HomeWorldLa battaglia per l’estrazione mineraria in acque profonde si sta intensificando

La battaglia per l’estrazione mineraria in acque profonde si sta intensificando

  • Scritto da Justin Rowlatt
  • Redattore sul clima, BBC News

Fonte immagine, Martin Katz/Greenpeace

Commenta la foto,

L'azienda mineraria vuole che Greenpeace esca dai colloqui con le Nazioni Unite per interrompere la sua campagna di ricerca

Greenpeace potrebbe essere espulsa dall’organismo delle Nazioni Unite che supervisiona i controversi piani per avviare l’estrazione mineraria in acque profonde.

Una compagnia mineraria sostiene che il gruppo impegnato nella campagna ha interrotto un viaggio di ricerca nella remota regione del Pacifico.

Gli stati membri dell'International Seabed Association delle Nazioni Unite possono scegliere di privare Greenpeace del suo status di osservatore all'interno del gruppo.

Greenpeace afferma che l'incidente in questione è stata una protesta pacifica volta a proteggere l'ecosistema incontaminato.

La compagnia mineraria in questione, la Minerals Corporation, accusa Greenpeace di essere “anti-scientifica”.

È l’ultima salva di una lunga battaglia per l’accesso a una miniera di minerali del valore di centinaia di miliardi di dollari che si trovano sulla superficie del fondale marino in alcune parti delle profondità oceaniche.

Gli attivisti ambientali affermano che ciò causerebbe danni catastrofici a uno dei pochi ecosistemi rimasti sulla Terra non toccati dall’umanità.

I minerali che le aziende vogliono sfruttare si sono accumulati nel corso di decine di milioni di anni in ammassi grandi quanto una patata, noti come noduli polimetallici.

Le compagnie minerarie affermano che il rame, il cobalto, il nichel e il manganese che contengono sono minerali importanti per le batterie.

L’Agenzia internazionale per l’energia prevede che la domanda di questi minerali aumenterà man mano che il mondo continua gli sforzi per la transizione verso un’economia a basse emissioni di carbonio.

Fonte immagine, ROV-Team Kiel 6000, GEOMAR

Commenta la foto,

Gli ammassi grandi come patate sul fondale marino contengono importanti metalli per batterie, tra cui rame e cobalto

Gli attivisti ambientali affermano che esiste una fornitura adeguata di minerali sulla Terra e che l’estrazione mineraria negli oceani non dovrebbe essere consentita finché non si comprenderà meglio l’ambiente delle profondità marine e l’impatto dell’attività mineraria su di esso.

La decisione se intraprendere o meno un'azione contro Greenpeace sarà presa dai rappresentanti di 167 paesi questa settimana in una riunione dell'Autorità internazionale dei fondi marini (ISA).

Questi ultimi colloqui internazionali continuano uno sforzo continuo per determinare quali regole dovrebbero applicarsi alle aziende che vogliono raccogliere minerali dalla pianura abissale, una delle parti più profonde dell’oceano. L’ISA ha affermato che mira ad adottare norme entro il 2025.

Sia le compagnie minerarie che gli attivisti ambientali affermano di lavorare nel migliore interesse del pianeta.

Gli Stati Uniti non hanno mai ratificato il trattato internazionale che ha creato l’Homeland Security Act, quindi non svolgono alcun ruolo attivo nell’organismo.

Questa settimana, un gruppo di influenti leader politici e militari statunitensi, tra cui Hillary Clinton, ha invitato gli Stati Uniti a ratificare l’accordo, sostenendo che la concorrenza con la Cina significa che l’accesso ai minerali di acque profonde è cruciale per il Paese.

L'azienda mineraria afferma che il viaggio di ricerca che Greenpeace ha interrotto a novembre aveva scopi scientifici volti a contribuire a migliorare la conoscenza dell'impatto che avrà la raccolta dei noduli.

Si dice che questo lavoro sia stato richiesto dalla Homeland Security Agency come parte di una valutazione d'impatto e che Greenpeace abbia intenzionalmente ostacolato l'operazione quando i suoi attivisti salirono a bordo della nave da ricerca della compagnia.

Da parte sua, Greenpeace afferma che l'azione è stata giustificata perché la società mineraria ha dichiarato di voler procedere con l'attività mineraria prima che venissero concordati i regolamenti.

Le compagnie minerarie prevedono di utilizzare macchine come enormi aspirapolvere per vagare sul fondo del mare, spostando i noduli.

