HomesportJorginho: da bambino influente a icona italiana | Caratteristica | ...

Jorginho: da bambino influente a icona italiana | Caratteristica | Notizia

Quest’anno celebriamo il Black History Month raccontando la storia di personaggi che hanno plasmato o connesso la nostra storia unica con la nostra comunità nera.

Nel corso del mese metteremo in evidenza le voci chiave della famiglia dell’Arsenal e non solo, inclusi i principali giocatori maschili e femminili, tifosi, staff, accademici e molti altri.

Il prossimo è Brendon Batson, che divenne il nostro primo giocatore di colore quando fece il suo debutto in trasferta contro il Newcastle United nel marzo 1972.

Brendon Batson

Sono arrivato in Inghilterra quando avevo nove anni nel 1962 e, dopo aver vissuto inizialmente a Tilbury e Chadwell, mi sono trasferito a Markhouse Road a Walthamstow quando mia madre è arrivata due anni dopo.

Non avevo mai visto il calcio quando ho lasciato i Caraibi. Sono nato a Grenada ma la mia famiglia era di Trinidad. Quando mia madre mi ha dato alla luce, è tornata perché è nata a Grenada. Guardando indietro, ricordo che spesso correvo su e giù per la spiaggia di Grand Anse. Mi sono trasferito a Trinidad quando avevo sei anni e ho vissuto in un sobborgo di Port of Spain. Gli unici sport che ho visto sono stati il ​​cricket e l’hockey.

Avevo sentito parlare di calcio ma non l’avevo mai visto finché non sono arrivato in Inghilterra. Mia madre si è risposata e nemmeno mio padre ne aveva idea. Guardando indietro, è stato l’Arsenal a guidarmi davvero nel processo per diventare un giovane giocatore professionista.

Sono stato introdotto a questo sport tramite un compagno di scuola di nome Dennis Sheridan. Ho fatto un provino per la squadra della scuola e, onestamente, è stato un disastro! Ma ho continuato a lavorare, sono tornato la settimana successiva e alla fine mi sono unito al team.

Da lì, sembrava che stavo progredendo molto rapidamente. Quando ci siamo trasferiti a Walthamstow, giocavo per i Waltham Forest Boys e quando avevo 13 anni sono stato scelto dall’Arsenal. Sono stato invitato ad esercitarmi il lunedì e il giovedì dopo la scuola. Ed è così che è iniziato davvero.

Quando sono arrivato in Inghilterra, non avevo mai incontrato il razzismo prima, ma durante i miei primi giorni di scuola media mi chiamavano una goccia di cioccolato. Non avevo idea di cosa significasse. E una volta fatto questo, avrei reagito, ed è stato qualcosa che ho fatto fino all’età di circa 14 o 15 anni.

Vedi, dovevi avere una certa tenacia. Ma a livello personale dovevo avere anche persone che credessero in me. Sapere che eri trattato allo stesso modo era davvero importante. Ma i giocatori neri dovevano assolutamente avere qualcosa che dicesse “Non mi interessa”.

READ  Round 3 volte, aggiornamenti in tempo reale, blog, meteo, vento, australiani in gara

Cyril Regis diceva che non gli dava fastidio, che avrebbe preso la palla e l’avrebbe mandata in rete, avrebbe preso i punti e sarebbe tornato a casa.

Il modo in cui ho affrontato la cosa è stato dire: “Ci vediamo la prossima settimana, il mese prossimo, l’anno prossimo”. Se coloro che mi hanno abusato pensavano di trascinarmi fuori dal campo, avevano qualcos’altro in arrivo.

Quello che ricordo sono i canti delle scimmie. Potevo sentire tutte le provocazioni razziste. Ho dovuto superarlo e mostrare molta resilienza.

La vera sfida affrontata dagli aspiranti giocatori neri all’epoca era la mancanza di una visione chiara. C’erano queste connotazioni negative da parte dei club, degli allenatori, degli scout. La gente direbbe cose come “I giocatori neri non hanno disciplina, sono pigri, non hanno cuore e non sono coraggiosi”. Quelli erano gli ostacoli che dovevi superare in quel momento.

Sapevo che i giocatori neri erano una minoranza. Ci sono voluti circa 14 anni prima di giocare contro un avversario nero. Durante i miei giorni di scuola giocavo solo con un altro ragazzo nero. In quel periodo, i genitori neri scoraggiavano i loro figli dall’entrare nelle squadre di calcio perché non c’erano professionisti neri.

Ho giocato con un giovane nella Sunday Football League a Regent’s Park, che era un attaccante e faceva parte dell’albo degli Spurs, eppure sapevo che i suoi genitori gli avevano chiesto di non unirsi a loro. Alla fine è diventato un elettricista.

La gente diceva che i giocatori neri erano pigri, non avevano bottiglia né disciplina e che non amavano il freddo. Ciò ha portato i genitori neri a scoraggiare i propri figli dal diventare giocatori di football e ad incoraggiarli a trovare una carriera.

A quel tempo, subire abusi razzisti non era una novità. Ciò che è cambiato quando sei arrivato ai livelli professionistici sono state le dimensioni – ed era qualcosa con cui dovevi fare i conti. Quando andai al West Brom e mi unii a Laurie Cunningham e Cyril Regis, eravamo in tre giocatori di colore e la mia ingenuità mi portò a credere che questo avrebbe migliorato le cose. Ma sembrava peggiorare le cose.

