HomescienceIl ricovero in ospedale per insufficienza cardiaca è associato al rischio renale...

Il ricovero in ospedale per insufficienza cardiaca è associato al rischio renale negli anziani

In uno studio sui beneficiari di Medicare, i ricercatori del Brigham and Women’s Hospital hanno scoperto che un anno dopo il ricovero in ospedale per insufficienza cardiaca, il 6% dei pazienti è passato alla dialisi.

Prese principali

  • Uno studio condotto da ricercatori del Brigham ha rilevato che tra gli anziani ricoverati in ospedale per insufficienza cardiaca, quasi 3 su 4 sono stati dimessi dall’ospedale a causa della ridotta funzionalità renale.
  • La ridotta funzionalità renale è stata associata a un rischio significativamente maggiore di complicanze renali e altri esiti clinici avversi tra gli anziani, con più di 1 persona su 20 che passa alla dialisi entro 1 anno dal ricovero per insufficienza cardiaca.
  • Questi risultati sottolineano la necessità di un approccio sanitario integrato che dia priorità alla salute dei reni tra gli individui con insufficienza cardiaca.

Ricercatori di Brigham e l’ospedale femminileMembro fondatore di Messa del generale Brigham Il sistema sanitario ha trovato collegamenti tra insufficienza cardiaca e malattie renali che supportano nuovi approcci per integrare la cura di queste condizioni. In un’analisi di adulti di età pari o superiore a 65 anni ricoverati per insufficienza cardiaca in 372 centri negli Stati Uniti, i ricercatori hanno scoperto che i pazienti avevano un rischio elevato di sviluppare complicazioni renali, con circa il 6% che passava alla dialisi entro un anno dal ricovero a causa di insufficienza cardiaca. Insufficienza cardiaca. I nuovi risultati sono pubblicati su JAMA Cardiology.

“Sappiamo che la salute del cuore e dei reni sono altamente interconnessi, ma la gestione delle malattie cardiache e renali rimane relativamente isolata e la salute dei reni spesso non è una priorità nei pazienti con malattie cardiache avanzate”, ha affermato il primo autore John Ostrominsky, MD. Fellow in Medicina cardiovascolare e dell’obesità al Brigham. “La ridotta funzionalità renale è spesso asintomatica fino alla fase avanzata della malattia, ma anche gli stadi meno avanzati della disfunzione renale possono avere importanti implicazioni per la salute cardiovascolare. Pertanto, vi è la necessità di analisi che valutino gli esiti renali nelle persone con malattia renale. “Cuore congestizio.”

READ  Gli inventori scoprono il vetro più resistente in madreperla per evitare che gli smartphone si rompano

Circa due terzi degli anziani con insufficienza cardiaca presentano una funzionalità renale anormale. Tuttavia, poche analisi fino ad oggi hanno studiato l’incidenza di esiti renali clinicamente rilevanti, come l’ospedalizzazione per danno renale acuto o la dialisi, in pazienti con insufficienza cardiaca. La valutazione di questi risultati più chiari e incentrati sul paziente, secondo Ostrominsky, potrebbe portare a cambiamenti fondamentali nel modo in cui le malattie cardiache e renali vengono gestite insieme in clinica.

Lo studio ha analizzato i dati delle richieste di risarcimento Medicare di 85.298 pazienti di età superiore ai 65 anni ricoverati in ospedale per insufficienza cardiaca tra il 2021 e il 2024. I dati sono stati ottenuti dal Get with the Guideline-Heart-Failure Registry, un’iniziativa supportata dall’American Heart Association che cerca di collegare gli ospedali con le attuali linee guida basate sull’evidenza e strumenti di misurazione accurati per migliorare la qualità dell’assistenza e le pratiche del settore. Il registro si sta rivelando anche una preziosa fonte di informazioni per i ricercatori che studiano le tendenze negli esiti sanitari per i pazienti con insufficienza cardiaca.

Nel presente studio, il 63% dei pazienti è stato dimesso dall’ospedale con una funzionalità renale significativamente compromessa, misurata in base alla velocità di filtrazione. I ricercatori hanno anche scoperto che il rischio di esiti avversi a livello renale è notevolmente aumentato nei pazienti con funzionalità renale ridotta. Un anno dopo la dimissione dall’ospedale, il 6% dei pazienti era in dialisi e il 7% dei pazienti era in dialisi o aveva raggiunto una malattia renale allo stadio terminale.

