SanSeveroTV

Più notizie quotidiane di qualsiasi altra fonte di notizie italiana sull'italiano.

Il governo dello stato del Victoria si impegna a ridurre le emissioni di carbonio dello Stato del 50% entro il 2030 | Politica vittoriana

Il governo dello stato del Victoria ha promesso di ridurre le emissioni di gas serra nello stato del 50% entro il 2030, annunciando obiettivi climatici tanto attesi che superano gli impegni presi dal governo Morrison.

Il piano, annunciato domenica, vedrà Victoria fornire energia rinnovabile a tutte le aziende di proprietà del governo, comprese scuole e ospedali, entro il 2025.

Il piano include anche $ 20 milioni per ridurre le emissioni per il settore agricolo, altri $ 15,3 milioni per un programma di piantagione di carbonio e $ 3.000 per i residenti del Victoria che acquistano veicoli a emissioni zero.

Il governo ha detto che prevede di ridurre le emissioni del 28-33% entro il 2025 e del 45-50% entro il 2030 rispetto ai livelli del 2005, una mossa che avrebbe messo il Victoria “in prima linea nell’azione contro il cambiamento climatico in Australia”.

L’annuncio è stato salutato come ambizioso ma sobrio da un importante gruppo di pressione industriale. I conservazionisti affermano che non si è spinto abbastanza lontano perché il paese possa svolgere la sua parte nel raggiungimento degli obiettivi di riduzione delle emissioni basati sulla scienza.

In una dichiarazione, il governo ha affermato che il Victoria sta già “intraprendendo azioni leader a livello mondiale per prevenire i peggiori effetti del cambiamento climatico”, essendo il primo stato australiano e uno dei primi al mondo a legiferare sulle emissioni nette zero entro il 2050, con cinque obiettivi annuali per essere sicuri di raggiungere laggiù “.

Ha notato che il paese ha già ridotto le sue emissioni del 24,8% sulla base dei livelli del 2005, il che significa che ha raggiunto il suo obiettivo per il 2020 due anni fa.

I tagli saranno in gran parte legati alla chiusura di almeno una delle centrali elettriche a carbone marrone dello stato alla fine di questo decennio, che potrebbe essere introdotta a causa di un afflusso di energia rinnovabile sostenuto da un obiettivo del governo statale. Gran parte della riduzione finora è dovuta all’enorme spegnimento del generatore di carbone Hazelwood nel 2017, che non è stata una decisione del governo.

Il ministro per il cambiamento climatico Lily D’Ambrosio ha affermato che la dichiarazione “pone il Victoria al fianco delle principali economie e leader del mondo. Ciò ridurrà le emissioni e creerà posti di lavoro in tutta l’economia, dall’agricoltura ai trasporti all’energia”.

Ma Juno La Nuse, CEO di Environment Victoria, ha affermato che mentre gli obiettivi “aumentano la pressione” sul governo federale per aumentare i suoi obiettivi di emissioni, è “molto inferiore” a ciò che è necessario per mantenere il riscaldamento globale al di sotto di 1,5 ° C.

“Annunciando obiettivi tra il 45 e il 50% entro il 2030, Victoria ha quasi rispettato l’ultima promessa degli Stati Uniti del 50-52%, ma la scienza è chiara che dobbiamo agire più velocemente. E abbiamo giudicato cosa dobbiamo fare per fermare la crisi climatica. Questi obiettivi non sono all’altezza “.

L’inviato statunitense per il clima John Kerry stesso ha riconosciuto la scorsa settimana che l’obiettivo statunitense di tagli del 50-52% non è sufficiente, e nemmeno l’obiettivo di Victoria.

“Il contratto di coalizione per il sabotaggio e il ritardo del clima ha limitato ciò che può essere ottenuto nel prossimo decennio qui in Victoria, ed è per questo che dovrebbero essere ritenuti responsabili.

“Questo dovrebbe essere l’inizio di un decennio in cui l’azione per il clima è una priorità assoluta per il governo del Victoria. Ogni decisione conta”.

I gruppi industriali hanno accolto con favore l’annuncio. In una dichiarazione, Tim Piper, presidente dell’organizzazione nazionale di reclutamento Ai Group nello stato del Victoria, ha affermato che gli obiettivi, sebbene ambiziosi, “mostrano anche una seria considerazione delle sfide nell’accelerare ulteriormente il già rapido tasso di cambiamento”.

“Gli approcci coerenti a livello nazionale sono di solito i migliori per costruire l’ambito e fornire un ambiente più semplice per le aziende che operano in tutta l’Australia”, ha affermato.

“Speriamo in una più piena cooperazione statale e federale man mano che gli obiettivi di zero emissioni nette diventeranno globali. Il passaggio davvero pesante arriverà quando guarderemo oltre il settore elettrico e oltre il 2030. Gli annunci di oggi indicano più lavoro in futuro”.

“In termini di tendenze attuali, soprattutto nel settore dell’elettricità, gli obiettivi del Victoria per il 2025 e il 2030 sembrano raggiungibili; il Paese è già a metà strada. Ma non dobbiamo sottovalutare l’importanza del lavoro necessario per mantenere la stabilità dell’elettricità settore durante questa transizione. “

READ  Finanzieri dell'incombente ripresa economica