HomescienceInsorgenza e prognosi dei casi post-COVID-19: uno studio osservazionale di 2 anni

Insorgenza e prognosi dei casi post-COVID-19: uno studio osservazionale di 2 anni

In un recente studio pubblicato su Lancet Regional Health – Europai ricercatori hanno condotto un’analisi prospettica di coorte nell’arco di 2 anni per caratterizzare lo sviluppo e la presentazione clinica della malattia post-coronavirus 2019 (COVID-19) (PCC), compresi i fattori associati all’insorgenza, al recupero e alle diverse sottosindromi che possono essere presenti.

Soggiorno: Determinanti dell’insorgenza e della prognosi dei casi post-COVID-19: uno studio di coorte osservazionale prospettico di 2 anni. Credito immagine: Dmitry Demidovich/Shutterstock.com

sfondo

Situazione post-COVID-19, nota anche come Malattia da coronavirus lungo (Covid lungo) O Sequele post-acute di COVID-19 (PASC), colpisce circa il 5-10% degli individui che sopravvivono Sindrome respiratoria acuta grave coronavirus 2 (SARS-CoV-2) infezione.

Ciò si manifesta in un’ampia gamma di sintomi quali stanchezza debilitante, mancanza di respiro, malessere dopo lo sforzo e altre condizioni mediche che portano a disabilità fisiche, psicologiche e sociali, influenzando cumulativamente la qualità della vita.

A causa della mancata comprensione della fisiopatologia del PCC e dell’assenza di biomarcatori diagnostici validati o di trattamenti efficaci, le definizioni cliniche attualmente utilizzate per gestire la sindrome sono imprecise.

Inoltre, non è chiaro se il PCC abbia un’unica base o combini diverse sottosindromi non correlate con fisiopatologia indipendente.

Un recente ampio studio trasversale condotto negli Stati Uniti ha identificato quattro gruppi in base ai principali sintomi di alterazioni dell’olfatto e del gusto, malessere dopo lo sforzo, sintomi gastrointestinali, palpitazioni cardiache e confusione mentale.

Tuttavia, permane una significativa sovrapposizione dei sintomi tra questi gruppi e le loro implicazioni cliniche a lungo termine rimangono poco chiare.

A proposito dello studio

Nello studio attuale, i ricercatori hanno esaminato un potenziale gruppo di individui sopravvissuti al COVID-19 e hanno visitato la più grande unità di studio sul COVID a lungo termine in Spagna.

READ  Trova la materia oscura a Jülich

Questa unità comprende un team di medici, psicologi e infermieri e gestisce l’assistenza multidisciplinare per oltre 1.200 pazienti affetti da PCC.

L’infezione acuta da SARS-CoV-2 è stata confermata sulla base dei risultati della reazione a catena della polimerasi (PCR) di tamponi nasofaringei, sierologia, test rapidi a flusso laterale e diagnosi clinica di COVID-19.

Per diagnosticare sono stati utilizzati i criteri stabiliti dall’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), che definisce il PCC come la presenza di sintomi persistenti o recidivanti associati all’infezione da SARS-CoV-2 per almeno tre mesi dopo l’insorgenza del coronavirus (COVID-19). la malattia. PCC.

È stato esplorato anche l’effetto della vaccinazione COVID-19 sui sintomi del PCC a breve termine. I dati di base includevano informazioni demografiche, eventuali comorbilità presenti al momento dell’infezione da SARS-CoV-2, test diagnostici utilizzati per identificare COVID-19, requisiti di ospedalizzazione, ricovero in unità di terapia intensiva (ICU) e necessità di ventilazione meccanica. Sono state inoltre ottenute informazioni su eventuali immagini diagnostiche e trattamenti forniti. Le visite di follow-up sono state condotte tre, sei, 12, 18 e 24 mesi dopo la diagnosi di COVID-19.

La variante predominante di SARS-CoV-2 circolante durante il periodo di infezione, dedotta dal database Global Initiative for Sharing of Avian Influenza Data (GISAID), è stata utilizzata per identificare la variante che ha infettato ciascun partecipante.

I partecipanti sono stati classificati anche in base al livello di istruzione. Sono stati utilizzati questionari strutturati per intervistare i partecipanti sui sintomi persistenti, se i sintomi del PCC fossero acuti o progressivi nell’esordio e se il decorso clinico dei sintomi fosse recidivante, remissivo o persistente.

risultati

I risultati hanno indicato che i sintomi gravi di COVID-19 e altri fattori, come fattori socioeconomici e condizioni mediche preesistenti, svolgono un ruolo importante nello sviluppo dei sintomi del PCC e nel processo di recupero.

READ  L'Università di Durham si unisce a una nuova missione spaziale a raggi X

Lo sviluppo di sintomi come mal di testa, affaticamento, tachicardia, problemi di sensibilità neurologica e neurocognitiva e dispnea durante COVID-19 è stato associato allo sviluppo di PCC.

È interessante notare che lo studio ha riferito che i soggetti di sesso maschile con un livello di istruzione più elevato non avevano molte probabilità di sviluppare PCC dopo l’infezione da SARS-CoV-2.

Dei tre gruppi recuperati in base ai sintomi, è stato riferito che quelli appartenenti al Gruppo A, caratterizzato da affaticamento, si sono ripresi dai sintomi del PCC durante le visite di follow-up.

Inoltre, è probabile che anche le persone che hanno richiesto il ricovero in terapia intensiva, che hanno sperimentato cambiamenti nel senso del gusto o dell’olfatto e perdita di appetito, o che hanno avuto comorbilità cardiovascolari, guariscano dai sintomi del PCC.

Tuttavia, si ritiene che i soggetti con scarsa attenzione, dolori muscolari, tachicardia o mancanza di respiro abbiano una probabilità molto inferiore di riprendersi dal PCC.

Conclusioni

Nel complesso, i risultati hanno riferito che mentre alcune combinazioni di sintomi indicano una maggiore probabilità di recupero dal PCC, le condizioni mediche preesistenti, la gravità dei sintomi iniziali del COVID-19 e i fattori socioeconomici svolgono un ruolo importante nella prognosi dei pazienti con PCC.

È probabile che i sintomi persistenti del PCC costituiscano un onere significativo per l’assistenza sanitaria in tutto il mondo.

Orsina Fiorentini
Orsina Fiorentini
"Fan zombi sottilmente affascinante. Fanatico della TV. Creatore devoto. Amico degli animali ovunque. Praticante del caffè."
Must Read
Related News