SanSeveroTV

Più notizie quotidiane di qualsiasi altra fonte di notizie italiana sull'italiano.

La confluenza di arte e cinema

L’arte non è accessibile. È una fronte alta. È per le stagioni. Quante volte abbiamo sentito queste parole senza pensare all’estetica della vita quotidiana? L’arte contemporanea nelle culture visibili dell’Italia e dell’India cerca di rompere molte di queste affermazioni esplorando l’arte contemporanea in entrambi i paesi. I due curatori del progetto panoramico, David Quadrio e Mina Mukherjee, hanno coinvolto il pluripremiato regista nazionale Oner come direttore della fotografia per garantire che possa accompagnare gli spettatori in un viaggio visivo semplificato. In discussione con Saime Star, The Trio parla del progetto, di quanto sia diffuso e delle conversazioni che potrebbe scatenare

Come è stato concepito il progetto?

Meena: Ho lavorato con Davide sul programma di scambio di idee e arte Italia-India presso l’India Art Gallery due anni fa. Abbiamo apprezzato così tanto questo scambio interculturale che c’erano artisti, tre in ciascuno, dall’Italia e dall’India. Ciò che sorprendeva era l’eco tra di loro. È stato un momento globale e misto. Mentre le caratteristiche del lavoro erano site-specific, c’era un’universalità condivisa come artiste donne.

Da lì è nato il seme dell’idea. Poiché il riverbero era ampio, volevamo condividerlo con un pubblico più ampio. Ben presto le cose andarono a posto quando David fu invitato come curatore di Artissima, le gallerie d’arte più importanti d’Italia, per l’India. Quando una storia più grande ha preso forma, siamo diventati più ambiziosi e volevamo comunicare l’idea alla base dell’organizzazione. Volevamo condividere questo film e un film, poiché c’è un pubblico più ampio e diversificato così come coloro che sono nuovi alla conversazione artistica o che non sono amanti dell’arte ma hanno una tendenza verso di essa, è stato considerato il modo migliore per farlo esso.

Per me parlare dell’India e della sua estetica è inseparabile dalla privacy del luogo. Invece di spiegarlo al pubblico, possono sbirciare nelle filosofie dell’estetica e della storia e stare al passo con la vita quotidiana, i paesaggi, l’artigianato, le arti e la situazione politica.

La mia poesia risuona in entrambi i paesi in termini di soggetti, materiale, forma e così via. Ci sono diverse intersezioni nel processo di pensiero intellettuale, il tempo e la durata, il modo in cui gli artisti lavorano e il modo in cui la natura interagisce.

David: Eravamo a un punto in cui avremmo potuto avere un vero scambio. Ci sono state domande sul nostro ruolo di mitigatore culturale e sul ruolo della cultura nel mondo contemporaneo, specialmente nell’epidemia. Gli esseri umani non sono solo consumatori o sopravvissuti, sono esseri culturali. Questa non è solo un’escursione ma anche una riflessione critica sul ruolo della cultura e dell’arte. C’è una forte idea di presentare cosa significa essere in un ambiente multiculturale e di presentare la propria cultura attraverso un paesaggio contemporaneo. L’idea non è semplificare ma renderlo più stratificato.

READ  Aubrey Plaza sciocca i fan con la notizia che è sposata con il partner di lunga data Jeff Paena

Qual è l’impatto del provvedimento e della loro visione sulle arti?

OnerA: Per i registi indipendenti, la censura esiste da anni e abbiamo negoziato diversi tipi di cose che non dovrebbero essere fatte. Quando è arrivato OTT, pensavamo che avesse più possibilità, ma ora ci sono nuove leggi. Ti viene sempre detto di essere sensibile alla religione e altro, ma da qualche parte l’artista è scomparso nello schema delle cose. Tuttavia, l’arte è una compulsione che non ti permette di rimanere calmo come dimostra il cinema iraniano. Si tratta di creare una nuova narrazione per raccontare una storia.

D: Penso che l’estremismo stia accadendo a livello globale. Questa situazione è favorevole all’arte e alla cultura non sono secondarie. C’è una forte volontà di trovare soluzioni e modi per fare le cose, oltre a supportare la creatività delle persone.

M: Una delle cose più interessanti nell’arte, quando si guarda all’estremismo, è l’etimologia della parola. La parola radicale è le radici. Quindi stai sostanzialmente tornando alle tue radici sia filosoficamente che simbolicamente.

Ho trascorso 20 anni a New York e il fardello di recitare lì era molto frustrante. Ad esempio, se tu fossi un ballerino, improvvisamente tutti direbbero che questo è un ballo dell’Asia meridionale, ma sappiamo che ci sono molti balli solo in India. Ciò significa che se stai conducendo qualcuno a un’esibizione di cultura, la sua molteplicità è così enorme che nulla può essere compreso sulla cultura a meno che lo spettatore non ne accetti volentieri la complessità.

Passando dal Kashmir al Gujarat, ci sono state così tante storie e scontri sorprendenti che non esiste un modo coerente di pensarli. Il documentario esamina molteplici verità in questo particolare momento nel tempo. La cosa meravigliosa è che guarda sia i riferimenti, sia le deviazioni da questi riferimenti storici e materiali. Spera di intravedere la diversità in tutto il suo splendore.

Quindi, pensi che questi più siti aggiungano allo storytelling?