I risultati suggeriscono che, a livello del singolo medico, i cardiologi dovrebbero dare priorità alla valutazione della funzionalità renale – inclusa la misurazione della filtrazione renale e la ricerca di prove di proteine ​​nelle urine, note anche come albuminuria – in tutti i pazienti con insufficienza cardiaca. Quando indicato, le malattie cardiache dovrebbero esserlo preso in considerazione. Trattamenti noti per migliorare gli esiti renali.

READ  Un astronauta della Stazione Spaziale Internazionale fotografa un fulmine sotto forma di una bolla nell'atmosfera

Più in generale, lo studio sottolinea la necessità di cambiamenti sistemici che supportino meglio la gestione simultanea delle malattie cardiache e renali, compresa la creazione di cliniche focalizzate sull’integrazione di queste due aree di cura, l’integrazione degli esiti renali nelle misure di prestazione delle cure per le malattie cardiovascolari e l’espansione del rimborso per le cure. Medico. Protocolli per la gestione multidisciplinare delle cure croniche.

I ricercatori del Mass General Brigham sono attivamente coinvolti come siti per Test clinici Valutazione di nuove strategie di trattamento per individui con malattie cardiovascolari e renali. Acceleratore di trasformazione clinica Il team sta inoltre lavorando per sviluppare nuovi modi per fornire assistenza, compresi farmaci con comprovati benefici renali, ai pazienti idonei con e senza insufficienza cardiaca.

“Le tendenze che abbiamo osservato non sono particolarmente sorprendenti, dato ciò che sappiamo sui legami tra la salute del cuore e dei reni, ma ciò che è importante è che questa ricerca sottolinei la portata del problema e ci fornisca informazioni su cui possiamo agire per migliorare direttamente i risultati clinici in pazienti con insufficienza”, ha affermato Ostrominsky. Heart.” “Ci sono importanti opportunità per i pazienti, gli operatori sanitari e le organizzazioni sanitarie, e a livello statale e nazionale più ampio, per la politica sanitaria che può fare una differenza significativa per i pazienti”.

Paternità: Oltre a Ostrominsky, gli autori di BWH includono Scott D. Salomone e Muthiah Vaduganathan. Altri autori includono Stephen J. Verde, Nicole C. Solomon, Karen Chiswell e Adam D. Devore e Ravi B. Patel, Clyde W. Yancey, Javed Butler e Paul A. Heidenreich, Joanna C. Huang, Michelle M. Kittleson e Karen. E. Joint Maddox, Karthik K. Linganathan, James J. McDermott, Anjali Tico Owens, Pamela N. Peterson, Orly Vardini e Greg C. Funaro.

READ  In che modo l'esercizio ad alta intensità prima dell'intervento chirurgico può aiutare il recupero

Informativa: Vaduganathan riferisce di aver ricevuto finanziamenti per la ricerca da American Regent, Amgen, AstraZeneca, BayerAG, BaxteHealthcare, BMS, Boehringer Ingelheim, Chiesi, Cytocinetica, Lexicon Pharmaceuticals, Merck, Novartis, Novo Nordisk, Pharmacosmos, Relypsa, Roche Diagnostics, Sanofi e Tricog . Salute, prestando servizio in comitati consultivi o partecipando come relatori e facendo parte di comitati di sperimentazione clinica per studi sponsorizzati da queste entità di AstraZeneca, Galmed, Novartis, Bayer AG, Occlutech e Impulse Dynamics.

Finanziamento: il programma Get With The Guideline Heart Failure è fornito dall’American Heart Association ed è sponsorizzato in parte da Novartis, Boehringer Ingelheim, Eli Lilly Diabetes Alliance, Novo Nordisk, Sanofi, AstraZeneca e Bayer. Questa analisi, nell’ambito della serie TRANSLATE-HFresearch, è stata supportata da AstraZeneca.

Articoli citati: Ostrominski, J. et al. “Esiti renali tra i beneficiari di Medicare dopo il ricovero per insufficienza cardiaca”, JAMA Cardiology. doi: 10.1001/jamacardio.2024.1108

# #

/Liberazione generale. Questo materiale dell’organizzazione/degli autori originali può essere di natura cronologica ed è modificato per motivi di chiarezza, stile e lunghezza. Mirage.News non assume posizioni aziendali o partiti e tutte le opinioni, posizioni e conclusioni qui espresse sono esclusivamente quelle degli autori. Visualizzale integralmente qui.

Orsina Fiorentini
Orsina Fiorentini
"Fan zombi sottilmente affascinante. Fanatico della TV. Creatore devoto. Amico degli animali ovunque. Praticante del caffè."
Must Read
Related News