HomescienceIl Challenger 150 raggiungerà i fondali marini nel 2030

Il Challenger 150 raggiungerà i fondali marini nel 2030

Credito: Nico Augustin/GEOMAR

Challenger 150, che coordina uno sforzo globale per mappare la vita nelle profondità marine, ha firmato un memorandum d’intesa con il progetto Nippon Foundation-GEBCO Seabed 2030, un’iniziativa dedicata a ispirare e coordinare gli sforzi globali per mappare l’intero fondale oceanico entro la fine del decennio.

Un progetto di collaborazione tra la Fondazione Nippon e la General Ocean Bathymetric Chart (GEBCO), Fondale marino 2030 È ufficialmente riconosciuto come il programma di punta del Decennio delle scienze oceaniche per lo sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite (2021-2030), con la sua missione che sostiene attivamente l’Obiettivo di sviluppo sostenibile 14 delle Nazioni Unite: conservare e utilizzare in modo sostenibile gli oceani, i mari e le risorse marine per un’economia sostenibile. sviluppo.

Sfidante 150 Si tratta di una collaborazione scientifica globale nell’ambito della Deep Ocean Stewardship Initiative (DOSI), sviluppata per rispondere alle esigenze del decennio degli oceani, sviluppare la capacità di condurre ricerche globali sulle acque profonde ed espandere e supportare il monitoraggio biologico e la comprensione degli ecosistemi delle acque profonde . Gestione sostenibile.

Il professor Kerry Howell, ecologista delle acque profonde del Plymouth Marine Laboratory (PML) e copresidente, ha dichiarato: “Dalla mappatura delle montagne sottomarine inesplorate nell’Atlantico meridionale all’avventurarsi sotto il ghiaccio artico per studiare le sorgenti idrotermali, il Challenger 150 sta spingendo oltre i confini di osservazione. Lo abbiamo rapidamente.” Programma Challenger 150.

“Si prevede che il crescente utilizzo della tecnologia autonoma e robotica nella scienza e nell’esplorazione oceanica aumenterà rapidamente il tasso di raccolta e copertura (temporale e spaziale) delle osservazioni effettuate negli oceani del mondo nel prossimo decennio e contribuirà a fornire la comprensione trasformativa necessaria per gestire meglio i nostri oceani”.

READ  Le cellule hanno un sistema decisionale rapido che va oltre il DNA

“Combinando dati batimetrici ad alta risoluzione raccolti da iniziative come Seabed 2030 e la nostra, possiamo produrre mappe di ecosistemi senza precedenti e modelli predittivi di habitat”, ha affermato la dott.ssa Ana Hilario, ecologista delle acque profonde dell’Università di Aveiro e co-responsabile di il progetto. Programma Challenger 150.

“Questo è molto entusiasmante perché significa che possiamo colmare lacune significative nella nostra conoscenza delle profondità marine e aiutarci a individuare meglio dove cercare gli ecosistemi chiave. Questa collaborazione ci aiuterà anche a produrre un “gemello digitale” degli oceani comprendere meglio gli impatti del cambiamento climatico e dell’uso umano”.

L’abbinamento delle due iniziative evoca lo spirito della storica nave HMS Sfidante La spedizione che intraprese un viaggio di ricerca pionieristico tra il 1872 e il 1876 nel tentativo di mappare il fondale oceanico e la vita che lo popola.

La spedizione pionieristica (e poi lo Space Shuttle Sfidante Entrambi i Challenger 150) prendono il nome dalla forma del fondale oceanico utilizzando una linea di piombo calata dalla nave al fondale marino.

Orsina Fiorentini
Orsina Fiorentini
"Fan zombi sottilmente affascinante. Fanatico della TV. Creatore devoto. Amico degli animali ovunque. Praticante del caffè."
Must Read
Related News