SanSeveroTV

Più notizie quotidiane di qualsiasi altra fonte di notizie italiana sull'italiano.

In che modo investire in criptovaluta influirà sulla tua dichiarazione dei redditi

Quindi, ho guadagnato un po ‘di soldi dalle criptovalute Investimenti quest’anno. Questa è una notizia entusiasmante. Ma cosa stavi facendo per le tasse?

Questa è la domanda che molti australiani si stanno chiedendo in questo momento, e visto che abbiamo una consulenza fiscale Adesso nel cervelloA Lifehacker Australia, abbiamo pensato di cercare qualche consiglio per tutti i campioni di criptovaluta.

Mina Theodoro, cofondatrice dell’Australian Cryptocurrency Exchange QueenstashCi ha parlato via e-mail e ha condiviso i suoi pensieri.

La criptovaluta è calda al momento, quindi ATO presta molta attenzione

Come molti di voi probabilmente sanno ormai, questa stagione fiscale avrà molti vantaggi per le criptovalute e la dichiarazione dei guadagni sul campo.

Dovresti “aspettarti che ATO dedichi più risorse all’indagine sulle tue dichiarazioni dei redditi se hai acquistato o venduto risorse crittografiche durante l’anno. Sappiamo che le informazioni vengono scambiate tra i dipartimenti governativi, a livello statale e federale. Quindi, è importante che tu “Ti assicuri di lavorare con i tuoi contabili per pubblicizzare tutto in modo accurato.”

Se non sei sicuro di nulla, parla con un contabile, idealmente con esperienza di crittografia, e sii meticoloso nell’approvvigionamento della cronologia delle transazioni durante la raccolta dei dati fiscali quest’anno.

Ci sono tre regole da tenere a mente in questa stagione fiscale

Le regole differiscono a seconda di come hai investito nella criptovaluta, che tipo di profitto hai realizzato e cosa hai fatto con detti profitti.

Theodoro ha condiviso tre cose fondamentali che dovresti tenere a mente che è il momento delle tasse.

Esenzione per beni per uso personale:

Per gli appassionati di crittografia, Ci sono 10.000 dollari “L’esenzione fiscale è sui beni per uso personale”, ha detto Theodoro.

READ  Woolworths sostituisce gratuitamente le borse verdi 99c danneggiate

Ha spiegato che se un hobbista acquista criptovalute per un valore inferiore a $ 10.000 e viene utilizzato per uso personale o per acquistare beni, non ci saranno tasse da pagare.

Un fattore di ammissibilità davvero importante da tenere in considerazione è che la criptovaluta che acquisti non dovrebbe essere a fini di investimento, come parte di uno schema di presa di profitto o nel contesto di attività commerciali. Teodoro ha sottolineato di assicurarti di lavorare con il tuo commercialista per determinare se soddisfi i criteri di ammissibilità.

Vale anche la pena notare qui per quanto tempo hai conservato le criptovalute prima di usarle per uso personale. E se cambi la tua criptovaluta con il dollaro australiano (o un’altra criptovaluta) per fare acquisti, non sarà considerata una risorsa per uso personale. Continuare a leggere Qui.

Sei un trader, investitore o hobbista?

Theodoro ha detto che designarti come “trader”, “investitore” o “dilettante” ha un grande impatto sulla “linea di fondo” delle criptovalute.

Le differenze tra i tre tipi [of classification] Spesso non è chiaro ed è imperativo chiedere consiglio su quale categoria rientri in quanto può avere conseguenze disastrose.

Come guida generale (anche se devi parlare completamente con un contabile per confermare la tua posizione) Teodoro ha detto:

Crittografa “Investitore” Probabilmente avrai a che fare con le regole dell’imposta sulle plusvalenze (CGT) al momento dell’acquisto [or] Vendi le loro risorse crittografiche. In quanto tale, un investitore può qualificarsi per lo sconto CGT del 50%.

D’altra parte, un trader di criptovaluta ha maggiori probabilità di acquistare e vendere frequentemente Gestione aziendale. Sebbene possano non avere diritto a uno sconto CGT, eventuali perdite subite saranno probabilmente compensate per altri redditi (soggetti a determinate regole e limiti).

I regolamenti variano ampiamente, quindi è importante sapere cosa è giusto per te e per la tua criptovaluta.

READ  Biden vende il G7 sulle tasse globali, ma il Congresso è un ostacolo

Le rotture di catena possono essere tassabili:

Per coloro che non hanno familiarità con il termine, Theodoro ha spiegato che “le divisioni di catena si verificano quando ci sono due o più versioni concorrenti della blockchain”.

Ha detto che “se ricevi una nuova criptovaluta a seguito di una divisione della catena – [like] I possessori di bitcoin ottengono bitcoin cash – e se mantieni le nuove criptovalute come investimento, potresti potenzialmente realizzare guadagni in conto capitale quando le vendi “.

Dettagli su questo Qui.

GT

Non dimenticare che gli scambi di criptovaluta sono tassati

Uno dei malintesi più comuni che Theodoro ha sottolineato durante il nostro scambio era che alcune persone credono che l’atto di scambiare una criptovaluta con un’altra non sia tassabile.

“La risposta non potrebbe essere più lontana dalla verità”, ha detto.

“L’imposta è ancora pagabile sul commercio anche se non hai realizzato nessuno dei guadagni nel titolo. Quindi è imperativo che registri il valore obbligatorio delle criptovalute nel momento in cui le scambi con altre criptovalute.”

ATO ha molte informazioni in questo spazio

Se stai ancora imparando come gestire correttamente la tua criptovaluta, è tempo di tasse, allora vale la pena leggere le risorse su Sito web di ATO Oltre a parlare con il tuo commercialista.

Theodoro ha anche detto che puoi esplorare l’opzione ATO Vantaggio di giudizio speciale.

Secondo il sito web di ATO, si tratta di “un consiglio vincolante che spiega come si applica la legislazione fiscale in relazione a uno schema o una circostanza specifici”.

“Sappiamo che gli utenti con esperienze molto positive hanno ottenuto certezze da ATO su come le norme fiscali si applicano alle loro attività crittografiche tramite la funzione di giudizio speciale”, ha affermato Theodoro.

READ  Il Dipartimento della Salute afferma che il nome dell'app bancaria ha portato il falso supermercato Woolworths a essere elencato come sito di esposizione

Ha spiegato: “La funzione è spesso utilizzata in questioni la cui risposta dipende in larga misura dai fatti, ad esempio se sei un commerciante, un investitore o un hobbista. È una caratteristica sconosciuta di cui l’OSCE può beneficiare”.

Abbiamo contattato ATO per ulteriori indicazioni in questo spazio e un portavoce dell’autorità ha condiviso la seguente dichiarazione:

Il nostro obiettivo principale è aiutare le persone a risolvere questo periodo di tasse. In molti modi, il reddito da criptovaluta non è diverso dal reddito da altre fonti. È importante che le persone sappiano, tuttavia, che le transazioni di criptovaluta non sono anonime. ATO utilizza i dati che riceve dai DSP (Designated Service Provider) per abbinare i dati a un individuo per garantire che le persone che scambiano criptovalute paghino l’importo corretto delle tasse.

Quindi sii preciso e fai domande quando necessario.

Ci auguriamo che tu ti senta più sicuro di come viene gestita la tua dichiarazione dei redditi quest’anno. Tuttavia, in caso di dubbio, rivolgiti a un esperto fiscale.

Lifehacker ha aggiornato questo pezzo dalla sua data di pubblicazione originale per includere commenti da ATO.