SanSeveroTV

Più notizie quotidiane di qualsiasi altra fonte di notizie italiana sull'italiano.

Il Vietnam è pronto a combattere nel Mar Cinese Meridionale mentre le navi militari sono schierate nell’area

La Cina interferisce con le navi missilistiche. Le Filippine inviano aeroplani. Ma un altro giocatore schiera il suo esercito per rivendicare la rivendicazione nel Mar Cinese Meridionale – Vietnam.

Quando la “milizia” di Pechino si trasferì a caccia nelle Isole Spratly e Manila inviò un aereo da ricognizione per monitorare, Hanoi aveva una delle sue navi da guerra che conduceva “addestramento al combattimento” nelle vicinanze.

La moderna fregata antisommergibile Quang Trung e l’elicottero a bordo hanno esercitato le proprie capacità in vista delle installazioni altamente militarizzate della Cina.

Il Vietnam rivendica anche la proprietà storica di aree di caccia strategiche.

Il ministero degli Affari esteri di Hanoi ha dichiarato che “le attività delle navi cinesi … violano gravemente la sovranità del Vietnam”. Un demolitore della Guardia Costiera è attraccato a Whitsun Reef, monitorando uno squadrone di 220 “milizie” cinesi attive.

“Nelle Isole Spratly, i preparativi al combattimento sono ai massimi livelli”, ha riferito questa settimana la Vietnam National Radio TV.

Relazionato: La mossa principale della Cina fa vergognare gli Stati Uniti

Nel frattempo, la Cina ha schierato diverse imbarcazioni da attacco rapido Tipo 022 nella regione. Una di queste navi da guerra missilistiche giovedì ha costretto una barca charter filippina che trasportava i media ad allontanarsi dal territorio conteso.

Relazionato: L’Australia è “indifesa” contro la Cina

Questo segna un’altra escalation nella militarizzazione delle Isole Spratly.

L’uso di una nave da guerra, a differenza di un cutter della Guardia Costiera, rappresenta la forza militare. Nessuna “polizia” civile.

Relazionato: “Chicken”: un pericoloso incontro in mare

È uno scenario volubile.

L’affermazione di Pechino riguardo al mero utilizzo di “navi bianche” (navi della guardia costiera) per promuovere la pace e la stabilità nel Mar Cinese Meridionale è giunta al termine. Afferma Colin Koh, analista della sicurezza marittima alla Nanyang University di Singapore.

READ  La madre e il bambino che allatta muoiono dopo che il padre li nutre con veleno per topi

Ciò che è chiaro è che la Marina dell’Esercito popolare di liberazione sta ora partecipando a pattugliamenti attivi a fianco (della Guardia costiera) e della milizia marittima nelle cosiddette “acque sotto giurisdizione nazionale” che includono “altre acque correlate”. Questo dovrebbe essere interpretato nel senso acque circondate da una linea (Pechino) composta da nove trattini “.

Invasione per impostazione predefinita

Vietnam e Cina hanno combattuto una breve guerra nel 1979. Hanoi ha respinto un’invasione del Vietnam del Nord. Tuttavia, la Cina ha acquisito il controllo di gran parte delle isole Paracel situate tra i due paesi.

Da allora le navi di entrambe le parti si sono scontrate regolarmente attraverso il Mar Cinese Meridionale.

Manila ha anche esperienza con la “strisciante espansione” di Pechino.

La Cina ha assemblato le strutture a Mischief Reef nel 1994. Quattro anni dopo, ha iniziato a convertire la barriera corallina in una fortezza artificiale, completa di aeroporti, porti e sistemi d’arma.

“La continua presenza di milizie marittime cinesi nella regione rivela la loro intenzione di occupare più punti di riferimento nel Mar delle Filippine occidentali (Mar Cinese Meridionale)”, ha detto questa settimana il segretario alla Difesa nazionale filippino Delphine Lorenzana.

Lo squadrone della “milizia” di Pechino si è esteso alle barriere coralline e ad altre strutture di Spratly. Ma circa 44 di loro sono ancora ancorati a Whitsun Reef.

Ma l’arrivo di navi militari cinesi nella regione ha spinto gli Stati Uniti a lanciare un severo avvertimento.

“Un attacco armato contro le forze armate delle Filippine, navi pubbliche o aerei nell’Oceano Pacifico, incluso nel Mar Cinese Meridionale, adempirà ai nostri obblighi ai sensi del Trattato di difesa reciproca tra Stati Uniti e Filippine”, ha detto il portavoce del Dipartimento di Stato Ned Price a una conferenza stampa giovedì. “. .

READ  L'invasione di Taiwan potrebbe essere troppo rischiosa per Pechino

“Condividiamo le preoccupazioni dei nostri alleati filippini riguardo ai continui rapporti sulla mobilitazione delle milizie marittime della Repubblica popolare cinese vicino alla barriera corallina di Whitsun”.

Ma Koh afferma che l’uso di una nave da guerra per far valere la rivendicazione di Pechino sulle Isole Spratly è un passo pianificato per cambiare la sua affermazione.

Dice: “La graduale risposta con cui la marina dell’Esercito popolare cinese (PLA) partecipa alle pattuglie della sovranità marittima e della protezione dei diritti (Repubblica popolare cinese) nel (Mar Cinese Meridionale), insieme alla Legge sulla Guardia Costiera, ha gravi ripercussioni sui partiti asiatici del sud-est asiatico interessati “.

Scavare

Hanoi iniziò a modernizzare i suoi avamposti nelle Isole Spratly, rendendoli “più resilienti di fronte all’invasione o al blocco e rafforzando la deterrenza”.

La maggior parte delle installazioni Spratly del Vietnam contengono già attrezzature di difesa aerea e bunker di artiglieria. Ma recenti immagini satellitari rivelano che tutte le 10 isole che controlla stanno mostrando nuove azioni difensive.

Il Lo ha notato l’Iniziativa per la trasparenza marittima in Asia (AMTI) Cambiamenti “radicali” delle strutture a West Reef e Sin Ko Island. Come i castelli vicino alla Cina, West Reef è un’isola artificiale.

Il rapporto AMTI rileva che “negli ultimi due anni, West Reef ha visto nuove costruzioni significative, tra cui numerose installazioni di difesa costiera, edifici per uffici, piattaforme di cemento e bunker, e una grande struttura a torre presumibilmente per comunicazioni o intelligence di segnale”.

Ha inoltre rilevato “la costruzione di un gruppo di installazioni difensive lungo la costa” sull’isola di Sin Ko.

Il Partito Comunista che lo controlla La South China Sea Exploration Initiative (SCSPI) ha pubblicato un rapporto Attacco al “dispiegamento militare” vietnamita a Spratly.

READ  La Marina indonesiana trova oggetti da un sottomarino perduto e non c'è speranza di trovare sopravvissuti

“Poiché le forze ei civili vietnamiti stanno diventando sempre più attivi nelle isole e nelle barriere coralline controllate dai vietnamiti e nelle acque circostanti, il rischio di qualsiasi attrito o conflitto non può essere sottovalutato”.

È un’altra indicazione delle continue intimidazioni da Pechino.

“Questa recente molestia da parte dell’Esercito popolare di liberazione della marina per … il battello a vapore noleggiato non è probabile che sia un incidente solitario e isolato. Come parte del quadro di pattugliamento congiunto che include la Guardia Costiera e altre forze come la Milizia marittima attraverso il Isole Paracel e Spratly, possiamo aspettarci una ricorrenza “, avverte Koh.

Jimmy Seidel è uno scrittore freelance Incorpora un Tweet