HomeEconomyL’Italia alza le previsioni sul deficit di bilancio in un contesto di...

L’Italia alza le previsioni sul deficit di bilancio in un contesto di crescenti pressioni economiche

Apri Editor’s Digest gratuitamente

Il governo italiano ha fissato il deficit fiscale per quest’anno al 5,3% della produzione economica, rispetto al precedente obiettivo del 4,5%, con costi in aumento causati da un controverso sistema di incentivi fiscali “super bonus” che grava sulle finanze pubbliche del paese.

Mercoledì il governo del primo ministro Giorgia Meloni ha anche dichiarato che prevede che il deficit del prossimo anno sarà maggiore del previsto, raggiungendo il 4,3% del Pil, in aumento rispetto all’obiettivo del 3,7% fissato ad aprile.

Il ministro delle Finanze Giancarlo Giorgetti ha affermato che l’aumento dell’obiettivo di deficit del prossimo anno consentirebbe a Roma di finanziare misure a sostegno delle famiglie a basso reddito, incentivare le famiglie ad avere più figli e aumentare i salari del settore pubblico in un contesto di rallentamento economico.

Ma una spesa così espansiva potrebbe portare a tensioni con Bruxelles perché allontana ulteriormente l’Italia dalle regole dell’UE che fissano il deficit di bilancio al 3% del prodotto interno lordo.

Le regole sono state sospese durante la pandemia di Covid-19 per dare ai paesi lo spazio fiscale per rispondere allo shock, ma dovrebbero entrare in vigore nuovamente l’anno prossimo. Alcuni altri paesi hanno già annunciato tagli alla spesa per raggiungere questo obiettivo.

Il governo italiano prevede di ridurre il deficit a meno del 3% nel 2026.

Tuttavia, Giorgetti ha detto di ritenere che i funzionari della Commissione Europea – che deve approvare il bilancio italiano che sarà presentato il mese prossimo – sarebbero comprensivi verso la pressione su Roma. Altri membri dell’UE, tra cui la Francia, per il prossimo anno puntano a deficit maggiori di quanto tecnicamente consentito.

READ  AGGIORNAMENTI IN TEMPO REALE: ASX si prepara per un inizio modesto dopo la sessione "deludente" a Wall Street, i mercati europei hanno raggiunto livelli record

“Capiranno sicuramente la situazione, così come molti colleghi ministri delle finanze europei che stanno affrontando un rallentamento economico o, in alcuni casi, una recessione”, ha affermato. “L’approccio è quello della responsabilità e della saggezza.”

Giovedì mattina il rendimento dei titoli italiani a 10 anni è salito di due punti base al 4,8%, vicino al livello più alto degli ultimi 11 anni. Lo spread rispetto alla controparte tedesca è aumentato leggermente a 195 punti base, dopo che giovedì il rendimento dei titoli tedeschi a 10 anni è aumentato di 1,3 punti base.

Il governo italiano ha inoltre abbassato le previsioni di crescita economica per quest’anno e per il prossimo, riflettendo i problemi più ampi di altri paesi della zona euro e il costo più elevato del prestito a seguito degli aumenti dei tassi di interesse da parte della Banca Centrale Europea.

Si stima ora che la crescita del PIL italiano raggiungerà quest’anno lo 0,8%, rispetto all’1% precedente. Il governo ha abbassato le previsioni di crescita del PIL per il 2024 dall’1,5% all’1,2%.

Nel tentativo di elaborare il bilancio 2024, la coalizione tripartitica di destra guidata dalla Meloni si trova ad affrontare un difficile equilibrio, poiché cerca di rassicurare i mercati globali sul fatto che sta mantenendo la disciplina fiscale mentre inizia a mantenere le promesse elettorali di tagliare le tasse.

Giorgetti ha lamentato che gli ultimi rialzi dei tassi di interesse da parte della Banca Centrale Europea costeranno all’Italia – che ha un rapporto debito pubblico/PIL di oltre il 142% – ulteriori 15 miliardi di euro in costi di interessi.

Ma sono i crescenti costi del piano di super-bonus – avviato da una precedente coalizione guidata dal populista Movimento Cinque Stelle – ad aver seriamente complicato le cose per il governo Meloni.

READ  La rete elettrica può sbarazzarsi del carbone "senza aumenti e tagli dei prezzi"

Il programma – che offriva agli italiani un’agevolazione fiscale del 110% per le ristrutturazioni domestiche per aumentare l’efficienza energetica e rinnovare gli esterni degli edifici – ha innescato un boom a livello nazionale nel miglioramento delle case, contribuendo a guidare una rapida ripresa economica dallo shock del Covid.

Ma il programma ha avuto un costo enorme per le casse pubbliche, con Meloni che stima il conto totale a circa 140 miliardi di euro. È una critica feroce del super bonus e si è mossa per limitare il programma da quando è entrata in carica l’anno scorso.

“I numeri parlano da soli”, ha detto Meloni alla televisione di stato la settimana scorsa. “Una scappatoia da 140 miliardi di euro – soldi sottratti a sanità, istruzione e pensioni – per ristrutturare le seconde case e perfino i castelli”.

Giorgetti ha detto questo mese ad un pubblico imprenditoriale che il piano lascia poco spazio di manovra al governo. “Quando penso alla super ricompensa, mi viene il mal di pancia”, ha detto.

Reporting aggiuntivo di Martin Arnold a Francoforte

Orsina Fiorentini
Orsina Fiorentini
"Fan zombi sottilmente affascinante. Fanatico della TV. Creatore devoto. Amico degli animali ovunque. Praticante del caffè."
Must Read
Related News