SanSeveroTV

Più notizie quotidiane di qualsiasi altra fonte di notizie italiana sull'italiano.

Il fumo degli incendi sta spingendo le persone nelle aree a bassa vaccinazione al chiuso, aumentando i timori di un’epidemia

La nuova biblioteca del centro di Missoula era piena di gente che normalmente trascorreva il sabato pomeriggio facendo escursioni, andando in bicicletta o sfruttando al massimo l’abbondante intrattenimento all’aperto del Montana. Uno sguardo alla nebbia piena di nebbia che copriva la città ed era chiaro perché.

“Stiamo sicuramente cercando di stare lontani dal fumo”, ha detto Charlie Bohr mentre i suoi figli raccoglievano libri dalle pile.

Il fumo degli incendi che bruciano attraverso le foreste secche e le praterie dell’ovest ha danneggiato la qualità dell’aria questa settimana dalla California alla costa orientale. Il fumo inquinato è stato più intenso nel nord-ovest, compreso il Montana, dove Missoula, Helena, Great Falls e altre città nell’ultima settimana sono state classificate tra i 10 luoghi con la peggiore qualità dell’aria, secondo il AirNow.

Il caldo fumoso e il caldo torrido nello stato hanno spinto le persone a cercare rifugio in biblioteche, cinema, musei e altri spazi chiusi. Nelle aree in cui i tassi di vaccinazione COVID-19 sono bassi e le persone hanno in gran parte abbandonato le maschere e il distanziamento fisico, i funzionari sanitari temono che il risultato possa essere un focolaio di COVID-19.

A questa preoccupazione si aggiunge l’emergere di un tipo di coronavirus delta altamente contagioso e la ricerca indica che i casi del virus e i decessi aumentano durante i periodi di intenso fumo di incendi boschivi.

La contea di Missoula ha il più alto tasso di vaccinazione nel Montana, al 60%, ma Whitney Coors era ancora consapevole dei pericoli perché ha portato la sua famiglia in biblioteca per eliminare il fumo.

“Io e mia figlia siamo ancora mascherati perché non è stata vaccinata”, ha detto Kors.

Ha detto che fino a quando sua figlia, che ha meno di 12 anni, non sarà idonea per le riprese, la sua famiglia continuerà a stare lontana dagli altri quando sono all’estero. Tuttavia, i funzionari sanitari temono che non tutti coloro che cercano attività senza fumo al chiuso quest’estate prenderanno le stesse precauzioni se non sono vaccinati.

READ  Questa adorabile impronta di dinosauro è lunga solo 6 cm ed è la più piccola impronta di stegosauro mai trovata

Più a nord, nella contea di Flathead, il funzionario sanitario della contea Joe Russell ha affermato di aver registrato un aumento di circa il 50% dei casi di virus nelle ultime due settimane, principalmente da persone non vaccinate che hanno contratto il virus durante gli eventi.

“Queste sono attività che accadono specificamente a eventi o luoghi, e sono al chiuso”, ha spiegato.

Russell ha detto che la sua squadra sta indagando da vicino sui nuovi raduni per vedere se le persone sono entrate per sfuggire al caldo e al fumo. Circa 6 residenti su 10 della contea che si qualificano per i vaccini contro il covid non lo hanno fatto e Russell teme che questi grandi raduni potrebbero peggiorare se più persone si riuniscono in casa.

I rischi della pandemia sembrano essere diminuiti nella mente delle persone mentre si radunano negli spazi pubblici interni, molti dei quali hanno abbandonato i requisiti per il mascheramento e il distanziamento fisico all’inizio di quest’anno.

A Yellowstone e nella contea di Billings, la più grande del Montana, l’epidemia si fa ancora sentire negli ospedali che curano pazienti più giovani e più malati di quanto non abbiano visto in precedenza nell’epidemia. Anche lì i morti per Covid sono aumentati all’inizio di luglio.

John Felton, funzionario sanitario della contea di Yellowstone, spera che l’estate fornisca il tempo per aumentare il tasso di vaccinazione della contea del 50% prima che il freddo mandi le persone in casa e aumenti il ​​rischio di trasmissione del coronavirus da persone non vaccinate.

“Ma quest’anno è stato molto caldo e secco e con così tanto fumo, siamo preoccupati che ci saranno aumenti un po’ prima”, ha detto.

In tutto il Montana, circa il 48% della popolazione ammissibile è completamente vaccinata, ma Magdalena Scott del Dipartimento statale della sanità pubblica e dei servizi umani ha affermato che i tassi di contea variano da circa il 23% al 60%. Ciò significa che è probabile che il numero di casi, ricoveri e decessi vari più ampiamente rispetto alla scorsa estate, quando i vaccini non erano ancora disponibili, ha affermato. “Siamo preoccupati che sarà sicuramente una lunga stagione del fumo”, ha detto Scott.

READ  La NASA mira a riparare Hubble passando ai dispositivi di backup

Ci sono anche preoccupazioni che il fumo degli incendi boschivi possa aumentare la trasmissione del coronavirus non solo guidando le persone in ambienti chiusi, ma anche rendendole più suscettibili all’infezione da coronavirus.

Le particelle fini nel fumo degli incendi, note come PM 2,5, sono così piccole che aggirano le difese naturali del corpo, si accumulano nel flusso sanguigno, infiammano i polmoni e indeboliscono il sistema immunitario, secondo i Centers for Disease Control and Prevention.

Il PM 2,5 dell’inquinamento atmosferico urbano e del fumo degli incendi boschivi è sempre più legato all’esposizione a malattie respiratorie in generale, ma i ricercatori corrono a studiare La stessa potenziale associazione con Corona virus, un virus respiratorio, dalla scorsa estate.

Daniel Kiser è un ricercatore presso il Desert Research Institute di Reno, Nevada. Ha lavorato a un articolo pubblicato di recente sull’aumento dei casi di coronavirus a Reno durante la stagione degli incendi boschivi.

“Quello che abbiamo scoperto è che c’è stato un aumento di circa il 18% nel tasso di test positivi durante il periodo più colpito dal fumo degli incendi”, ha detto Kaiser.

Altri studi Ha anche mostrato una relazione tra l’aumento dei livelli di particolato e i decessi per coronavirus. Sultan Ayub Myo con la King Saud University in Arabia Saudita ha guidato un team di ricercatori che hanno studiato 10 contee in California I livelli di particolato fine sono aumentati in media di 220 volte al culmine della stagione degli incendi boschivi dello stato lo scorso anno.

“Abbiamo scoperto che i casi e i decessi per COVID-19 sono aumentati del 57% e del 148%” allo stesso tempo, ha affermato Mio.

Mio ha affermato che il suo team sta ora studiando i tassi di infezione tra le persone che sono state parzialmente e completamente vaccinate durante gli eventi di fumo di incendi boschivi.

READ  Cos'è una super luna rosa e perché è un grosso problema?

Anche la ricercatrice dell’Università del Montana Irene Landgoth sta ampliando il suo lavoro Studio precedente Stagioni di gravi incendi compaiono nel Montana e sono state seguite da stagioni di brutta influenza mesi dopo in autunno e in inverno.

“Paragonando le stagioni degli incendi negativi a quelle non negative, ci si aspetterebbe di vedere stagioni influenzali da tre a cinque volte peggiori”, ha detto Landgoth.

Landguth sta compilando letture di particelle negli Stati Uniti occidentali per esaminare se la stessa associazione vale per un’area più ampia non solo per l’influenza, ma anche per il coronavirus e altre malattie respiratorie.

Mentre le prove che mostrano casi di virus e decessi sono aumentate durante gli eventi di incendi boschivi, sono necessari ulteriori studi. Tuttavia, ha detto Landgoth, sappiamo abbastanza per essere preoccupati e consigliare alle persone di proteggersi.

Tornato a Missoula, lo specialista della qualità dell’aria della contea Sarah Coffield ha affermato che la cosa migliore che le persone possono fare è farsi vaccinare, soprattutto se hanno intenzione di cercare luoghi pubblici per sfuggire al caldo e al fumo. Possono anche Crea uno spazio d’aria pulito in casa.

con circa 2,5 milioni di acri sono già stati bruciati quest’anno negli Stati Uniti, “E la siccità sta peggiorando in tutto l’Occidente, non c’è nulla nelle previsioni che suggerisca che finirà presto e non diventerà più facile mentre continua”, ha detto Coffield.

Questo articolo è stato ristampato da khn.org Per gentile concessione della Fondazione della famiglia Henry J. Kaiser. Kaiser Health News, un servizio di notizie editorialmente indipendente, è un programma della Kaiser Family Foundation, un’organizzazione di ricerca sulla politica sanitaria apartitica non affiliata alla Kaiser Permanente.