HomeEconomyIl principale economista Warren Hogan critica l'affermazione di Jim Chalmers secondo cui...

Il principale economista Warren Hogan critica l’affermazione di Jim Chalmers secondo cui l’inflazione “oscilla e oscilla verso il basso” man mano che l’inflazione aumenta

Le affermazioni del segretario al Tesoro Jim Chalmers secondo cui l’inflazione “sta oscillando e si sta dirigendo verso il basso” mentre il governo punta a un tasso di inflazione del 2,75% entro la fine del 2024 sono state criticate da un economista, che ha affermato che non c’è stata “nessuna oscillazione”.

Chalmers ha detto domenica a Sky News Australia che il partito laburista è “fiducioso” ma “non soddisfatto” che l’inflazione potrebbe scendere al 2,75% entro la fine dell’anno, quando attualmente è al 4%.

Chalmers ha paragonato l’economia australiana a quella degli Stati Uniti e del Canada, e ha sostenuto che l’inflazione in Australia “ha raggiunto il picco più tardi e più in basso” rispetto a quei paesi, mentre ha appoggiato le richieste dei funzionari della Reserve Bank of Australia che sostengono che l’esperienza di rallentamento dell’inflazione è “sostanzialmente simile”. a ciò che sta accadendo in tutto il mondo.

“L’inflazione si è attenuata in modi graditi e incoraggianti, ma non sempre si modera in linea retta: procede a zigzag e zigzag verso il basso ed è quello che stiamo vedendo”, ha detto Chalmers.

Ma le affermazioni del ministro del Tesoro non hanno resistito al capo consigliere economico della Judo Bank, Warren Hogan, il quale ha sostenuto che l’inflazione era aumentata o si era fermata dall’inizio dell’anno.

Hogan ha affermato che l’aumento più alto del previsto dell’indice dei prezzi al consumo nel primo trimestre dell’anno, in aumento dell’1% nei tre mesi fino a marzo, avrebbe dovuto giustificare l’aumento dei tassi di interesse.

“Il mercato ha osservato questo (e) la RBA ha parlato di aumentare i tassi di interesse (e) non lo ha fatto”, ha detto Hogan a Sky News, sottolineando che ogni volta che l’inflazione core è aumentata dell’1% nel trimestre da quando l’inflazione ha preso di mira iniziò: “Negli anni ’90, hanno risposto alzando i tassi di interesse, ma hanno superato”.

READ  Collaborazione con l’Università Bocconi per esplorare il ruolo del trasporto marittimo nell’economia italiana

L’economista ha sottolineato i successivi aumenti mensili dell’indice dei prezzi al consumo, con il balzo maggiore al 4% a maggio dal 3,6% di aprile.

Guarda l’intervista di Warren Hogan con Ross Greenwood e lo spettacolo completo di Business Now lunedì on demand con un abbonamento in streaming a SkyNews.com.au.

“Il numero mensile di aprile è stato più alto del previsto… (allora) il numero mensile di maggio è stato più alto del previsto”, ha detto Hogan.

“In realtà avevamo solo zigzag e non c’erano zigzag.”

Il consulente della Judo Bank ha affermato che altre misure utilizzate per controllare “maschere e distorsioni”, come i dati sull’inflazione media declassati che sono aumentati dal 3,8% al 4,4% tra gennaio e maggio, sono stagnanti o in aumento.

Hogan ha detto che questa è la prova che l’inflazione non ha continuato a scendere fino al target di Chalmers del 2,75%, e che un rialzo dei tassi potrebbe essere all’orizzonte.

“Abbiamo praticamente confermato che l’inflazione non continua a scendere verso l’obiettivo e questo solleva la questione di cosa dovrebbe fare la RBA?”, ha affermato.

“Questo è davvero importante perché sono stati molto tolleranti nei confronti dell’inflazione. Non hanno mai alzato i tassi di interesse tanto quanto hanno fatto le altre banche centrali. Hanno permesso all’economia di continuare a crescere e lo abbiamo visto nelle assunzioni”.

Sebbene l’opinione sulla possibilità di aumentare i tassi di interesse più volte sia attualmente divisa, l’analisi di Compare the Market ha rivelato che aumentare i tassi di interesse anche solo una volta lascerebbe le famiglie a subire un duro colpo sui loro budget mensili.

READ  Stellantis apre il suo primo centro di economia circolare a Torino, in Italia

I proprietari di case con un mutuo da 750.000 dollari vedranno i loro rimborsi mensili medi aumentare di 123 dollari dopo un aumento record dello 0,25% in agosto, mentre quelli con mutui in sospeso da 600.000 dollari subiranno un aumento mensile di 98 dollari.

Primo Ministro: gli australiani avrebbero avuto più difficoltà se il tasso di inflazione fosse stato più alto

Nel frattempo, Compare the Market ha anche rivelato che i rimborsi mensili medi sono aumentati di oltre 1.000 dollari per milioni di australiani da quando la Reserve Bank of Australia ha iniziato ad aumentare i tassi di interesse nel maggio 2022.

Le famiglie con un mutuo da 500.000 dollari hanno visto un aumento di 1.293 dollari per rata mensile media, mentre le famiglie con un mutuo da 600.000 dollari hanno visto un balzo di 1.552 dollari, e quelle con prestiti da 750.000 dollari hanno subito un aumento di 1.940 dollari.

La prospettiva di un aumento dei tassi di interesse è apparsa più probabile dopo che i dati dell’Ufficio australiano di statistica hanno mostrato che l’inflazione è salita al 4% nei 12 mesi fino a maggio, rispetto al 3,6% di aprile.

Il vicegovernatore della Reserve Bank of Australia, Christopher Kent, ha affermato che un aumento dei tassi non è escluso per gli australiani a corto di liquidità.

“Pertanto, per quanto riguarda l’andamento dei tassi di interesse, il Consiglio della Reserve Bank non esclude nulla”, ha aggiunto.

Orsina Fiorentini
Orsina Fiorentini
"Fan zombi sottilmente affascinante. Fanatico della TV. Creatore devoto. Amico degli animali ovunque. Praticante del caffè."
Must Read
Related News