SanSeveroTV

Più notizie quotidiane di qualsiasi altra fonte di notizie italiana sull'italiano.

I segnali dei telefoni cellulari possono misurare i livelli di fumo degli incendi

La ricerca evidenzia il potenziale dei segnali dei telefoni cellulari per misurare i livelli di fumo degli incendi

La ricerca della Monash University mostra il potenziale dei segnali dei telefoni cellulari per rilevare e misurare le concentrazioni di fumo degli incendi. Credito: Monash University

Uno studio innovativo condotto dalla Monash University ha dimostrato il grande potenziale dei segnali e dei dati dei telefoni cellulari da utilizzare per rilevare e misurare le concentrazioni di fumo degli incendi.


Sebbene l’uso di questa tecnologia sia ancora agli inizi, la scoperta mostra grandi promesse nel integrare le iniziative esistenti, come il telerilevamento via satellite, nell’invio di allarmi precoci ai residenti nelle aree colpite e nella riduzione degli effetti nocivi del fumo sulle persone.

I massicci incendi boschivi del 2019-2020 in Australia hanno creato condizioni di salute pericolose a causa dell’intrappolamento del fumo all’interno dello strato limite atmosferico. Gli incendi boschivi hanno bruciato oltre 46 milioni di acri, provocando lo sfollamento di decine di migliaia di persone e 34 vittime.

Guidato dal dottor Adrian Joyot, ricercatore presso il Dipartimento di ingegneria civile dell’Università di Monash, questo primo studio australiano ha analizzato le fluttuazioni del segnale del collegamento wireless durante eventi di fumo associati agli incendi boschivi australiani del 2019-2020.

Le osservazioni hanno mostrato che l’aria secca contenente grandi quantità di fumo all’interno di uno strato superficiale al di sopra del suolo ha agito da copertura, riducendo la dispersione, intrappolando e mantenendo alte concentrazioni di fumo a livello del suolo. Questo clima ha anche creato condizioni di emissione irregolari per collegamenti radio e radar meteorologici operativi.

I modelli di segnale unici sono stati determinati e hanno dimostrato di essere associati a queste condizioni meteorologiche specifiche e alle concentrazioni di fumo analizzando i livelli di segnale ricevuti da questi collegamenti.

I ricercatori affermano che questi dati regolarmente registrati dalle società di telecomunicazioni possono essere utilizzati per prevedere le concentrazioni di fumo a livello del suolo durante eventi di nebbia, insieme ad altre tecniche di riduzione del rischio.

Lo studio, sviluppato in collaborazione con la Delft University of Technology (Paesi Bassi), l’Università di Wageningen (Paesi Bassi), l’Australian Bureau of Meteorology e la School of Earth, Atmosphere and Environment presso la Monash University, è stato pubblicato sulla rivista AGU Advancing Earth and Space Scienza.

“Il punto di forza dei dati della rete mobile è che forniscono informazioni distribuite nello spazio molto uniche sulla stabilità atmosferica durante gli eventi di fumo”, ha affermato il dottor Joyot.

“Questa è un’informazione importante perché la stabilità atmosferica è strettamente correlata alla presenza di fumo denso vicino al suolo, come precursore e conseguenza dell’elevata concentrazione di fumo”.

Il dottor Joyot ha affermato che il futuro delle migliori capacità di previsione del fumo sarà probabilmente un prodotto ibrido che combina modellazione, telerilevamento satellitare, caos radar meteorologico, osservazioni in loco e dati mobili.

Le agenzie governative monitorano regolarmente la qualità dell’aria, in particolare il particolato (PM). A causa degli alti costi di manutenzione delle stazioni di qualità dell’aria, soprattutto nelle aree rurali, le misurazioni di PM di diametro inferiore a 10 μm sono solitamente contenute in stazioni dedicate collocate in aree urbane associate al traffico stradale.

I livelli di segnale ricevuti (RSL) dai collegamenti radio sono stati utilizzati per misurare le precipitazioni e l’umidità. I collegamenti radio, noti come collegamenti commerciali a microonde (CML), sono la spina dorsale delle reti di comunicazione cellulare.

I ricercatori hanno scoperto che le informazioni qualitative dai segnali CML hanno mostrato differenze nelle condizioni climatiche e meteorologiche, nonché fluttuazioni di temperatura che potrebbero essere un precursore dei livelli elevati di particelle associati a un incidente di fumo.

“Vedo che questi dati vengono assimilati in capacità predittive non più tardi di due anni da oggi, una volta che la tecnologia e i processi di comprensione raggiungono la maturità. Ciò dipende principalmente dall’adeguatezza delle risorse umane e Sostegno finanziario Dedicato al suo sviluppo “, ha detto il dottor Joyot.


I peggiori incendi della California stanno contribuendo a migliorare le previsioni sulla qualità dell’aria


maggiori informazioni:
Adrien Guyot et al. Misurazioni della concentrazione di particelle di fumo di incendi boschivi utilizzando collegamenti wireless da reti di comunicazione cellulare, Predecessore AGU (2021). DOI: 10.1029 / 2020AV000258

Introduzione di
Monash University

la citazioneRicerca: i segnali dei telefoni cellulari possono misurare i livelli di fumo degli incendi (2021, 26 aprile) Estratto il 26 aprile 2021 da https://phys.org/news/2021-04-mobile-bushfire.html

Questo documento è soggetto a copyright. Nonostante qualsiasi trattamento equo ai fini di studio o ricerca privata, nessuna parte può essere riprodotta senza autorizzazione scritta. Il contenuto viene fornito solo a scopo informativo.

READ  CIBER-2 fa il suo primo volo