Fonte immagine, Azienda di metalli

Commenta la foto,

Le compagnie minerarie intendono utilizzare una macchina come questa sul fondo del mare per sollevare i noduli

La maggiore concentrazione di noduli si trova a profondità comprese tra 4.000 e 6.000 metri (13.123-19.685 piedi).

Si trovano su gran parte del profondo fondale oceanico.

La società mineraria prevede di estrarre in un'area dell'Oceano Pacifico conosciuta come la regione di Clarion-Clipperton.

Per molti anni si è creduto che ben poco potesse sopravvivere in queste profondità fredde, buie e povere di ossigeno.

La densità degli organismi è già bassa, ma le ricerche condotte negli ultimi decenni hanno rivelato un’enorme diversità di specie, tra cui un gran numero di esse nuove per la scienza.

Ma la pianura abissale è ampia. Copre il 40% dell'intera superficie della Terra. La terra costituisce solo il 29%.

“Capisco perché i Verdi siano cauti, ma questa volta si sono sbagliati”, afferma Gerard Baron, amministratore delegato della società mineraria.

Ammette che i 75.000 chilometri quadrati dell'area che la sua azienda intende estrarre sono grandi, ma dice che rappresentano una piccola percentuale del fondale marino profondo.

L'azienda mineraria sostiene che la sua ricerca mostra che, sebbene si verifichino danni nell'area in cui viene estratto, i pennacchi di sedimenti che possono soffocare gli organismi delle profondità marine percorreranno solo poche miglia.

La domanda da porsi, dice Baron, è: “Dove possiamo ottenere questi minerali con il tocco planetario e umano più leggero?”

Greenpeace rifiuta l’idea che l’estrazione mineraria in acque profonde possa avere benefici ambientali.

“L’estrazione mineraria in acque profonde non è una soluzione climatica”, afferma Luisa Casson, la principale attivista per gli oceani dell’organizzazione. “Penso che sia chiaro che per proteggere il clima dobbiamo ripristinare e proteggere i nostri oceani, non distruggerli ulteriormente aggiungendo nuove pressioni”.

Greenpeace afferma che l'interruzione della ricerca dell'azienda mineraria era giustificata perché si trattava di “scienza esatta da parte di un'azienda con un interesse commerciale nei risultati di questa ricerca”.

Fonte immagine, Craig Smith e Deva Amon, progetto ABYSSLINE / NO

Commenta la foto,

Il Relicanthus vive su fusti spugnosi collegati da noduli, rinvenuti nella zona di Clarion-Clipperton

24 paesi, compreso il Regno Unito, hanno dichiarato di sostenere una moratoria sull’estrazione mineraria in acque profonde. Dicono che la concessione delle licenze dovrebbe attendere fino a quando non ci saranno prove scientifiche sufficienti per valutare l’impatto e stabilire norme che proteggano le profondità dell’oceano.

Un gruppo di scienziati britannici sta attualmente esaminando le specie trovate nella pianura abissale dell'Oceano Pacifico orientale.

Parlando dalla nave da ricerca RRS James Cook, il dottor Adrian Glover del Museo di storia naturale ha detto alla BBC di sostenere il processo di regolamentazione stabilito dalle Nazioni Unite.

“Si tratta di un settore nuovo e dovremmo preoccuparci e porci domande difficili”, ha affermato il dottor Glover.

Secondo lui la ricerca deve continuare a valutare i rischi minerari. “C'è sempre un rischio in queste cose, e raccogliere dati e prove è il modo per ridurre quel rischio per capire di cosa si tratta e, infine, prendere una decisione.”

Il dottor Glover ha affermato che il più grande vantaggio che il mondo ha nel decidere come procedere con l’estrazione mineraria nella pianura abissale è che la regolamentazione avviene prima che l’industria abbia inizio.

“Spetta al processo internazionale, al processo normativo, valutare criticamente le prove… e, in ultima analisi, decidere se sono accettabili o meno”.

READ  Ultime notizie e aggiornamenti in tempo reale Oggi, 26 maggio 2024: ogni britannico dovrebbe prestare servizio per un anno nelle forze armate? Il primo ministro Rishi Sunak ha questo piano
Italo D'Amore
Italo D'Amore
"Pioniere televisivo a misura di hipster. Risolutore di problemi. Introverso umile e irritante. Lettore. Studente. Esperto di pancetta sottilmente affascinante."
Must Read
Related News