SanSeveroTV

Più notizie quotidiane di qualsiasi altra fonte di notizie italiana sull'italiano.

Il futuro del cibo è nelle nostre mani: il mondo

di Busani Bafana

BULAWAYU, Zimbabwe, 15 luglio 2021 (IPS) – Attraverso il suo peso politico ed economico, deve guidare il G20 nella fornitura di sistemi alimentari sostenibili mentre il mondo lotta contro l’aumento della fame, della malnutrizione e della disuguaglianza.

Questo è stato il consenso dei principali leader dell’alimentazione e dello sviluppo in una conferenza virtuale su Food Reform 2021: un’opportunità per i paesi del G20 di aprire la strada, ospitata questa settimana dal Barilla Center for Food and Nutrition (BCFN) e dall’Economic Intelligence Unit.

La conferenza ha coinciso con il lancio di un nuovo indice di sostenibilità alimentare (FSI) relativo ai paesi del G20, un gruppo di potenti economie.

FSI 2021 misura la sostenibilità dei sistemi alimentari in 78 paesi attraverso i pilastri della perdita e dello spreco alimentare, dell’agricoltura e della nutrizione sostenibile. I sistemi alimentari comprendono l’intera gamma di attori nel settore agricolo e le loro attività a valore aggiunto interdipendenti, compresa la produzione, la trasformazione, la distribuzione, il consumo e lo smaltimento di prodotti alimentari provenienti dall’agricoltura, dalla silvicoltura o dalla pesca.

Il G20 è un forum di 19 paesi e dell’Unione Europea che riunisce le principali economie i cui membri rappresentano l’80 percento del PIL globale e il 60 percento della popolazione mondiale. Si trova sul 60 percento dei terreni agricoli in tutto il mondo ed è responsabile del 75 percento delle emissioni di gas serra (GHG) che l’Accordo di Parigi assegna alla produzione alimentare, mettendo a repentaglio l’agenda globale per il clima.

Sebbene il G20 abbia il potere finanziario e politico per influenzare il processo decisionale globale, deve aprire la strada a rendere i sistemi alimentari più sostenibili a causa della sua significativa impronta ambientale, ha osservato FSI.

“Su base pro capite, le persone nel G20 hanno consumato da tre a cinque volte l’assunzione ottimale massima di 28 grammi di carne al giorno e hanno sprecato 2.166 chilogrammi di cibo nel 2019, più del peso medio di una grande automobile”. .

READ  Fernandez inizia il suo viaggio in Europa mentre i debiti del Paris Club incombono

“Se tutti i paesi non appartenenti al G20 adottano le abitudini alimentari dei membri del G20, non ci saranno solo maggiori costi ambientali, ma anche maggiori costi sanitari”, ha avvertito.

Il G20 ha dato la priorità alla sostenibilità alimentare e si è recentemente impegnato ad affrontare la sicurezza alimentare e nutrizionale nella Dichiarazione di Matera, recentemente selezionata.

L’Italia, che assumerà la presidenza del gruppo al vertice dell’ottobre 2021, sta concentrando i suoi sforzi su persone, pianeta e prosperità in un momento in cui il mondo soffre di fame e malnutrizione crescenti. Il G20 affronta una sfida formidabile per aiutare a trasformare i sistemi alimentari per raggiungere gli obiettivi di sviluppo sostenibile, in particolare l’obiettivo 1 sulla fine della povertà entro il 2030.

Marta Antonelli, responsabile della ricerca presso BCFN, ha affermato che i paesi del G20 hanno una grande responsabilità nel creare le condizioni per sistemi alimentari più equi e sostenibili.

“Le azioni dei membri del G20, sia a livello nazionale che globale, sono essenziali per promuovere una crescita sostenibile nell’alimentazione e nell’agricoltura, promuovere una migliore nutrizione e ricostruire un mondo migliore e più equo”, ha detto Antonelli all’IPS.

“Abbiamo bisogno che il G20 guidi e sviluppi un’agenda d’azione coordinata che si basi su un senso comune di intenti nella trasformazione del sistema alimentare che apre la strada e ispira nuove politiche e approcci a livello regionale, nazionale e locale”.

“Siamo a un bivio che richiede un’azione immediata”, ha affermato Antonelli, sottolineando che il G20 potrebbe fornire una leadership collettiva e coordinata per affrontare le attuali crisi alimentari e promuovere investimenti nel passaggio a sistemi alimentari più sostenibili.

I paesi che hanno ottenuto buoni risultati sui tre pilastri dell’indice includono Canada, Giappone, Australia, Germania e Francia grazie alle loro forti risposte politiche. Ad esempio, il Canada ha forti politiche nazionali sulla perdita e lo spreco di cibo e sull’agricoltura sostenibile. Inoltre, la maggior parte dei paesi del gruppo ha obiettivi relativi alla gestione delle perdite e degli sprechi alimentari e alla necessità di migliorarne la misurazione.

READ  Le banche europee possono assorbire una crisi economica molto grave

“La misurazione è difficile e sono necessari maggiori sforzi da parte dei paesi per segnalare i livelli di perdita e spreco di cibo”, ha affermato Diana Hendel Fisher, analista senior presso l’EIU, invitando i paesi ad adottare un approccio mirato alla perdita e allo spreco di cibo. residui.

I responsabili politici sono strategici nell’aiutare a valutare i dati sulla perdita e lo spreco di cibo e nello sviluppare una legislazione vincolante per raggiungere gli obiettivi stabiliti. Allo stesso tempo, la comunità imprenditoriale può creare nuovi schemi per ridurre le perdite e gli sprechi alimentari.

Fischer ha affermato che la società civile può promuovere comportamenti positivi e lanciare campagne di informazione sulla riduzione delle perdite e degli sprechi alimentari.

Barbara Buechner, direttore generale globale della Climate Policy Initiative, ha osservato che mentre tutti i paesi hanno compiuto progressi nei tre pilastri dell’indice, c’è spazio per miglioramenti investendo nella consapevolezza dell’azione per il clima e colmando le lacune nelle conoscenze che impediscono ai governi di raggiungere l’efficienza. decisioni politiche.

“C’è un’enorme opportunità per il G20, non solo per dare l’esempio, ma anche per imparare e ascoltare le esperienze degli agricoltori e dei mangiatori del Sud del mondo”, ha affermato Danielle Nirenberg, presidente e fondatrice di Food Tank, che ha elogiato FSI . Includere nuovi indicatori sulla disponibilità di cibo e l’uguaglianza di genere.

Nirenberg ha osservato che “il ruolo delle donne in agricoltura è importante” e Nirenberg ha affermato: “Non è un segreto che le donne siano pioniere nell’agricoltura, costituendo oltre il 40% della forza lavoro agricola e, in molti paesi, la maggioranza dei agricoltori.”

“Purtroppo, le donne sono discriminate e non hanno accesso alle stesse risorse degli agricoltori maschi, compreso l’accesso alla terra, ai servizi bancari e finanziari”.

Il rapporto sullo stato della sicurezza alimentare e della nutrizione nel mondo pubblicato dall’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’alimentazione e l’agricoltura (FAO) si rammarica che il mondo non sia sulla buona strada per raggiungere gli obiettivi di nessuno degli indicatori nutrizionali negli obiettivi di sviluppo sostenibile entro il 2030 .

READ  Lo spagnolo Glovo sta valutando un ricorso dopo che il regolatore italiano ha riscontrato gli abusi sul lavoro di Fodinho

Secondo la FAO, più di 800 milioni di persone nel mondo hanno affrontato la fame nel 2020, 161 milioni in più rispetto al 2019, mentre quasi 2,3 miliardi di altri non hanno avuto cibo a sufficienza nello stesso periodo, secondo la FAO.

“È in questo contesto che il G20 ha le risorse, il potere e l’influenza per avviare la necessaria trasformazione dei sistemi alimentari fornendo una leadership reale e ispirando azioni non solo a livello nazionale ma internazionale”, ha affermato Antonelli. Dipingendo un quadro desolante della fame globale esacerbata dalla pandemia di COVID-19, il rapporto afferma che la pandemia ha messo in luce la fragilità dei sistemi alimentari globali, ma c’era un’opportunità per fare meglio e andare avanti verso il raggiungimento dell’obiettivo di sviluppo sostenibile 2 di Fame Zero.

“Riconosciamo che trasformare i sistemi alimentari in modo che forniscano cibo nutriente e alla portata di tutti e diventino più efficienti, resilienti, inclusivi e sostenibili ha molti punti di ingresso e può contribuire al progresso verso gli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile”, Qu Dongyu, Direttore Generale della FAO , ha affermato Gilbert F. Hongbo, presidente del fondo Henrietta Fore, direttore esecutivo dell’UNICEF, direttore esecutivo del Programma alimentare mondiale David Beasley e direttore generale dell’Organizzazione mondiale della sanità, Tedros Adhanom Ghebreyesus, per presentare congiuntamente il rapporto.

“I futuri sistemi alimentari devono fornire mezzi di sussistenza dignitosi per le persone che lavorano al loro interno, in particolare per i produttori su piccola scala nei paesi in via di sviluppo – le persone che raccolgono, trasformano, confezionano, trasportano e commercializzano il nostro cibo”, afferma il rapporto.

Conclude che i sistemi alimentari trasformativi possono diventare una potente forza trainante per sradicare la fame, l’insicurezza alimentare e la malnutrizione.