HomeTechIncontra ricchi collezionisti d'arte che hanno gallerie nelle loro case

Incontra ricchi collezionisti d’arte che hanno gallerie nelle loro case

  • Il magnate immobiliare Grant Cardone, che ha una galleria nella sua casa di Miami, ha detto che collezionare opere d’arte gli dà maggiore soddisfazione che investire nel mercato azionario.
  • Christian Levitt, ex gestore degli investimenti, ha aperto la sua casa a Firenze per offrire visite private alla sua collezione d’arte femminile.
  • La Collezione Boros ospita arte contemporanea in uno spazioso bunker della Seconda Guerra Mondiale a Berlino – e i proprietari Christian e Karin Boros vivono in un attico sopra di esso.

L’imprenditore Grant Cardone ha affermato che collezionare ed esporre opere d’arte gli dà maggiore soddisfazione che investire.

Grant Cardone

Il milionario Grant Cardone, che colleziona opere d’arte da circa 15 anni, afferma di essere un acquirente spontaneo.

“Non mi considero un intenditore. Sono molto nuovo nel mondo dell’arte. Se mi piace, lo comprerò. Non mi interessa chi l’ha fatto”, ha detto alla CNBC. Insieme ai pezzi esposti in tutta la sua casa, Cardone ha anche una galleria d’arte che ospita la sua vasta collezione.

La CNBC ha parlato con Cardone tramite videochiamata: dietro di lui nel suo ufficio a Miami c’era un pezzo senza titolo dell’artista di graffiti americano Retna che Cardone aveva acquistato a un’asta online.

“Ho cliccato sul pulsante: non ho fatto alcuna ricerca… e ho ottenuto il pezzo… e sono arrivato qui e l’ho adorato assolutamente”, ha detto. Ha detto di aver pagato “forse 140.000 dollari” per il lavoro.

Un pezzo intitolato “The Time Is Now” di Fringe, appare nella Grant Cardone House Gallery.

Grant Cardone

Lungo un corridoio nella casa di Cardone ci sono due opere dell’artista pop americano Burton Morris, entrambe raffiguranti bottiglie rosse di Coca-Cola allineate in uno schema ripetuto chiamato Coca-Cola 50A e Coca-Cola 50B. “L’ho comprato da Tommy Hilfiger…mi ricorda l’importanza delle dimensioni”, ha detto Cardone.

Cardone, A Investitore immobiliare L’autore del libro “I 10

“[Followers are] Ho iniziato a vedere l’arte dicendo, ehi, sai, [has] È stato un bene per te? E io dico sì, mi fa bene… è meglio del dollaro o dell’euro… il mercato azionario non mi dà nessuna soddisfazione, non torno indietro a guardare le mie azioni Apple e mi sento bene a proposito. Ma entro nella mia galleria, in cucina o nel mio ufficio e vedo un pezzo e dico: “Cavolo, è proprio bello”.

READ  Covid Australia: i Sydneysider rimuovono di nuovo la carta igienica dal supermercato nonostante il blocco

La mostra è a casa di Grant Cardone a Miami. Una stampa del pezzo di Basquiat è mostrata in basso a sinistra.

Grant Cardone

All’interno della Galleria Cardone – completa di finestre dal pavimento al soffitto e una guardia di sicurezza – c’è un’opera dell’artista americano contemporaneo Kenny Scharf intitolata “Blipsibshabshok” (1997), un dipinto astratto con simboli futuristici colorati. Cardone possiede un secondo Scharf, “Controlubus” (2018), uno splendido ritratto di una creatura rossa con più zampe, che ha acquistato per 279.400 dollari dalla casa d’aste Phillips.

“Questo è Basquiat proprio qui. L’originale varrà 45 milioni di dollari”, ha detto Cardone, indicando un’edizione dell’opera di Jean-Michel Basquiat intitolata “Flexible” (1984/2016). L’originale è stato venduto dalla casa d’aste Phillips per 45,3 milioni di dollari Nel 2018. Ha detto: “Ho comprato questo pezzo con la casa”, indicando un’opera di Basquiat intitolata “Read More” dell’artista americano contemporaneo Al-Basir Holly.

Grant ha detto che sceglie i pezzi da acquistare per istinto. “Cercherò di starne lontano. E se continuo a vederlo, o continuo a pensarci, tornerò e dirò: ‘Okay, dovrei averlo'”, ha detto.

“Ho intenzione di non vendere mai nessuna di queste cose. È davvero per il mio divertimento. E sai, l’arte mi rende felice”, ha detto.

L’ex banchiere d’investimento Christian Levitt ha un approccio diverso. Colleziona arte da quasi 30 anni, iniziando con dipinti antichi e antichità romane, greche ed egiziane prima di passare a pezzi di artiste espressioniste astratte.

Il collezionista d’arte Christian Levitt offre tour privati ​​della sua casa a Firenze, Italia. La sua collezione è composta in gran parte da opere espressioniste astratte di artiste.

Cristiano Levitt

Oltre a possedere un museo d’arte a Mougins, in Francia, Levitt organizza tour delle opere d’arte sulle pareti della sua casa a Firenze, in Italia, dove vive per sei mesi all’anno: si potrebbe dire che tutta la sua casa è una galleria d’arte. “È una specie di museo con un tour privato”, ha detto Leavitt alla CNBC al telefono.

