In che modo il reclutamento discrimina i candidati “stranieri” – Monash Lens

Da quando si è trasferita dal Pakistan all’Australia, Maryam Muhammad ha ricevuto BA e MA Maestroe ha co-fondato un’impresa sociale (Educare l’alfabetizzazione finanziaria per le donne), e ha realizzato Audit finanziario australiano‘S 100 donne potenti Elenco.

Ma a un certo punto era molto frustrata per non essere riuscita a trovare un lavoro Considera di cambiare il suo nome a qualcosa di meno “islamico” e più “anglo”.

La sua esperienza non è unica.

Negli ultimi 50 anni, la maggior parte dei paesi occidentali è diventata più tollerante nei confronti della diversità culturale. Le leggi ora vietano forme conclamate di discriminazione basate sul genere, la razza o l’età.

Ma i pregiudizi inconsci persistono, con uno dei pregiudizi più ben documentati che discrimina i candidati al lavoro con nomi di minoranze etniche.

Rivedere 123 curriculum dello studio

Io ho 123 “Riprendi studio” analizzato Per una comprensione più accurata della discriminazione basata sul nome sul lavoro.

ripresa degli studi di solito coinvolge I ricercatori rispondono agli annunci di lavoro reali con curricula molto simili ai falsi candidati. In questi studi, alcuni curriculum contengono nomi che indicano che il richiedente proviene da un gruppo di minoranza etnica, mentre altri curriculum contengono nomi più comuni. Ciò consente ai ricercatori di confrontare le risposte a nomi diversi.

Le mie recensioni hanno riguardato studi in Australia, Austria, Belgio, Gran Bretagna, Canada, Cina, Finlandia, Francia, Germania, Grecia, Irlanda, Italia, Malesia, Paesi Bassi, Norvegia, Perù, Svezia e Stati Uniti.

Più del 95% degli studi ha identificato un’elevata discriminazione razziale sul lavoro. In media, i candidati delle minoranze etniche hanno ricevuto circa la metà delle risposte positive alle loro domande di lavoro.

READ  I rialzi di oro e Bitcoin mostrano crescenti rischi di cigno nero

Leggi di più: L’algoritmo di reclutamento sessuale di Amazon potrebbe essere ancora migliore di quello umano


Differenze evidenti

Tuttavia, ci sono state differenze significative nel grado di discriminazione tra gli studi.

Il grafico seguente mostra i risultati di una selezione di studi in diversi paesi. Il “tasso di discriminazione netto” è una metrica comune negli studi sui CV. Maggiore è il rapporto, maggiore è la discriminazione. Quindi studi biografici mostrano che i richiedenti con nomi marocchini in Italia e nomi africani o tedeschi in Irlanda sono più discriminati di quelli con nomi turchi in Germania.



Solo tre degli studi non hanno riscontrato alcuna discriminazione nell’occupazione nei confronti delle minoranze etniche. Solo uno ha segnalato discriminazione sul lavoro contro un gruppo etnico maggioritario – A Studiare in Malesia Trovare un nome cinese era più utile di un nome malese. (I malesi rappresentano i cinesi meno di un terzo della popolazione malese, ma sono rappresentati in modo sproporzionato in business class.)

Sì, questo è il nome che conta davvero

Il dato più degno di nota è un simile grado di discriminazione nei confronti degli immigrati e dei figli di immigrati (o immigrati di seconda generazione).

Gli studi hanno misurato questo effetto con CV di candidati con il nome di una minoranza etnica, ma con titoli di studio ed esperienze lavorative locali. Le biografie della prima generazione di immigrati hanno indicato la frequenza a scuole e università straniere e una mancanza di esperienza di lavoro domestico. Il tasso di risposta delle reclute era circa lo stesso.

Questi risultati mostrano che il nome della minoranza etnica è la barriera, non una valutazione delle competenze linguistiche del candidato o la preferenza per le qualifiche locali e l’esperienza lavorativa.

READ  Questi bellissimi borghi in Italia ti pagheranno $ 33.000 per trasferirti lì

Questo punto è stato sottolineato da noi E il svedese I risultati dello studio che l’adozione del nome della maggioranza etnica migliora il successo della domanda di lavoro.


Leggi di più: Il pregiudizio si insinua nei controlli di riferimento, quindi è ora di lasciarli andare?


I CV anonimi potrebbero non essere d’aiuto

Un presupposto comune tra i reclutatori e i responsabili delle risorse umane è che l’eliminazione del nome di un candidato di lavoro dovrebbe portare a un processo di assunzione più equo.

Ma la ricerca è tornata con risultati contrastanti sui curriculum anonimi.

Un 2012 studio svedeseAd esempio, ho scoperto che i curricula anonimi in realtà miglioravano le possibilità di candidati di lavoro di origine non occidentale (così come per le candidate).

D’altro canto, Studia 2015 in Francia Anonymous ha riferito che l’appello alla discriminazione razziale è aumentato nell’occupazione. I ricercatori suggeriscono che i curriculum anonimi potrebbero aver portato a giudizi più severi su “spunti negativi” come i divari occupazionali.

Quindi i curriculum anonimi potrebbero non essere la risposta. Ciò su cui i reclutatori devono concentrarsi invece è la formazione per riconoscere i propri pregiudizi inconsci e valutare meglio i curricula basandosi esclusivamente sulle reali capacità ed esperienze dei candidati.

Conversazione

Mladen Adamovich non lavora, consulta, detiene azioni o riceve finanziamenti da alcuna società, società o organizzazione che possa beneficiare di questo articolo e non ha rivelato alcuna affiliazione rilevante dopo la sua nomina accademica.

Questo articolo è apparso originariamente Conversazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto