HomeentertainmentIl governo italiano rinvia gli incentivi sulle accise, suscitando scalpore

Il governo italiano rinvia gli incentivi sulle accise, suscitando scalpore

Dopo aver raccolto i frutti di un boom di crescita di lunga durata, l’industria cinematografica italiana si trova ad affrontare un rallentamento forzato poiché il governo di destra del paese esita ad apportare le modifiche previste a diverse normative chiave, soprattutto agli incentivi fiscali per film e televisione, ora in fase di stallo. . produzione.

In un massiccio evento di protesta tenutosi all’inizio di questo mese al Cinema Adriano di Roma, esponenti dell’industria di tutti i settori – inclusi famosi produttori, scrittori, attori e registi come Paolo Sorrentino e Marco Bellocchio – hanno criticato la necessità di dover aspettare all’infinito per il governo. Approvare nuove linee guida affinché le società di produzione possano richiedere i crediti d’imposta del 40% che sostanzialmente fanno girare gli affari. Alcuni temono anche che i loro progetti possano finire per non rispettare i nuovi, ancora vaghi criteri di ammissibilità.

“Stiamo aspettando il nuovo quadro normativo e, soprattutto, dobbiamo sapere quanti soldi darà il governo”, ha detto durante l’evento di Roma il produttore e distributore Andrea Occhipinti, presidente della famosa azienda italiana Lucky Red.

In termini puramente monetari, il ministro italiano della Cultura Gennaro Sangiuliano ha confermato che il governo prevede di detrarre solo circa 50 milioni di euro dal credito d’imposta 2024, che dovrebbe raggiungere quest’anno circa 700 milioni di euro (744 milioni di dollari). Il problema è che non è ancora chiaro quando questi fondi di credito d’imposta saranno effettivamente disponibili, poiché il governo – che sembra essere diviso sulla questione – continua a tenere il settore in stand-by.

«Per quanto riguarda il credito d’imposta chiediamo innanzitutto velocità e certezza, perché l’industria cinematografica non può aspettare», ha osservato recentemente Occhipinti durante un convegno di industria cinematografica tenutosi lo scorso fine settimana a Ortigia, in Sicilia. Ha aggiunto che qualsiasi ulteriore ritardo “sarebbe un fallimento per gli altri paesi che ora hanno questo meraviglioso strumento come incentivo per attrarre la produzione e produrre di più a livello nazionale”.

READ  L'Italia protagonista del cinema internazionale a Washington con la proiezione di “IO Capitano” alla Motion Picture Association

Ad esempio, Malta ha recentemente aumentato la detrazione fiscale dal 27% al 40% e ha ricevuto una parte importante delle riprese del film “Il Gladiatore 2” di Ridley Scott.

Come hanno sottolineato molti osservatori dell’industria italiana, l’agevolazione fiscale italiana del 40% è stata il fattore decisivo per attirare nuovamente in Italia le produzioni hollywoodiane su una scala paragonabile ai giorni di gloria degli anni Cinquanta e Sessanta, quando erano noti i radicalmente rinnovati Studios di Cinecittà. come Hollywood. Sul fiume Tevere. Oltre il 40% del credito d’imposta italiano negli ultimi due anni è andato a produzioni internazionali girate interamente in Italia, come la seconda stagione di “The White Lotus” della HBO e “Ripley” di Steven Zaillian, recentemente presentato in anteprima su Netflix e Amazon. . La prossima serie di wrestler di Prime si intitolerà “Those About to Die”, ed è stata girata interamente a Cinecittà.

Un punto critico che ostacola la situazione è il fatto che il governo di destra vuole incoraggiare la produzione di film e serie TV con una narrativa nazionalista, quindi prevede di stanziare circa 52 milioni di euro di credito d’imposta per i film. E produzioni televisive su storie e personaggi “legati all’identità nazionale”, come dice Sangiuliano. Altro tema sottolineato dal Ministro della Cultura è stato il presunto spreco di risorse del credito d’imposta sotto il precedente governo di centrosinistra, rappresentato dal fatto che, secondo i dati del Ministero della Cultura, 345 dei 459 film beneficiari del credito d’imposta italiano nel 2022 e 2023 erano sprecati. Non ha avuto un’uscita nelle sale. In alcuni casi, ciò è semplicemente dovuto al fatto che sono passati direttamente allo streaming live o alla TV.

READ  Attrazioni da esplorare e cose da fare a Torino

“La nostra industria cinematografica è in crescita, ma sulla scena internazionale siamo ancora piccoli”, ha affermato la produttrice Raffaella Leone, presidente della società di produzione e distribuzione Leone Film Group, fondata da suo padre, il maestro degli spaghetti Western Sergio Leone, nel 1989. Commissione sul credito d’imposta in Italia.

“Come produttore, stanziare 52 milioni di euro per produzioni che mettano in risalto le personalità italiane non è ciò di cui il nostro Paese ha bisogno”, ha aggiunto Leoni. “Penso che dobbiamo produrre più film per il mercato internazionale, e questo non significa sminuire noi stessi o perdere la nostra identità”.

Leone ha poi espresso la speranza che il governo italiano, modificando le agevolazioni fiscali per la produzione cinematografica e televisiva nel Paese, non spaventi Hollywood.

“L’immagine che presentiamo di questo Paese non è affidabile”, ha detto. “Gli stranieri hanno paura di investire qui a causa della nostra incertezza. Non è questo il momento in cui possiamo fermarci”.

Al Comitato Italiano Industria in Sicilia era presente anche il giornalista e scrittore Pietrangelo Buttafuoco, nuovo presidente della Biennale di Venezia, l’istituzione che sovrintende alla Mostra del Cinema di Venezia. Buttafuoco sarà determinante nel determinare se verrà rinnovato il mandato del direttore artistico di Venezia Alberto Barbera, a cui resta un anno di contratto dopo la prossima edizione del festival 2024. Secondo diverse fonti, sembra ormai probabile che Barbera – che recentemente ha trasformato Venezia in una fucina di vincitori come Bad Things – rimarrà al timone del festival anche dopo la fine della prossima edizione.

Ma, proprio come per le agevolazioni fiscali e tutto ciò che riguarda l’influenza del governo sull’industria cinematografica italiana, la permanenza di Barbera a Venezia per ora non è ancora cosa fatta.

READ  L'influencer di TikTok Jade Spooner riceve centinaia di dollari dalla "fatina dei denti" dopo averle estratto i denti del giudizio

(Pietrangelo Buttafuoco è nella foto in alto a sinistra, mentre l’attore Sergio Castellitto, che dirige la scuola di cinema italiana Centro Sperimentale, è nella foto.)

Graziella Fazio
Graziella Fazio
"Pioniere televisivo a misura di hipster. Risolutore di problemi. Introverso umile e irritante. Lettore. Studente. Esperto di pancetta sottilmente affascinante."
Must Read
Related News