HomeentertainmentIl cinema italiano critica il ritardo politico

Il cinema italiano critica il ritardo politico

L’industria cinematografica italiana fatica a rimanere vivace in mezzo alle turbolenze causate dalla politica e dalle forze di mercato.
Dopo aver raccolto i benefici di un prolungato boom di crescita, i produttori locali si trovano ad affrontare un rallentamento forzato mentre il governo di destra del paese esita ad apportare le modifiche previste a diverse normative chiave, la più importante delle quali sono gli incentivi fiscali attualmente in fase di stallo per film e televisione. produzione. .

In un massiccio evento di protesta all’inizio di aprile al cinema Adriano di Roma, esponenti dell’industria di tutti i settori – inclusi famosi produttori, scrittori, attori e registi come Paolo Sorrentino e Marco Bellocchio – hanno criticato il fatto di dover aspettare indefinitamente per la cultura. Il ministero approverà nuove linee guida in modo che le società di produzione possano richiedere le agevolazioni fiscali del 40% che essenzialmente guidano gli affari.

“Stiamo aspettando il nuovo quadro normativo e, soprattutto, dobbiamo sapere quanti soldi darà il governo”, ha detto durante l’evento di Roma il produttore e distributore Andrea Occhipinti, a capo della famosa azienda italiana Lucky Red.

In termini puramente monetari, il ministro italiano della Cultura Gennaro Sangiuliano ha confermato che il governo prevede di detrarre solo circa 50 milioni di euro dal credito d’imposta 2024, che dovrebbe raggiungere quest’anno circa 700 milioni di euro (744 milioni di dollari). Il problema è che non è ancora chiaro quando questi fondi di credito d’imposta saranno effettivamente disponibili, poiché il governo – che sembra essere diviso su questa questione cruciale – continua a tenere il settore in stand-by.

Il presidente della Società Italiana Cinema, Francesco Rutelli, ha più volte sottolineato che l’industria italiana deve far fronte ad una forte concorrenza internazionale da parte di paesi come Francia, Regno Unito e Spagna, che, a vario titolo, spendono molti più fondi pubblici per produrre film rispetto all’Italia. .

READ  Morto a 88 anni l'attore Jean-Paul Belmondo, volto della New Wave francese: NPR

Come hanno sottolineato molti osservatori dell’industria italiana, l’agevolazione fiscale italiana del 40% è stata il fattore decisivo per attirare nuovamente in Italia le produzioni hollywoodiane su una scala paragonabile ai giorni di gloria degli anni Cinquanta e Sessanta, quando erano noti i radicalmente rinnovati Studios di Cinecittà. come Hollywood. Sul fiume Tevere. Le recenti produzioni internazionali girate interamente in Italia includono la seconda stagione di “The White Lotus” della HBO, “Ripley” di Steven Zaillian, recentemente presentato in anteprima su Netflix, e la prossima serie sui gladiatori di Amazon Prime “Those About to Die”, interamente prodotta a Cinecittà. .

Tra i punti di contesa che tengono in piedi c’è il fatto che il governo di destra, insediatosi nel settembre 2022, vuole rilanciare la produzione di film e serie TV con una narrazione nazionalista, quindi prevede di stanziare circa 52 milioni di euro (55 milioni di dollari ) dal credito d’imposta alle produzioni cinematografiche e televisive che ruotano attorno a storie e personaggi “legati all’identità nazionale”, come dice Sangiuliano.

“La nostra industria cinematografica è in crescita, ma sulla scena internazionale siamo ancora piccoli”, ha affermato la produttrice Rafaela Leone, presidente di Leone Film Group – la società di produzione e distribuzione fondata da suo padre, il maestro degli spaghetti Western Sergio Leone – durante una tavola rotonda sul tema “La nostra industria cinematografica è in crescita, ma sulla scena internazionale siamo ancora piccoli”. Credito d’imposta italiano detenuto a Ortigia, in Sicilia.

“Come produttore, stanziare 52 milioni di euro per produzioni che mettano in risalto le personalità italiane non è ciò di cui il nostro Paese ha bisogno”, ha aggiunto Leoni. “Penso che dobbiamo produrre più film per il mercato internazionale, e questo non significa sminuire noi stessi o perdere la nostra identità”.

READ  Il Congresso mette in dubbio che l'avviso d'asta per i bungalow di Sunny Deol verrà ritirato in meno di 24 ore

Nel frattempo, i migliori produttori italiani della generazione più giovane, Lorenzo Meli e Mario Giannini, che quest’anno hanno diretto due film in concorso a Cannes – rispettivamente “Parthenope” di Paolo Sorrentino e “Limonov” del regista russo Kirill Cybrennikov – si sono separati da Fremantle e stanno lavorando Ancora. – Ha partecipato ad un nuovo pannello di legno a cui non è stato ancora dato un nome, ed i cui dettagli sono ancora tenuti segreti.

C’è poi un’altra azienda di alto profilo, Be Water, attiva sia nella produzione che nella distribuzione, appena entrata nel panorama italiano. L’ex presidente della Warner Bros. Italia Barbara Salapi è il presidente della società e Mattia Guerra, ex dirigente senior di Lucky Red, è amministratore delegato.

I titoli di testa della prima distribuzione di Be Water sono “Oh Canada” di Paul Schrader, che è in lizza per la Palma d’Oro, il film horror di Nicolas Cage “Longlegs” diretto da Osgood Perkins, e il documentario berlinese di Viktor Kossakovsky “Architecton”.

Graziella Fazio
Graziella Fazio
"Pioniere televisivo a misura di hipster. Risolutore di problemi. Introverso umile e irritante. Lettore. Studente. Esperto di pancetta sottilmente affascinante."
Must Read
Related News