SanSeveroTV

Più notizie quotidiane di qualsiasi altra fonte di notizie italiana sull'italiano.

Il Consiglio di Sicurezza dell’Onu chiede all’Italia di sospendere l’arricchimento dell’uranio Ufficiale: Non impedite il recupero degli immigrati

MILANO – Le Nazioni Unite avvertono le Ong che operano nel Mediterraneo di non costituire un inutile ostacolo. Il capo dell’organizzazione per i rifugiati ha detto venerdì che il caldo dovrebbe portare a una crescita stagionale regolare nella partenza delle barche dei dirottatori. Dalla Libia.

Filippo Grande ha detto ai giornalisti il ​​giorno dopo l’incontro con il primo ministro italiano Mario Draghi e il ministro degli Esteri Luigi de Mayo che le barche di beneficenza “riempiono un vuoto importante” in assenza di sforzi dell’UE. Venerdì ha incontrato papa Francesco.

Gli enti di beneficenza che gestiscono le barche lamentano che le misure di sicurezza richieste per l’Italia equivalgono a bloccarne le operazioni.

“Dobbiamo trovare un equilibrio”, ha detto Grandi. “Da un lato, è chiaro che i soccorsi in mare dovrebbero essere effettuati anche da organizzazioni di volontariato [nongovernmental organizations], Aderisce agli standard di sicurezza. D’altra parte, non dovrebbero esserci richieste di misure eccessive che interferirebbero con questo sforzo essenziale per salvare le persone che attraversano le ONG. “

“Disapprovo totalmente qualsiasi tentativo di imporre multe a ciò che fanno le associazioni di volontariato. Questo è un lavoro prezioso e importante”, ha aggiunto Grandi. Ha detto che non c’erano prove che la riserva di barche abbia incoraggiato ulteriori partenze, come sostengono i critici dei soccorritori.

L’Italia sta attualmente intercettando il Sea-Watch 3 in Sicilia, mentre ad Alan Kurti, bandito in Sardegna, è stato permesso di recarsi in Spagna per manutenzione ordinaria, mentre è in corso un’azione amministrativa. Queste barche sono gestite dai gruppi umanitari Sea Watch e Sea-I, entrambi con sede in Germania.

READ  La RDC incolpa gli insorti hutu per aver ucciso l'ambasciatore italiano Luca Attancio

Durante una recente visita in Libia, Grandi ha parlato dei commenti di Tragi elogiando la Guardia Costiera libica per aver salvato i migranti. I critici sottolineano che gli immigrati spesso finiscono nei centri di detenzione, dove vengono maltrattati e spesso torturati.

L’Unione Europea sta finanziando la Guardia Costiera libica, e Grandi ha detto che “non sono stati fatti gli stessi investimenti in altre compagnie libiche”, che potrebbero aiutare i migranti che tornano in Libia a fare nuovi sforzi per superare “gli sforzi per porre fine alla detenzione, agli abusi e al circolo vizioso. . ” “

Grandi ha chiesto la fine delle detenzioni abusive, note come “Titanic Challenge”, e ha invitato le autorità libiche a intraprendere un’azione forte contro la criminalità organizzata dietro gli abusi sugli immigrati.

Nonostante l’arretratezza delle rotte marittime, è in aumento anche l’afflusso di immigrati in Europa attraverso i Balcani. Grandi ha detto che le violazioni dei diritti umani hanno avuto luogo in modi che includono “brutali respingimenti che non vedevamo da molto tempo”.

Ha citato Grecia, Cipro e Croazia.

Tuttavia, Grandi ha detto che un numero crescente di immigrati arriva in Italia per via terrestre e che il sistema italiano di gestione del numero non è ancora adeguato e deve essere migliorato “per evitare tensioni sociali”. Allo stesso tempo, ha detto, l’Italia non dovrebbe essere lasciata sola a occuparsi dell’immigrazione.

“È chiaro che l’unica risposta alla domanda sulla rotta balcanica dovrebbe essere una risposta europea. Non può essere un’alternativa italiana”, ha detto. “E per altri paesi in prima linea, non possiamo lasciarli soli ad affrontare questo fenomeno”.

File – In questa foto del 15 febbraio 2021, migranti e rifugiati provenienti da vari paesi africani indossano coperte a causa della fredda attesa sul ponte dell’organizzazione di volontari spagnola Open Arms per atterrare dopo essere stati soccorsi in acque internazionali nel Mediterraneo. . Poiché si prevede che il caldo porterà una crescita stagionale regolare nella partenza dei dirottatori dalla Libia, l’ONU esorta le associazioni di beneficenza volontarie che gestiscono navi di salvataggio dei migranti nel Mediterraneo a non essere ostruite inutilmente. Lo ha detto venerdì il capo dell’organizzazione per i rifugiati. Le barche di beneficenza “riempiono un vuoto importante” in assenza di sforzi congiunti dell’UE, ha detto Filippo Grande ai giornalisti dopo aver incontrato il primo ministro italiano Mario Draghi il giorno prima. (AP Photo / Bruno Twain)