SanSeveroTV

Più notizie quotidiane di qualsiasi altra fonte di notizie italiana sull'italiano.

I russi hanno inviato pacchi dalla roccaforte dell’ambasciata di Praga, nel mezzo di una disputa di spionaggio

All’aeroporto Vaclav Havel, che prende il nome dallo scrittore che divenne presidente dopo aver guidato la Rivoluzione di velluto che rovesciò il regime comunista, i diplomatici russi si sono messi in fila nel Terminal 3, utilizzato per i voli charter, per salire a bordo di un aereo governativo.

Un aereo del governo russo lascia l’aeroporto Vaclav Havel trasportando diplomatici russi espulsi.Attribuisci a lui:GT

L’ambasciata, situata in una villa nel verdeggiante quartiere di Popinik costruita da un industriale prebellico, è cresciuta e nazionalizzata dopo la seconda guerra mondiale, dopo l’invasione della Cecoslovacchia guidata dai sovietici nel 1968 e lo schiacciamento di un movimento di riforma.

Nonostante il ritiro delle forze sovietiche nel 1991, la Russia era ancora in grado di mantenere la sua enorme ambasciata, hanno detto esperti cechi, a causa dei protocolli diplomatici, il che significa che qualsiasi riduzione reciproca sarebbe stata più dannosa per la più piccola missione ceca di Mosca a Mosca.

L’agenzia di controspionaggio ceca, BIS, ha affermato nel suo rapporto annuale 2019 che le dimensioni della missione hanno reso “estremamente difficile” il controllo degli sforzi dell’intelligence russa. Ad esempio, ha mantenuto un’enorme flotta di auto, vietata alla polizia.

Caricamento in corso

Jan Baduric, ex vicedirettore dell’intelligence ceca, ha detto che il territorio ceco potrebbe essere utilizzato dagli agenti russi per intercettazioni elettroniche grazie alla sua posizione centrale.

La Repubblica Ceca all’epoca aveva un’importante posizione geostrategica al confine con l’Occidente, che consentiva di utilizzare mezzi tecnici, non solo intelligenza umana, per monitorare i paesi occidentali limitrofi.

Reuters