie annuali non retribuite e congedi di lunga durata.

READ  Questi bellissimi borghi in Italia ti pagheranno $ 33.000 per trasferirti lì

I lavoratori hanno inoltre diritto a 92.000 dollari di pensione non retribuita.

Altre società collegate a Good Group gli hanno prestato 9,3 milioni di dollari in prestiti con parti correlate.

La società deve anche circa 3,6 milioni di dollari in tasse, ma i funzionari non hanno incluso quel debito nell’importo totale perché l’ufficio fiscale australiano non ha ancora fornito alcuna prova dei suoi crediti.

La famosa macelleria del Botswana ha venduto bistecche fino a 500 dollari l’una nei ristoranti di Sydney, Melbourne e Canberra.

Il rapporto dell'amministratore rileva che i direttori di Good Group, che risiedono tutti in Nuova Zelanda, non hanno risposto alle loro richieste di informazioni.

BDO Australia cercherà di segnalare gli amministratori all'autorità di regolamentazione finanziaria ASIC.

Salway e Klopp ritengono che il gruppo non sia in grado di ripagare i propri debiti dallo scorso settembre.

In termini di risorse, i ristoranti contenevano cibo e alcol per un valore di centinaia di migliaia di dollari.

La macelleria di Canberra Botswana, aperta solo a gennaio, aveva cibo per un valore di 19.327 dollari e bevande per un valore di 67.236 dollari.

Il valore della merce nei suoi ristoranti di Sydney e Melbourne era ancora più alto.

La steakhouse di Melbourne aveva cibo per un valore di 58.906 dollari e bevande per un valore di 168.493 dollari.

Il ristorante di Sydney aveva un valore stimato di cibo di 28.701 dollari durante il conteggio dell'inventario, mentre i suoi prodotti alcolici ammontavano a 119.181 dollari.

Tuttavia, Salway e Klopp hanno osservato che “la maggior parte delle scorte alimentari sono deperibili e avrebbero quindi un valore molto limitato in uno scenario di liquidazione”.

Sebbene i ristoranti della Botswana Butchery rimangano aperti, hanno subito perdite operative per un totale di 207.000 dollari.

READ  Il Queensland si precipita a raccogliere nuovi siti di esposizione al COVID dopo un caso positivo a Sydney

I funzionari hanno raccomandato di mettere il gruppo in liquidazione.

Prima della chiusura, anche White and Wongs e Wong Baby Chapel avevano operato in perdita sin dall'apertura, con i soldi del gruppo neozelandese per mantenerli a galla, rileva il rapporto.

Il proprietario dell'epicureo del Botswana ha chiuso i ristoranti White and Wong's a Martin Place a Sydney, Chadstone a Melbourne e Wong Baby a Chapel St a Melbourne.

“Le sedi non sono state redditizie da quando hanno aperto”, hanno detto i funzionari.

“Il gruppo deve 9,3 milioni di dollari in prestiti interaziendali a entità neozelandesi. Il gruppo faceva affidamento su entità neozelandesi per finanziare le operazioni quotidiane e le perdite commerciali.

Salway e Klopp hanno deciso che il lancio del gruppo di ospitalità in Australia era inopportuno perché “coincideva” con la pandemia di Covid.

La conseguente crisi del costo della vita segnò il destino del gruppo, con costi operativi in ​​aumento del 10% ogni mese.

Per saperne di più: Un duro segno dei tempi: il ristorante e bar Lima Nikkei, aperto con recensioni entusiastiche nel CBD di Sydney, chiude dopo essere rimasto in attività per soli sei mesi

Orsina Fiorentini
Orsina Fiorentini
"Fan zombi sottilmente affascinante. Fanatico della TV. Creatore devoto. Amico degli animali ovunque. Praticante del caffè."
Must Read
Related News