I vescovi di Canterbury e York criticano i piani di definizione estrema di Gove

Fonte immagine, Immagini Getty

Commenta la foto,

Justin Welby ha incontrato Michael Gove per discutere i piani

Gli arcivescovi di Canterbury e York hanno criticato la ridefinizione dell'estremismo pianificata da Michael Gove.

La coppia ha aggiunto che ciò minaccia la libertà di espressione e di culto.

Il Dipartimento per gli insediamenti, gli alloggi e le comunità (DLUHC) non ha ancora risposto a una richiesta di commento.

Il governo attualmente definisce l’estremismo come “opposizione esplicita o attiva ai valori fondamentali britannici, tra cui la democrazia, lo stato di diritto, la libertà individuale, il rispetto reciproco e la tolleranza tra fedi e credenze diverse”.

Giovedì, Gove dovrebbe definire una nuova definizione ufficiale di estremismo che il governo utilizzerà per tagliare legami o finanziamenti a qualsiasi gruppo ritenuto aver oltrepassato il limite.

Spiegazione video,

Primo Ministro: Ci sono forze qui a casa che stanno cercando di dividerci

Ma gli arcivescovi – che hanno avuto colloqui con Gove sui piani – ritengono che il governo rischi di prendere di mira in modo sproporzionato le comunità musulmane.

In dichiarazioneWelby e Cottrell hanno esortato il governo a “riconsiderare e consultare più ampiamente tutte le persone colpite”.

“Piuttosto che fornire chiarezza o assumere un tono conciliante, crediamo che etichettare un problema dalle molteplici sfaccettature come estremismo d’odio possa invece diffamare le persone sbagliate e rischiare di creare ulteriori divisioni”, hanno affermato.

“La nuova definizione proposta non solo minaccia inavvertitamente la libertà di espressione, ma anche il diritto al culto e alla protesta pacifica – cose duramente conquistate che costituiscono il tessuto della società civile.

“La cosa più importante è che rischia di prendere di mira in modo sproporzionato le comunità musulmane, che già soffrono di crescenti livelli di odio e abusi”.

La Chiesa d’Inghilterra si è offerta di collaborare con il governo per aiutare le comunità a discutere i piani, cosa che secondo i vescovi avrà un ruolo storico.

Un portavoce del governo ha dichiarato: “Stiamo adottando misure per garantire che a nessuna organizzazione o individuo estremista venga data una piattaforma attraverso le loro azioni e interazioni con il governo”.

I ministri hanno inoltre annunciato che nomineranno un nuovo consigliere indipendente sull'odio anti-musulmano.

Tuttavia, un uomo ritenuto candidato alla carica, Fiaz Mughal, afferma di essersi ritirato prima della sua nomina dopo essere stato sottoposto a un torrente di abusi.

READ  La corte impone severe restrizioni all'accesso degli investigatori del 6 gennaio al telefono del deputato Perry

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto