HomescienceLa cattiva salute e lo stress negli anni venti danneggiano le capacità...

La cattiva salute e lo stress negli anni venti danneggiano le capacità cognitive degli anni quaranta

Una maggiore infiammazione nella prima giovinezza è associata a prestazioni inferiori nei test di abilità nella mezza età.

Un nuovo studio condotto presso l’Università della California, a San Francisco, rileva che i giovani che presentano livelli più elevati di infiammazione, legata all’obesità, alla mancanza di attività fisica, alle malattie croniche, allo stress e al fumo, possono sperimentare una diminuzione della funzione cognitiva nella mezza età.

I ricercatori hanno precedentemente collegato una maggiore infiammazione negli anziani alla demenza, ma questo è uno dei primi studi a collegare l’infiammazione nella prima età adulta alla diminuzione delle capacità cognitive nella mezza età.

“Sappiamo da studi a lungo termine che i cambiamenti cerebrali che portano alla malattia di Alzheimer e ad altri tipi di demenza possono richiedere decenni per svilupparsi”, ha detto il primo autore. Ambra BahorekPh.D., presso il Dipartimento di Psichiatria e Scienze Comportamentali dell’Università della California, San Francisco Istituto di Neuroscienze Weill“Volevamo vedere se le abitudini di salute e di stile di vita nella prima età adulta potessero svolgere un ruolo nelle capacità cognitive nella mezza età, che a loro volta potrebbero influenzare la probabilità di sviluppare demenza più avanti nella vita”.

Nel loro studio, pubblicato in Neurologia Il 3 luglio, i ricercatori hanno scoperto che solo il 10% delle persone con bassa infiammazione aveva risultati scarsi in un test di velocità di elaborazione e memoria, rispetto rispettivamente al 21% e al 19% delle persone con livelli di infiammazione moderati o elevati.

Quando i ricercatori si sono adeguati a fattori quali età, attività fisica e colesterolo totale, le disparità nella velocità di elaborazione sono rimaste; I ricercatori hanno anche riscontrato differenze nel funzionamento esecutivo, che comprende la memoria di lavoro, la risoluzione dei problemi e il controllo degli impulsi.

READ  Migliorare le misurazioni del carbonio nel suolo consente agli agricoltori africani

Lo studio ha incluso 2.364 adulti nello studio CARDIA, che mira a identificare i fattori nella prima giovinezza che portano a malattie cardiovascolari due o tre decenni dopo.

I partecipanti avevano tra i 18 e i 30 anni quando sono entrati nello studio e sono stati testati quattro volte in un periodo di 18 anni per il marcatore infiammatorio della proteina C-reattiva (CRP). Sono stati sottoposti a test cognitivi cinque anni dopo l’ultima misurazione della CRP, quando ormai la maggior parte dei partecipanti aveva tra i 40 e i 50 anni.

Circa la metà dei partecipanti erano donne; Poco meno della metà erano neri e il resto era bianco. Circa il 45% presentava un’infiammazione meno stabile, mentre il 16% presentava un’infiammazione moderata o crescente; Il 39% di loro aveva livelli più alti.

La relazione tra infiammazione e rischi per la salute

I ricercatori hanno anche collegato alti livelli di infiammazione all’inattività fisica, all’elevato indice di massa corporea e al fumo attuale.

“L’infiammazione gioca un ruolo importante nell’invecchiamento cognitivo e può iniziare nella prima età adulta”, ha affermato l’autore principale dello studio. Cristina Yaffe“L’infiammazione probabilmente ha un effetto diretto e indiretto sulla cognizione”.

Yaffe è membro del primo team di esperti a concludere che il 30% del rischio di demenza è prevenibile. La sua recente ricerca ha esaminato la relazione nella mezza età tra Sonno interrotto e diminuzione delle capacità cognitive E i suoi effetti Cambiamenti nella salute personale e nello stile di vita per prevenire la perdita di memoria Gli anziani sono i più a rischio.

“Fortunatamente, ci sono modi per ridurre l’infiammazione – come aumentare l’attività fisica e smettere di fumare – che potrebbero rappresentare percorsi promettenti per la prevenzione”, ha detto Yaffe.

READ  2000 scioperi contro i lavoratori del settore alimentare a Sydney

Coautori: Tina Huang, MPH, del Northern California Research and Education Institute; David R. Jacobs, PhD, Università del Minnesota; Deborah Levin, Ph.D., Università del Michigan, Ann Arbor.

Finanziamento: consultare il documento.

Informativa: Yaffe riferisce di far parte del Data Safety Monitoring Board di Eli Lilly e di diversi studi sponsorizzati dal National Institute on Aging, Consulting Services per Alpha Cognition, di far parte del Consiglio di amministrazione di Alektor, Data, Safety and Monitoring Services per la Principale unità di sperimentazione della rete genetica dell’Alzheimer e fa parte del consiglio di amministrazione del consulente scientifico di Bison e del Consiglio globale per la salute del cervello.

Informazioni su UCSF Health: UCSF Health è conosciuta a livello globale per la sua innovativa cura dei pazienti, che riflette le più recenti conoscenze mediche, tecnologie avanzate e ricerca pionieristica. Include il principale centro medico UCSF, che è Ospedale con le migliori valutazioni, così come gli ospedali pediatrici UCSF Benioff, che hanno campus a San Francisco e Oakland; Ospedale psichiatrico di Langley Porter; Pediatri dell’UCSF Benioff; e la pratica dei docenti dell’UCSF. Questi ospedali fungono da centro medico accademico per l’Università della California, a San Francisco, famosa in tutto il mondo per la formazione universitaria in scienze sanitarie e la ricerca biomedica. UCSF Health ha affiliazioni con ospedali e organizzazioni sanitarie in tutta la Bay Area. Visita https://www.ucsfhealth.org/. Segui UCSF Health su Facebook O su Twitter

Orsina Fiorentini
Orsina Fiorentini
"Fan zombi sottilmente affascinante. Fanatico della TV. Creatore devoto. Amico degli animali ovunque. Praticante del caffè."
Must Read
Related News