SanSeveroTV

Più notizie quotidiane di qualsiasi altra fonte di notizie italiana sull'italiano.

Un movimento, non un momento: il design indigeno sotto i riflettori all’Australian Fashion Week | Settimana della moda australiana

JIl sudore Lilian Li è abituato alle standing ovation. La settimana della moda australiana no. Mercoledì 2 giugno, la stilista e direttore creativo di First Nations Fashion and Design, insieme al suo CEO e collega designer Tejan Collishau, ha fatto la storia con la prima sfilata con solo talenti delle First Nations: in passerella, creazione di vestiti e backstage. spettatore.

First Nations Fashion and Design è un’azienda aborigena senza scopo di lucro che mira a sostenere la crescita dell’industria della moda aborigena, con l’autodeterminazione al centro della sua missione. Lee, che ha legami con lo Stretto di Torres e che esplora attraverso il suo lavoro, e Kolishaw, che ha legami di parentela con i Nikina e legami patrilineari con il popolo Barde e Nyol Neol, hanno fondato l’organizzazione nel 2020. Hanno gestito la FNFD su una base volontaria, quasi a tempo pieno, da allora Entrambi affermano che il progetto ha richiesto anni per essere preparato.

Prime sfilate total black: la settimana della moda australiana mette in mostra i talenti aborigeni - VIDEO
Prime sfilate total black: la settimana della moda australiana mette in mostra i talenti aborigeni – VIDEO

Lee ha oltre un decennio di esperienza nel coordinamento di sfilate di moda, alla Cairns Indigenous Art Gallery e nelle comunità di tutto il paese. In questi eventi, l’atmosfera festosa e l’uguaglianza si adattano al corso. “Questa è la firma di Grace”, dice Collishau. “Grace non è nota per i suoi alti e bassi in passerella. Vieni a sperimentare, vieni a partecipare a uno spettacolo … ciò che crei sul palco è magico.”

Questa magia che includeva tre spettacoli di musica dal vivo (tre in più del solito in Moda australiana show), due ballerini, cinque artisti, 21 modelli e sette designer hanno commosso diversi professionisti veterani del settore fino alle lacrime e sono stati al culmine dello spettacolo.

READ  Uno squalo stella ha attaccato un asino mentre faceva surf in acque infestate alla Shark Week
Una modella sfila in passerella con un design di Sown In Time durante il First Nations Fashion and Design Show
Charlie Fraser, una delle top top model del paese, ha sfilato in esclusiva per la moda e il design delle Prime Nazioni, indossando un Creative Nungala, disegnato da Jessica Johnson.

  • In alto: una modella indossa un abito di Paul McCann, commissionato dalla Eucalyptusdom Gallery al Powerhouse Museum, che apre il 25 giugno.

  • LR: Una modella sfila in passerella con un design di Sown In Time, un’etichetta con sede a Cairns, disegnata da Lynelle Flinders durante il First Nations Fashion and Design Show; Charlie Fraser, una delle top top model del paese, ha sfilato in esclusiva per la moda e il design delle Prime Nazioni, indossando un Creative Nungala disegnato da Jessica Johnson.

Quando gli Electric Fields si sono esibiti su una cover di Little Things Big Things Grow, gli artisti e i ballerini stavano in piedi, ognuno con una mano tesa, lasciando che una manciata di sabbia gocciolasse tra le dita. È stato un tributo al momento storico del 1975, quando l’allora primo ministro Gough Whitlam ha versato della sabbia nelle mani dell’attivista e leader di Gurenji Vincent Lingiari.

Mi ha parlato di questa iniziativa: “Si tratta del movimento per restituire le nostre terre ai legittimi proprietari”. Anche questo è insolito per una sfilata di moda.

Dietro le quinte del Salone della Moda e del Design delle Prime Nazioni

Prima del 2021, la rappresentanza aborigena alla settimana della moda australiana era scarsa, a parte alcuni modelli. Quest’anno, non meno di 12 designer di origini aborigene e di Torres Strait Island sono apparsi in due sfilate di gruppo e in una sfilata studentesca; L’evento Welcome to the Country ha anche ospitato l’apertura della settimana e molteplici tavole rotonde.

Dietro le quinte della sfilata First Nations Fashion + Design durante la settimana della moda australiana dopo il pagamento.

Taryn Williams, fondatore della piattaforma di prenotazione dei talenti The Right Fit, afferma che anche la domanda di talenti da modelli delle Prime Nazioni è aumentata. “Durante il 2020, abbiamo visto un aumento di dieci volte dei posti di lavoro pubblicati alla ricerca di persone delle Prime Nazioni per la stampa, la televisione e altro ancora. [television commercials] e la moda”, dice.

Una modella aspetta dietro le quinte per mostrare i progetti di moda aborigena all'Australian Fashion Week

  • Sopra: una top model attende dietro le quinte dei progetti di moda indigena. Sotto: modelle che indossano leggings, di Denny Francisco, dietro le quinte.