L’abuso non era qualcosa di cui parlavo davvero. Spesso mi viene chiesto di Laurie e Cyril: non ricordo che avessimo parlato veramente di quello che stava succedendo. Abbiamo appena iniziato. Sapevamo di avere un legame comune perché avevamo un background comune e una storia comune. Conoscevamo le barriere che dovevamo superare. Cyril uscì dal cantiere. Gli abusi subiti durante il suo periodo da elettricista gli hanno fatto dire che il calcio era molto più facile. Ho sempre detto che il calcio è stato molto gentile con me. Non ho dovuto sopportare alcune delle stronzate che facevano i miei amici neri nella comunità più ampia.

READ  Semifinali di Nations League 2023: Spagna – Italia e Olanda – Croazia

È un grande merito per i giocatori neri del nostro tempo che, nonostante i commenti negativi, nati dalla totale ignoranza, continuano a farsi avanti in numero crescente. Ho molto rispetto per loro.

Ho già detto in precedenza che il mio periodo all’Arsenal è stato davvero positivo: il club è stato fantastico per me e un ottimo posto in cui crescere durante i miei anni formativi, mentre stavo muovendo i primi passi nei ranghi professionistici.

Quando l’Arsenal segnò la doppietta nel 1971, io ero nelle giovanili e quello stesso anno vincemmo la FA Youth Cup. Ero grande amico di Terry Burton e Jim De Garis, il nostro capitano dell’epoca. Tra noi tre è nata una vera amicizia e sapevo che erano lì per me e mi avrebbero sempre sostenuto.

Inizialmente non ero nella prima squadra, ma a volte venivo chiamato durante l’allenamento, quando Don Howe era l’allenatore e Bertie Mee era l’allenatore.

Il che mi porta alla mia prima apparizione. In effetti, è stato un po’ scioccante e non ho avuto abbastanza tempo per pensarci. È stata una giornata davvero infelice a Newcastle. Ricordo che arrivammo all’intervallo e Charlie George era davvero malato. All’improvviso ero in campo. Ricordo che c’era un po’ di eccitazione nervosa, ma poi ho provato a pensare solo alla prestazione e se fosse stata abbastanza buona per rendermi conto che avevo giocato per l’Arsenal. Il mio nome non era nemmeno nella rosa della squadra, perché a quel tempo i sostituti non erano sempre inclusi.

Diventare il primo giocatore di colore dell’Arsenal non era qualcosa che mi interessava davvero in quel momento. In effetti, non sapevo di esserlo finché non mi hanno presentato a un evento contro il razzismo a Stamford Bridge diversi anni dopo. Quando l’ho scoperto è stata un po’ una sorpresa. Guardando indietro, c’è un significato perché il primo doveva esistere.

READ  40 Migliori miglior gadget 30 anni compleanno donna Nel 2022: Offerte Economiche E Di Migliore Qualità Per Te!

Ancora più importante è il modo in cui i giocatori di colore arrivarono alla ribalta in quel periodo. A quel tempo, il West Ham aveva Clyde Best, Ady Coker e i fratelli Charles – John e Clive, quindi c’erano pochi giocatori neri in giro. Laurie Cunningham veniva da Leyton Orient. Questa grande esplosione di giocatori neri avvenne all’inizio degli anni ’70.

Il momento veramente decisivo fu quando Viv Anderson arrivò in nazionale per l’Inghilterra nel 1978 e divenne il primo giocatore nero a rappresentare i Tre Leoni.

A quel punto c’erano molti ragazzi neri che giocavano a football scolastico. L’Arsenal ha portato questo trio di giocatori: Paul Davies, Rocky Rocastle e Michael Thomas, e all’improvviso hai potuto vedere i giocatori di colore venire alla ribalta. Mi è davvero piaciuto vedere questi giocatori progredire e raggiungere il successo perché durante il mio tempo c’era una campagna sussurrata intorno a me.

Anche adesso, questo è qualcosa con cui i giocatori neri devono fare i conti, soprattutto sui social media. Questo è qualcosa che non ho mai dovuto sopportare. Ho ricevuto lettere, ma nell’era dei social media, ai giocatori neri basta che commettano un errore e riceveranno più insulti dai loro colleghi. Questo deve essere affrontato.

Penso che la percezione dei giocatori neri sia cambiata e ora sia accettata. Infatti è insolito vedere una squadra senza giocatori di colore. Ma posso dire che sarebbe bene allontanarsi da quella frase e riferirsi a loro come giocatori, senza fare riferimento al colore della pelle. Non ho mai sentito nessuno riferirsi a Pelé come a un giocatore di colore. Era brasiliano, così come Eusebio era portoghese. non è niente di grave.

Il problema che abbiamo è fuori dal campo, in termini di mancanza di allenatori e dirigenti. L’intero aspetto fuori campo del gioco è ancora caratterizzato da molte disuguaglianze. Abbiamo ancora molta strada da fare, ma alla fine degli anni ’60 e all’inizio degli anni ’70 arrivarono i giocatori neri – e sono qui per restare.

Il nostro articolo con il dottor Clive Nonka è disponibile per la lettura qui

Copyright 2023 Arsenal Football Club Limited. Il permesso di utilizzare le citazioni di questo articolo è concesso a condizione che venga dato credito appropriato a www.arsenal.com come fonte.

Mariella Lori
Mariella Lori
"Professionista della birra. Comunicatore. Fanatico del bacon estremo. Drogato dilettante di alcol. Pensatore sottilmente affascinante."
Must Read
Related News