SanSeveroTV

Più notizie quotidiane di qualsiasi altra fonte di notizie italiana sull'italiano.

La città ai piedi dell’Italia “morente” cerca il patrimonio dell’UNESCO, le notizie europee e le prime storie

Civita de Pagnorezio, Italia (REUTERS) – Definirsi “The Dying Town” potrebbe non sembrare il modo migliore per attirare visitatori, ma una città collinare nel centro Italia ha imparato a creare una vita dai morti.

Ha resistito a lungo a morte certa e la città di Civita, in Italia, ei suoi dintorni di valli e rocce, noti come “Badlands”, sono stati designati Patrimonio dell’Umanità dall’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’educazione, la scienza e la cultura (UNESCO) .

Secoli fa, la città era molto grande ed era collegata via strada ad altri insediamenti. Ma le frane, i terremoti, le crepe e l’erosione hanno ridotto drasticamente le sue dimensioni e sono rimasti soli a una velocità vertiginosa.

Quando le nuvole invernali sono basse, la Civita sembra un castello sospeso nell’aria. In una giornata limpida, la roccia su cui si trova sembra un pezzo di torta a più strati.

L’argilla, che proveniva da un oceano interno un milione di anni fa, sostiene strati di cenere e magma compressi dalle successive eruzioni vulcaniche.

Il passato, il presente e il futuro di Cvita Oggetto del sogno di un geologo, una grande frana nel 1114 è ancora allo studio.

“In tremila anni, la pratica reazionaria dell’erosione ha ridotto Civita a un nucleo, lasciando la piazza e alcune strade intorno”, ha detto il geologo Luca Costandini, che fa parte di un piano di monitoraggio e lenta erosione.

Nelle grotte sotterranee scavate nella morbida roccia vulcanica chiamata tufo, aste d’acciaio tengono insieme le pareti.

“Il nostro obiettivo è ‘regressione’ perché Civida è stata fondata dagli Etruschi ed è arrivata ai giorni nostri, passando per l’epoca romana e per tutto il medioevo”, ha detto Luca Propili, sindaco di Bignoregio, di cui Civida fa parte.

READ  Gli italiani si recheranno in Nuova Zelanda nella finale di Coppa degli Stati Uniti - riferisce Rob

“Questo posto è molto fragile”, ha detto.

Una parte di quella debolezza viene misurata da un “estensimetro” che rileva il movimento con un’asta telescopica esterna.

La Civita che rimane oggi è per lo più medievale e misura circa 152 metri per 91 metri, meno di due campi da calcio. La sua piazza principale ha all’incirca le dimensioni di un campo da basket.

Una montagna si è estesa tre volte la sua dimensione attuale e per secoli l’intero quartiere è crollato in frane. Oggi è possibile accedere ai pedoni o ai golf cart tramite una curva lunga e ripida.


Un residente riposa mentre attraversa il ponte che collega la terraferma a Civita. Foto: REUTERS

Il numero di residenti permanenti varia da 10 a 14 a seconda della stagione. Prima dell’epidemia, Civida era una bilancia per i turisti in viaggio tra Roma e Firenze.

I cartelli stradali indirizzano i visitatori a “Civida – The Dying Town”.

Il signor Stefano Lucarini, 29 anni, ha acquistato un ristorante a Civita nel marzo 2020, pochi giorni prima della prima serrata del Govt-19.

“Il tempo non è grande”, ha detto. Ma dopo l’epidemia, spera che la città riesca a rialzarsi.

“Il rischio ambientale è una preoccupazione (ma) speriamo che per molti anni tutti possano godersi la città”, ha detto.

Il portavoce del sindaco, Roberto Bomi, ha detto che l’Italia ha presentato la proposta del sito del patrimonio a gennaio e si aspetta che l’UNESCO decida in merito a giugno del prossimo anno.