SanSeveroTV

Più notizie quotidiane di qualsiasi altra fonte di notizie italiana sull'italiano.

La Norvegia si sta liberando di tutte le restrizioni del Covid per vivere come al solito

Dopo 561 giorni di restrizioni, la Norvegia ha annunciato nel fine settimana di aver preso la decisione di abbandonarle del tutto in una nuova normalità.

La Norvegia ha abbandonato tutte le sue misure COVID-19, anche il distanziamento sociale, con una mossa drastica che ha conseguenze ancora poco chiare.

Venerdì, il governo del paese scandinavo ha annunciato che era tempo di “vivere come al solito” con Covid-19 dopo 561 giorni di sopportazione di una sorta di restrizioni, che si tratti di limiti di capacità spaziale o ordini di soggiorno a casa.

Ora i norvegesi possono frequentare ristoranti, locali notturni, eventi sportivi e qualsiasi altra cosa a pieno regime, eliminando il distanziamento sociale.

Hanno persino iniziato a incoraggiare i viaggi fuori dall’Europa, rimuovendo gli avvisi di viaggio.

Le nuove regole entreranno in vigore sabato, alle 16 ora locale.

“Sono passati 561 giorni da quando abbiamo adottato le misure più difficili in Norvegia in tempo di pace… Ora è il momento di tornare alla normale vita quotidiana”, ha detto ai giornalisti il ​​primo ministro Erna Solberg.

“In breve, ora possiamo vivere come al solito”.

Questo nonostante il paese di cinque milioni di persone abbia il 67 percento completamente vaccinato, meno del “numero magico” dell’Australia per la riapertura, all’80 percento.

La decisione non è venuta dal vuoto.

Questa mossa estrema fa parte di un piano in quattro fasi per rimuovere tutte le restrizioni che è stato implementato il 10 marzo dello scorso anno.

La Norvegia era sulla buona strada per l’ultimo passo, ma lo era È stato più volte rinviato per il timore di un aumento dei contagi.

E il ministro della Salute del Paese ha inviato una lettera ai comuni chiedendo loro di avvisarli per prepararsi a porre fine alle restrizioni.

READ  Il mistero circonda le meraviglie naturali del deserto di Mahra

Come la maggior parte Tra i paesi, la Norvegia è stata la più colpita dal ceppo delta del coronavirus.

In totale, il Paese ha registrato quasi 186.000 casi locali di Covid-19 e ha registrato tragicamente 850 morti. Per fare un confronto, l’Australia ha finora più di 93.000 casi e 1.208 decessi.

Nelle ultime 24 ore, la Norvegia ha registrato 705 nuovi casi.

Tuttavia, l’Istituto norvegese di sanità pubblica ha raccomandato la riapertura della comunità.

Secondo ReutersLa Norvegia ha 98 infezioni ogni 100.000 persone nella sua popolazione.

A livello globale, ci sono stati 230 milioni di casi di Covid-19, con 4,7 milioni di morti e oltre 6 miliardi di dosi del vaccino.

La scorsa settimana, i livelli di infezione da Covid sono diminuiti del 33% rispetto alla settimana precedente, mentre il numero di ricoveri è diminuito da 95 a 67 in quanto i vaccini hanno contratto il virus, secondo il la vita in norvegia.

Il governo norvegese ha affermato che i suoi cittadini non devono vivere una vita normale con il virus Covid se non lo desiderano.

“Quando i consigli e le regole delle autorità sono sostanzialmente spariti, l’individuo può scegliere da solo quali rischi vuole correre e quali misure vuole esercitare”, hanno detto in una nota.

La Norvegia è il secondo paese scandinavo a porre fine alle restrizioni, seguendo le orme della Danimarca che ha salutato i blocchi il 10 settembre.

Anche il Regno Unito ha ampiamente abbracciato la presenza di Covid “normale”, sebbene il numero di casi continui a crescere.

Singapore ha adottato un approccio simile a luglio Ma è caduto in meno di due settimane Dopo che il piano fallì miseramente.

READ  Biden e Putin si stringono la mano all'inizio del vertice di Ginevra in Svizzera

Il numero di contagi è passato da otto a quasi 200 in 10 giorni, riportando le restrizioni nel Paese asiatico.

Sabato, infatti, Singapore ha dovuto inasprire ulteriormente le sue restrizioni con solo due gruppi ammessi nei ristoranti e i bambini che devono passare all’apprendimento a casa, nonostante il paese abbia raggiunto un tasso di dose raddoppiato dell’80%.

La notizia della nuova libertà in Norvegia è un ulteriore schiaffo in faccia per i residenti del New South Wales e del Victoria, entrambi nel bel mezzo di una chiusura di mesi.

La domenica segna esattamente tre mesi dalla chiusura del NSW a giugno.

Per quanto riguarda Victoria, sono destinate a battere il record mondiale che nessuno vuole rivendicare – per essere la città più chiusa del mondo.

Se il blocco termina come previsto il 26 ottobre, Melbourne rimarrà bloccata in casa per 267 giorni, quasi nove mesi su un periodo di 18 mesi.

Questo era molto di fronte alla capitale argentina, Buenos Aires, che è stata bloccata in custodia per 257.

Dublino è stata chiusa 227 giorni, Londra 207 giorni, Praga 201 giorni ed Edimburgo è rimasta bloccata per 195 giorni.

Melbourne li ha già vinti tutti.

Il Regno Unito e la Danimarca devono ancora fare marcia indietro sulla loro mossa drastica per porre fine completamente alle regole di Covid. Resta da vedere se la Norvegia farà lo stesso.