Modelle in bikini che mostrano progetti di moda aborigena all'Australian Fashion Week

Williams attribuisce gran parte di questo aumento al movimento Black Lives Matter. “Penso che abbia innescato un dialogo con i marchi e gli esperti di marketing che non era mai accaduto prima”, afferma. La combinazione “a due punte” di conversazioni interne senza precedenti e un più ampio cambiamento sociale che ha portato le masse a ritenere i marchi responsabili sui social media “mi fa sperare che non sia solo una tendenza”, afferma Williams.

Questa speranza è illustrata anche nella sfilata di moda e design delle Prime Nazioni: il passo e la ripetizione (lo sfondo su cui i partecipanti stanno per le fotografie) sono stampati con La frase “Questo non è un momento. Questo è un movimento”.

Il 28 maggio, il Ministero della Cultura messicano ha rilasciato una dichiarazione accusando i marchi di fast fashion Zara e l’antropologia dell’appropriazione culturale. Alla settimana della moda australiana, con la prima tradizione di design australiana che ha finalmente fatto luce, lo spettro della personalizzazione non era lontano dalle menti dei designer.

Le designer Nancy Pattison, Natalie Cunningham, Leandra Jaicamango, Denny Francisco, Julie Shaw e Amanda Healy posano con le modelle dopo aver mostrato i progetti di moda aborigena

  • Gli stilisti Liandra Gaykamangu (Liandra Swim), Natalie Cunningham (Native Swim), Nancy Pattison (Indii Swimwear), Denni Francisco (Ngali), Julie Shaw (Maara Collective) e Amanda Healy (Kirrikin) posano con le modelle dopo una sfilata di moda indigena.

“Siamo stati associati per molto tempo con Boomerang da $ 4,99, non più per favore”, afferma Amanda Healy di Kirrikin, che ha sfilato come parte della passerella di Originals Fashion Projects il 3 giugno. Healy, una donna di Wonarua che vive nell’Australia occidentale, crea abiti eleganti da resort con stampe di artisti aborigeni contemporanei. “Siamo di classe, la nostra opera d’arte è incredibile, è una cultura antica e bella che ha una tale profondità”.

“Stiamo sempre attenti a questo il più possibile, perché c’è davvero molta appropriazione culturale in corso”, ha detto Denni Fransisco di Ngali, che si è esibito anche come parte della passerella dell’IFP.

Una modella che sfila in passerella con un design di Mara Group
Una modella che sfila in passerella con un design di Mara Group
La modella Samantha Harris sfila in passerella con il design di Kirrikin

“Onestamente, questo è già successo una volta”, ha detto Francisco. “Tutto quello che possiamo fare… è avere la massima trasparenza possibile sul design originale originale e sui prodotti originali”, ha suggerito, aggiungendo che un sistema di certificazione, simile all’etichettatura “made in Australia”, potrebbe aiutare a combattere questo problema. . Dice che la responsabilità spetta anche agli acquirenti, nella speranza che “il consumatore consapevole si imporrà di questo rispetto”.

Aboriginal Fashion Ventures è un programma della Darwin Aboriginal Art Fair Foundation, con espliciti obiettivi commerciali. Questo è stato mostrato nella presentazione: un’esperienza di passerella più semplice in cui l’attenzione era fortemente sull’abbigliamento. Lo spettacolo è stato sviluppato in collaborazione con il rivenditore David Jones, che ha riunito sei designer indigeni già affermati con i fondatori dei marchi australiani presenti in David Jones, al fine di facilitare la crescita del loro business.

Natalie Cunningham, proprietaria e direttrice di Native Swimwear Australia, gestisce una linea colorata di costumi da bagno, gioielli e abbigliamento sportivo – tutti realizzati con plastica marina riciclata – che gestisce la sua attività dal 2006. Anche se in precedenza ha mostrato alla New York Fashion Week, ha paragonato l’IFP a “ottenere le chiavi” per espandersi nel commercio all’ingrosso. “In 15 anni non ho avuto una tale opportunità.”

Mentre si è affrettata a sottolineare che non tutti i designer inclusi nell’IFP sono interessati al commercio all’ingrosso, Brigid Phils, direttore generale dell’abbigliamento femminile di David Jones, ha dichiarato dopo lo spettacolo: “Certamente se i designer sono interessati al commercio all’ingrosso e lavorano con David Jones, c’è nessuna ragione per cui non dovremmo. così.”

Natalie Cunningham, proprietaria e CEO di Native Swimwear Australia, parla ai media

Parlando a una tavola rotonda sulla crescita del settore della moda delle Prime Nazioni giovedì, l’educatore di moda e design delle Prime Nazioni Nathan McGuire ha affermato che se l’industria della moda australiana deve progredire nell’elenco dei talenti delle Prime Nazioni, la coerenza è vitale. Ha sottolineato la necessità per le aziende di sviluppare piani d’azione per la riconciliazione, consentendo ai creatori delle Prime Nazioni di “avere quei momenti di indipendenza”.

Nello stesso panel, Lee ha ammesso di aver avuto dei dubbi sul modo in cui sarebbero stati presentati la sfilata e il design delle Prime Nazioni. “Non è stato facile”, ha detto, “ma per cambiare questo le persone devono credere in noi come creatori”. “Spero davvero che ieri abbia dimostrato questo punto.”