M: Sì, certo. Ci sono somiglianze e differenze tra – Maharaja Sayajirao University of Gujarat e Shanti Nikitan, Bengal – le due più famose istituzioni accademiche d’arte. Poi ci sono molte tradizioni minori insieme a tradizioni popolari e artigianali, tradizioni di tessitura, modelli o riferimenti, filosofia, spiritualità … c’è molto di più. Anche quando ti riferisci a un paesaggio semplice, è diverso nelle diverse parti dell’India.

READ  I registi europei sotto i 35 anni sono stati protagonisti del Riviera International Film Festival

D: La sovrapposizione di sentimenti o relazioni si esprime attraverso il raggruppamento di cose o estremi. Questo esplode in una reazione emotiva piuttosto che in un’analisi storica o intellettuale. Onir è così importante in questo mondo che ne deriva e il suo modo di pensare è completamente diverso. È un viaggio attraverso sentimenti, pensieri e diagrammi di pensieri e dubbi e questo è infatti ciò che renderà il film così attraente in quanto non si tratta di un’idea lineare ma piuttosto un viaggio complesso attraverso riferimenti ed estetica di connessione o separazione effettiva dell’India. e l’Italia.

Diresti che più siti e più artisti si aggiungono a queste voci di diversità?

M e D: Sì, naturalmente.

D: Questo è ovviamente un punto di vista e una decisione retorica. Non si tratta sempre dell’assoluto. Si tratta di scelte, di afferrare le cose e di tornare indietro. L’idea è di portare tutte quelle immagini e adattarle al minimo e al massimo possibile.

M: Il motivo per portare Onir è perché volevamo portare un outsider che lo vedesse anche dal punto di vista del pubblico con occhi nuovi. Quindi, se avesse senso per Onir, avrebbe senso per il pubblico. È estraneo al processo mentre fa parte del viaggio.

È un tentativo di colmare il divario perché l’arte è considerata alta e inaccessibile?

D: Quando Myna mi ha contattato, l’idea di renderla più accessibile è stata eccitante. Questo non era un documentario tecnico dal punto di vista di un superiore che parlava di cose che non capisci, ma un viaggio per vivere e capire la lunga storia dell’arte e dell’arte contemporanea nel contesto della natura, della cultura, delle tradizioni e di tutto il resto. Per me, iniziare dal Kashmir e andare in Gujarat ha cambiato il modo in cui ho iniziato a vedere la forma e il design e influenzerà il modo in cui vengono girati i film. Per rendere l’arte accessibile ci vuole un piccolo passo. Questo viaggio mi ha aiutato a fare questo passo e spero che lo faccia anche per altre persone.

Quali sono le sfide nel portare tutto – il viaggio dal Kashmir al Gujarat e le influenze italiane e indiane – su un’unica piattaforma?

D: Per me, la bellezza sta nel trovare diversi filoni con punti in comune perché questo è tutto ciò di cui l’umanità è tutta. È come la poesia, dove si usano lingue diverse per trasmettere gli stessi sentimenti. Vedi la natura, le tradizioni, i modelli, le forme ei colori del Kashmir risuonare in Gujarat mentre è diverso.

READ  Lara Worthington annuncia il volto del marchio di costumi da bagno Seafolly | Immagini

L’attenzione si concentra maggiormente sugli artisti contemporanei nel documentario?

D: È contemporaneo, ma arriva con migliaia di anni di storia. La cosa bella è che parliamo delle opere di artisti contemporanei e mostriamo l’ambiente che ha portato alla nascita della loro arte.

D: Ciò che è interessante non è il conflitto tra il passato e il presente, ma come il presente viene dalla storia. Quando parli di come vengono preservate le tradizioni, vedi anche professionisti che si basano su quella tradizione. Andremo all’ABC della creatività e mostreremo che l’arte è un discorso e una pratica che non è in conflitto ma è una conseguenza naturale sebbene possa essere in conflitto con le tradizioni.

M: Non penso alla storia come a una progressione lineare, ma molto di più come a un continuum. Tutto nell’Asia meridionale è ellittico. Ciò che è nuovo oggi è vecchio domani e ciò che è vecchio domani diventa anche nuovo sorprendentemente. Che si tratti del materiale, del colore, del metodo di fabbricazione e del suo utilizzo da parte degli artisti sulla tempura e sugli affreschi. Allo stesso modo, mentre i riferimenti alla metafora e ai miti si trovano nelle culture antiche, anche gli artisti contemporanei sono molto giovani oggi.

A quale pubblico ti rivolgi e cosa dovrebbero guardare?

M: Speriamo che il film sia un punto di ingresso per qualcuno interessato all’arte ma mai esposto a conversazioni diverse o ad alcune storie d’arte diverse. Allo stesso tempo, vogliamo che gli artisti trovino risonanza con altri artisti da una parte del mondo o da altre parti del mondo. Non è un testo storico ma più simboli e segni che danno un punto di ingresso all’estetica. È una data al plurale.

D: Vogliamo un film che trascenda il linguaggio intellettuale in cui l’arte contemporanea è stata universale e tenti di creare una narrazione che parli alle persone.

D: Fornisce un’esperienza a qualcuno che naviga nell’arte ma non ha familiarità con essa, ma allo stesso tempo ha strati e sottotesti intrecciati silenziosamente in esso dando una narrazione più accurata di artisti che hanno familiarità con il discorso.