SanSeveroTV

Più notizie quotidiane di qualsiasi altra fonte di notizie italiana sull'italiano.

Intervista con il professor Alan Thompson

In occasione del World Brain Day 2021, News-Medical ha parlato con il famoso neuroscienziato Professor Alan Thompson dell’University College di Londra della sua incredibile carriera nella ricerca sul cervello.

Per favore, puoi presentarti e dirci perché hai ispirato la tua fantastica carriera nel campo della ricerca sul cervello?

Mi chiamo Alan Thompson e sono professore di neurologia e riabilitazione neurologica al Queen Square Neurology Institute e al National Hospital for Neurology and Neurosurgery. Sono stato anche preside della UCL School of Brain Sciences e vice-rettore dell’Università di Londra.

Sono stato attratto dalla mia carriera nella ricerca sul cervello dal mio fascino per la sclerosi multipla, una condizione comune in Irlanda, e dall’ingenua convinzione di poter fare la differenza nella nostra comprensione della condizione, sviluppando così trattamenti efficaci e una migliore gestione per le persone con SM . SM, migliorare la qualità della vita e il benessere.

Sono stato molto fortunato ad avere due meravigliosi mentori, il professor Michael Hutchinson a Dublino e il professor Ian MacDonald a Londra, che mi hanno supportato e guidato nelle prime fasi cruciali di questo viaggio.

Ogni anno in tutto il mondo si celebra la Giornata mondiale del cervello. Quest’anno è dedicato alla sclerosi multipla (SM), una malattia neurologica che colpisce 2,8 milioni di persone nel mondo. Puoi dirci di più sulla sclerosi multipla e perché colpisce così tante persone?

La sclerosi multipla è una condizione neurologica complessa e invalidante che coinvolge una serie di processi tra cui infiammazione, demielinizzazione e danno e perdita degli assoni. La causa esatta della SM non è chiara, ma è una complessa miscela di fattori genetici e ambientali. La SM tende a colpire i giovani adulti ed è una delle condizioni neurologiche invalidanti più comuni che colpiscono questa fascia di età.

Nella maggior parte delle persone, la condizione inizia con attacchi o convulsioni (chiamati ricadute) dopo l’attacco iniziale, che è chiamato sindrome clinicamente isolata. Le crisi primarie comuni coinvolgono il nervo ottico e le vie sensoriali e motorie. La maggior parte dei malati entra in uno stadio progressivo e più invalidante della condizione dopo un periodo variabile.

Sclerosi multipla. Credito di immagine: Miriam Doerr Martin Frommherz/Shutterstock.com

Ci sono trattamenti disponibili per la sclerosi multipla, ma l’accesso a questo farmaco non è ancora disponibile in molte parti del mondo. Perché questo e cosa si può fare per aiutare a migliorare l’accesso per tutti?

Poche condizioni neurologiche hanno visto progressi terapeutici come la sclerosi multipla, in particolare per la fase di pre-ricaduta/ricaduta della condizione (sono ora disponibili circa 20 trattamenti).

READ  Abbiamo risolto il mistero del perché alcuni pesci sono a sangue caldo

Tuttavia, esiste una gamma molto ampia di accesso e può essere molto povero nei paesi a medio e basso reddito, principalmente a causa dei costi e dei servizi sanitari limitati disponibili. Ha bisogno di uno sforzo internazionale concertato se questo cambia.

I messaggi chiave per la Giornata mondiale del cervello 2021 quest’anno sono disabilità, sensibilizzazione, istruzione, accesso alle cure e advocacy. Cosa possono fare le persone, i governi e le organizzazioni per aumentare la consapevolezza sulla sclerosi multipla e sui suoi sintomi?

È necessario un approccio collaborativo globale e organizzazioni ombrello come la Multiple Sclerosis International Federation e l’International Progressive Multiple Sclerosis Alliance sono ben posizionate per aiutare a coordinare e guidare questo sforzo.

Gran parte della tua ricerca nel corso della tua carriera ha coinvolto la sclerosi multipla. Perché hai trovato questa una parte importante del tuo lavoro?

Da giovane medico, sono rimasto colpito da quanto poco fossimo in grado di fare per aiutare le persone con SM (all’epoca non esisteva un trattamento efficace): sembrava che le vedessimo peggiorare.

Sentivo che c’era una reale opportunità per migliorare la nostra comprensione della SM e sono rimasto particolarmente colpito nei primi anni ’80 dalle intuizioni che la risonanza magnetica (MRI) poteva fornire, nelle indagini, nella diagnosi e come importanti biomarcatori negli studi clinici. Ho posto particolare enfasi sull’esplorazione dei meccanismi della disabilità utilizzando questo strumento in continua evoluzione.

risonanza magnetica

Risonanza magnetica. Credito di immagine: Shidlovski/Shutterstock.com

Su quali aree della ricerca sul cervello ti stai attualmente concentrando?

Sono coinvolto in una serie di aree – dal lato clinico, migliorando le diagnosi e lavorando sui fenotipi insieme alla partecipazione a studi clinici, mentre dal lato della ricerca il mio focus è stato più sull’esplorazione dei meccanismi di disabilità – in particolare in relazione alla colonna vertebrale cavo e concentrarsi sulle forme progressive di multimetro MS.

