Il Sole scatena la sua più grande eruzione solare in quasi un decennio, una settimana dopo un’esplosione che ha prodotto uno straordinario spettacolo celeste.

Il sole ha prodotto la sua più grande eruzione in quasi un decennio, giorni dopo che intense tempeste solari hanno colpito la Terra e creato abbaglianti luci meridionali in alcune parti dell’Australia la scorsa settimana.

Questa immagine è stata catturata per la prima volta martedì, ma ci vorranno giorni prima che diventi chiaro come la gigantesca esplosione finale sul Sole, che scaglierà energia, luce e particelle verso la Terra, influenzerà i cieli e la tecnologia australiani.

“Non ho ancora finito!” La National Oceanic and Atmospheric Administration ha annunciato in un aggiornamento martedì dopo che la tempesta magnetica solare, nota anche come espulsione di massa coronale, ha prodotto un altro gigantesco brillamento.

Si tratta del più grande brillamento di un ciclo solare di 11 anni che si avvicina al suo picco, secondo la National Oceanic and Atmospheric Administration (NOAA), ma non è ancora chiaro come i suoi effetti saranno vissuti sulla Terra.

“Una di queste esplosioni sul Sole impiega circa tre giorni per raggiungere la Terra, e questo è solo a causa della velocità con cui viaggia attraverso lo spazio”, ha detto a 7NEWS.com.au Brad Tucker, un astrofisico dell’Università Nazionale Australiana.

Mentre la tempesta della scorsa settimana ha consigliato a sette astronauti della Stazione Spaziale Internazionale di rimanere in aree con un forte scudo antiradiazioni, la NASA ha affermato che l’equipaggio non correva alcun pericolo.

La NASA ha anche aggiunto che l’ultima grande eruzione solare ha causato la rotazione inaspettata di uno dei suoi satelliti ambientali a causa di un calo di altitudine dovuto alle condizioni meteorologiche spaziali e l’entrata in modalità di ibernazione sicura.

READ  Il nuovo materiale a base di grafite potrebbe essere “tutto in una volta”

Ma in Australia “non c’erano tracce sul terreno”, ha detto Tucker.

“I sistemi satellitari venivano monitorati e non sembrava esserci molta interferenza.

“Le radiazioni sono in realtà le cose che danneggiano in particolare i satelliti. È una fortuna che (l’esplosione finale), per come si è rivelata, non ha avuto lo stesso effetto che avrebbe potuto avere.”

“Le tempeste hanno diversi livelli di radiazione, quindi, anche se la creazione dell’aurora è stata molto attiva, non c’era molta radiazione con sé.

“Non mira necessariamente a terra”

Il Solar Dynamics Observatory della NASA ha classificato il lampo luminoso più recente, sulla scala di questi brillamenti, come X8.7, il più forte dal 2005.

L’evento arriva dopo quasi una settimana di brillamenti ed espulsioni di massa di plasma coronale che hanno minacciato di interrompere l’energia e le comunicazioni sulla Terra e in orbita.

Ma eventuali effetti potenziali che il brillamento X8.7 potrebbe avere sulla Terra non saranno noti per giorni, ha detto Tucker, e dipenderanno anche dalla “direzione e dall’arrivo” del brillamento e dalla quantità di energia emessa dal Sole durante il periodo coronale. espulsione di massa. sfratto.

A questo punto, secondo l’AAP, il brillamento sembra essere scoppiato nella parte del Sole che si sta allontanando dalla Terra.

“Sebbene sia stato osservato questo recente, abbastanza forte bagliore, non aveva necessariamente come obiettivo la Terra”, ha detto Tucker.

“Finora non ci sono avvisi (BOM) a riguardo.”

Tucker ha detto che i satelliti continueranno a monitorare mentre l’ultima eruzione solare si avvicina alla Terra, nel caso in cui le operazioni debbano essere interrotte o modificate di conseguenza.

“Poiché c’è una parte del sole che produce tutti questi bagliori, le persone la guardano e prestano attenzione costantemente”, ha detto.

READ  Il nuovo orbiter ha catturato immagini gloriose della strana aurora boreale su Marte

Il Met Office ha affermato che, sebbene si prevede che i venti solari saranno forti, generalmente stanno diminuendo.

– Con agosto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto