SanSeveroTV

Più notizie quotidiane di qualsiasi altra fonte di notizie italiana sull'italiano.

Gli astronomi hanno scoperto un “gigante lampeggiante” vicino al centro della galassia

Un team internazionale di astronomi ha osservato che la stella, VVV-WIT-08, diminuisce di luminosità di un fattore 30, quasi scomparendo dal cielo. Sebbene molte stelle cambino di luminosità perché pulsano o sono oscurate da un’altra stella in un sistema binario, è estremamente raro che una stella si offuschi per diversi mesi e poi si illumini di nuovo.

I ricercatori ritengono che VVV-WIT-08 possa appartenere a una nuova classe di sistema stellare binario “gigante lampeggiante”, in cui una stella gigante – 100 volte più grande del Sole – viene eclissata una volta ogni pochi decenni da un compagno orbitante invisibile. . La compagna, che potrebbe essere un’altra stella o pianeta, è circondata da un disco opaco che ricopre la stella gigante, facendola scomparire e riapparire nel cielo. Lo studio è stato pubblicato su Monthly Notice of the Royal Astronomical Society.

La scoperta è stata guidata dal dottor Lee Smith del Cambridge Institute of Astronomy, dove ha lavorato con scienziati dell’Università di Edimburgo, dell’Università dell’Hertfordshire, dell’Università di Varsavia in Polonia e dell’Università Andrés Bello in Cile.

Il coautore, il dottor Sergei Koposov dell’Università di Edimburgo, ha dichiarato: “È incredibile che abbiamo appena osservato un oggetto scuro, grande e allungato che passa tra noi e la stella lontana e possiamo solo speculare su quale sia la sua fonte”.

Poiché la stella si trova in una regione densa della Via Lattea, i ricercatori hanno valutato se alcuni oggetti oscuri sconosciuti potrebbero semplicemente essersi spostati di fronte alla stella gigante per caso. Tuttavia, le simulazioni hanno dimostrato che deve esserci un numero irragionevolmente elevato di oggetti oscuri che fluttuano intorno alla galassia affinché questo scenario sia possibile.

READ  I fisici spezzano la velocità della luce tramite impulsi all'interno del plasma caldo

Un altro sistema stellare di questo tipo è noto da tempo. La stella gigante Epsilon Aurigae viene parzialmente eclissata da un enorme disco di polvere ogni 27 anni, ma viene oscurata solo del 50%. Un secondo esempio, TYC 2505-672-1, è stato trovato alcuni anni fa e detiene il record attuale per un sistema stellare binario eclittico con il periodo orbitale più lungo di 69 anni che è attualmente un record per VVV-WIT-08. rivale.

Il team con sede nel Regno Unito ha trovato altre due di queste stelle giganti esotiche oltre a VVV-WIT-08, suggerendo che potrebbero essere una nuova classe di stelle giganti lampeggianti per gli astronomi da indagare.

VVV-WIT-08 è stato trovato da VISTA Variables in the Via Lactea Survey (VVV), un progetto che utilizza il telescopio britannico VISTA in Cile gestito dall’European Southern Observatory, che ha monitorato lo stesso miliardo di stelle per quasi un decennio per cercare esempi di luminosità variabile nella porzione infrarossa dello spettro.

Il professor Philip Lucas, co-leader del progetto dell’Università dell’Hertfordshire, ha dichiarato: “A volte troviamo stelle variabili che non rientrano in nessuna categoria specifica, che chiamiamo ‘Cos’è questo?’ ‘, o esseri ‘WIT’. Non sappiamo davvero come siano nati questi giganti lampeggianti. È emozionante vedere tali scoperte da VVV dopo così tanti anni di pianificazione e raccolta di dati. “

Mentre VVV-WIT-08 è stato rilevato utilizzando i dati VVV, l’oscuramento delle stelle è stato osservato anche dall’esperimento sulle lenti gravitazionali ottiche (OGLE), una campagna di osservazione a lungo termine gestita dall’Università di Varsavia. OGLE effettua osservazioni più frequenti, ma più vicine alla parte visibile dello spettro. Queste osservazioni ripetute sono state fondamentali per la modellazione di VVV-WIT-08 e hanno mostrato che la stella gigante era più fioca della stessa quantità sia nella luce visibile che in quella infrarossa.

READ  Una nuova nanoparticella basata sui polimeri SARS-CoV-2 produce una potente immunità

Ora sembra che siano noti circa sei potenziali sistemi stellari di questo tipo, contenenti stelle giganti e grandi dischi opachi. “C’è sicuramente altro da trovare, ma la sfida ora è capire cosa sono i compagni nascosti e come sono stati circondati da dischi, nonostante orbitino lontano dalla stella gigante”, ha detto Smith. “In questo modo, potremmo imparare qualcosa di nuovo su come si evolvono questi tipi di sistemi”.

Riferimento:

Lee C. Smith et al. “VVV-WIT-08: la stella gigante che lampeggia.” Avvisi mensili della Royal Astronomical Society (2021). DOI: https://doi.org/10.1093/mnras/stab1211