READ  Giove appare calmo ai raggi ultravioletti e decisamente terrificante agli infrarossi

Tuttavia, il mio ruolo di presidente del comitato direttivo scientifico della Progressive MS Alliance mi sembra di avere il maggiore impatto. È stato molto emozionante e gratificante vedere come questa organizzazione (relativamente recente) abbia riunito ricercatori, medici, persone con SM e colleghi del settore per aumentare il profilo e far avanzare l’agenda di ricerca per la SM progressiva.

In che modo la pandemia di COVID-19 in corso ha influenzato la tua ricerca?

Inevitabilmente questo ha ritardato la mia ricerca sulle immagini, ma ha anche ritardato il lavoro delle reti internazionali dell’Alleanza negli ultimi 18 mesi.

Tuttavia, ha anche dimostrato la determinazione, la resilienza e la cooperazione della nostra comunità, ed è straordinario come tutte le nostre attività siano tornate con rinnovata energia ed entusiasmo.

Il COVID-19 ha anche svolto un’enorme quantità di ricerche nell’ultimo anno con molti scienziati e organizzazioni che lavorano insieme per sviluppare strategie di trattamento efficaci. Come può essere utilizzato questo livello di collaborazione per sviluppare strategie di trattamento efficaci per arrestare la progressione della sclerosi multipla?

È un ottimo esempio di attività di gruppo coordinata, che è progredita rapidamente, superando ostacoli di vecchia data e con un approccio innovativo. Ciò è particolarmente importante quando pensiamo a come sperimentiamo la SM e come possiamo accelerare i nostri processi per trattamenti efficaci nella SM progressiva.

Durante la tua straordinaria carriera di ricercatore, quali sono stati i momenti di cui sei più orgoglioso?

Stavo per dire che le mie scoperte sul modello delle anomalie della risonanza magnetica nella SM primaria sono state il mio momento più orgoglioso, ma ora sarei più incline al lavoro di PFA che ha avuto un impatto reale – e ovviamente a ricevere il Premio Charcot del mese Il passato – che riflette davvero tutto il lavoro che i miei colleghi e il mio team hanno svolto negli ultimi 30 anni.

Infine, pensi che con una ricerca continua e una maggiore consapevolezza, possiamo aiutare a rallentare la progressione della sclerosi multipla e alla fine a fermarla?

Certamente – penso che siamo già sulla strada del rallentamento – e alla fine smetteremo di progredire – forse molto prima che la SM sia capita abbastanza da impedirlo.

READ  Un nuovo metodo di utilizzo della sabbia per produrre calcestruzzo senza cemento

Dove possono trovare maggiori informazioni i lettori?

Articoli sulla sclerosi multipla:

  1. Thompson AJ, Banwell BL, Barkhof F… Cohen J. Diagnosi di sclerosi multipla: le revisioni del 2017 ai criteri McDonald. Nervi lancettati 2018; 17: 162-173. (SE 30.039). Citazioni: 980. Link: https://www.sciencedirect.com/science/article/pii/S1474442217304702
  2. Montalban X, Gold R, Thompson AJ et al. Linee guida ECTRIMS/EAN sul trattamento farmacologico delle persone con sclerosi multipla. Diario sulla sclerosi multipla, online 20 gennaio 2018 (IF 5.412); Giornale Europeo di Neurologia 2018; 25: 215 – 237 (SE 4.516). Citazioni: 72. Link: https://journals.sagepub.com/doi/full/10.1177/1352458517751049
  3. Thompson AJ, Baranzini S, Geurts JJ, Hemmer B, Ciccarelli O. Sclerosi multipla. bisturi 2018; 391 (10130): 1622-1636 (SE 60,392). Citazioni: 41. Link: https://www.thelancet.com/journals/lancet/article/PIIS0140-6736(18)30481-1/fulltext
  4. Ontanida D, Thompson AG, Fox RJ, Cohen JA. Sclerosi multipla progressiva: prospettive per il trattamento della malattia, riparazione e ripristino della funzione. bisturi 2017; 389: 1357: 1366. (IF 60.392) Citazioni: 77. Link: https://www.sciencedirect.com/science/article/pii/S0140673616313204

Per quanto riguarda il lavoro dell’elenco dei farmaci essenziali dell’OMS:

A proposito del professor Alan Thompson

Attualmente sono consulente neurologo presso Queen Square e professore di neurologia e neuroriabilitazione presso l’University College di Londra. Sono il preside della UCL School of Brain Sciences – uno dei docenti più grandi e di maggior successo presso l’UCL e ho, inoltre, l’entusiasmante ruolo di Pro Vice-Provost London. Sono il caporedattore di The Multiple Sclerosis Journal che va sempre più rafforzandosi e, naturalmente, sono presidente del comitato direttivo scientifico della Progressive MS Alliance. Professor Alan Thompson

Sono entrato nel campo della sclerosi multipla sperando di poter fare la differenza ed è stato fantastico vedere come sono passato da una condizione non trattabile a una curabile negli ultimi 20 anni – e sarebbe bello vedere lo stesso schema svilupparsi per quelli con la forma progressiva della condizione.