Situata vicino al famoso Ponte Vecchio della città, la Levitt House presenta soffitti alti 20 piedi, affreschi originali e due piani di opere d’arte, tutte realizzate da donne. La collezione è composta in gran parte da opere espressioniste astratte di artisti come l’impressionista Mary Cassatt e la surrealista Dorothea Tanning.

READ  La prossima generazione di Intel Alder Lake-K potrebbe essere lanciata con Windows 11 ad ottobre

Una o due volte alla settimana, Levitt invita piccoli gruppi a vedere la sua collezione e spesso organizza lui stesso delle visite guidate. I gruppi sono talvolta formati da studenti provenienti da college americani con avamposti a Firenze, come l’Università di Harvard e la New York University, oppure provengono da musei o collezioni di mecenati.

Ha detto che un dipinto dell’artista americana Joan Mitchell risalente al 1977 è uno dei beni più importanti della Collezione Levitt. Il grande pezzo è intitolato “Quando se ne furono andati“, lungo circa 240 cm e largo 180 cm, è appeso nella sua sala da pranzo.

È stata acquisita da Levett per circa 2,8 milioni di dollari nel 2015.

Christian Levit è passato dal collezionismo di antichità al lavoro per artiste, come si vede qui nella sua casa di Firenze.

Cristiano Levitt

“Probabilmente è un dipinto da 15 a 18 milioni di dollari all’asta…Mitchell è sempre stata una delle pittrici più importanti del 20° secolo. “Secolo”, ha detto Leavitt.

Ha anche elogiato il dipinto a olio di Elaine de Kooning raffigurante John F. Kennedy, commissionato come parte di una serie di ritratti dell’ex presidente degli Stati Uniti nel 1963. Levitt ha acquistato l’opera d’arte nel 2020, pagando circa $ 600.000.

Leavitt ha detto che apre la sua casa agli studenti in parte perché così facendo potrebbe suscitare interesse nel sostenere l’arte in futuro. “Gli studenti… sono il cuore del mondo dell’arte”, ha detto.

Il lavoro delle artiste è al centro dell’interesse di Levitt e lui è pronto a riaprire il suo museo in Francia come mostra Museo delle artiste Mougins Il 21 giugno. Attualmente sta vendendo la vecchia collezione di opere d’arte e antichità del museo attraverso una serie di… Vendite alla casa d’aste Christie’s di LondraChe finora ha incassato quasi 9,5 milioni di sterline (11,9 milioni di dollari).

READ  Monitoraggio reale: estrazione mineraria australiana

La casa di Christian e Karin Boros si trova sopra il bunker che ospita la loro collezione d’arte privata, la Collezione Boros, nel centro di Berlino, in Germania.

John McDougall | Afp | Immagini Getty

In uno spazio artistico unico a Berlino, la coppia sposata Christian e Karin Boros vivono in un attico di 6.000 piedi quadrati sopra la loro collezione privata. IL Gruppo Boros Ospitato in un ex bunker della Seconda Guerra Mondiale, l’edificio è uno spazioso grattacielo che la coppia acquistò nel 2003 e trascorse diversi anni trasformandolo in uno spazio espositivo di cinque piani, con la loro casa al sesto piano.

Il bunker ospitò fino a 4.000 persone durante la guerra e in seguito fu utilizzato come deposito di frutta tropicale prima di diventare una discoteca. Secondo Raoul Zollner, direttore della Fondazione Boros, durante la sua trasformazione in uno spazio espositivo e in un’abitazione sono state rimosse 450 tonnellate di soffitti e pareti di cemento.

Opera di Cyprien intitolata “Gaillard Lesser Koa Moorhen”, 2013, parte della Collezione Boros.

Collezione Boros, Berlino | no lei

Christian, un imprenditore pubblicitario, acquistò la sua prima opera d’arte – una pala dell’artista tedesco Joseph Beuys – quando aveva 18 anni, ha detto al New York Times. Financial Times.

“Il bunker non è un museo”, ha detto Zoellner, “ma è un progetto straordinario iniziato da una coppia appassionata di collezionisti che non avrebbero potuto immaginare quante seghe diamantate sarebbero state necessarie per abbattere dozzine di muri del bunker – o cosa sarebbe successo”. inizierebbe.” Dichiarazione via e-mail.

Karin e Christian Boros vivono in un attico sopra la loro collezione d’arte a Berlino.

Max von Gumbenberg

Quasi 600.000 persone hanno effettuato visite guidate al bunker dalla sua conversione nel 2008, con pezzi della collezione Boros esposti a rotazione, ha aggiunto Zoellner. Attualmente ci sono 114 opere in mostra, con un “focus sul corpo umano in molteplici pose”, ha detto Zoellner. “L’attività si basa sulla costante compulsione a migliorare gradualmente l’adattamento dei nostri corpi ai dispositivi tecnologici”, ha affermato.

Riccardo Auriemma
Riccardo Auriemma
"Esperto di Internet. Fan della TV. Analista esasperatamente umile. Pioniere di Twitter impenitente. Fanatico del caffè freelance."
Must Read
Related News