HomeEconomyI rivenditori del NSW chiedono chiarimenti sui "servizi essenziali" dopo aver elencato...

I rivenditori del NSW chiedono chiarimenti sui “servizi essenziali” dopo aver elencato Harvey Norman e JB Hi-Fi come siti di esposizione | Notizie dall’Australia

Il settore della vendita al dettaglio del NSW chiede indicazioni più chiare su quali attività siano “servizi essenziali” durante il blocco dopo i principali rivenditori Harvey Norman e JB Hi-Fi Sono elencati come siti di contatto non ufficiali per un caso di coronavirus attivo.

Il sistema sanitario pubblico che sabato ha inondato gran parte dello stato, i residenti possono lasciare le loro case solo per motivi specifici, compreso l’acquisto di beni di prima necessità.

Ma la domanda non definisce cosa sia una merce, né cosa sia un rivenditore primario, portando a confusione sul fatto che i rivenditori generali debbano rimanere aperti o meno, ha affermato la SDA, l’unione dei lavoratori della vendita al dettaglio, dei fast food e dei magazzini.

I principali rivenditori Harvey Norman e JB Hi-Fi sono stati elencati a Westfield Bondi Junction come siti di contatto non ufficiali per casi di coronavirus attivi lunedì sera, suscitando richieste di maggiore chiarezza sul sistema sanitario pubblico.

Bernie Smith, segretario di stato del New South Wales della SDA, ha affermato che il sistema sanitario pubblico deve essere più specifico.

“C’è stata una certa confusione su ciò che i punti vendita possono aprire perché non è chiaramente definito nel sistema sanitario pubblico”, ha affermato.

Nuovo Galles del Sud Salute Non ha risposto a una richiesta di commento su questo argomento.

Smith ha affermato che la mancanza di chiarezza ha lasciato la decisione sull’apertura o meno ai rivenditori stessi e, con molte aziende e lavoratori in situazioni finanziarie precarie, molti hanno ritenuto di dover rimanere aperti durante la chiusura.

Iscriviti per ricevere ogni mattina le notizie più interessanti da Guardian Australia

“Le persone che svolgono lavori non sicuri possono essere tentate di andare a lavorare perché non possono rimanere finanziariamente a casa”, ha detto Smith. Questa è una scelta che nessun lavoratore dovrebbe fare.

READ  I dettagli "disgustosi" di una proprietà in affitto da 750 dollari suscitano indignazione per la crisi del costo della vita in Australia

“C’è una certa confusione su ciò che i rivenditori possono aprire. Alcuni rivenditori come Myer si sono rapidamente adeguati e hanno chiuso le porte al pubblico, ma hanno mantenuto i membri occupati evadendo gli ordini online e facendo clic e ritira.

“Tutti i rivenditori devono mettere al primo posto la sicurezza dei dipendenti quando decidono se aprire o meno”.

Smith ha invitato l’industria ad applicare più ampiamente il congedo retribuito Covid ai lavoratori vulnerabili, alla luce degli ordini di sanità pubblica.

“Elogiamo il gran numero di rivenditori, tra cui Woolworths, Coles, Bunnings, Big W, Dan Murphy’s e altri che hanno pagato il congedo per lavoratori vulnerabili per dipendenti e lavoratori immunocompromessi di età superiore ai 70 anni, il che significa che possono restare a casa e restare al sicuro, disse Smith.

“Siamo anche soddisfatti del gruppo di rivenditori che ha spinto il congedo Covid per i dipendenti che hanno bisogno di isolamento a causa dell’esposizione al Covid sul lavoro o nella comunità.

“Tuttavia, mentre questo è stato raggiunto in una serie di aziende sindacali, il fatto che non sia ancora universalmente disponibile mette a rischio i lavoratori e la società”.

Guida veloce

Come ricevere le ultime notizie da Guardian Australia

mostrare

Grazie per il tuo feedback.

Dominic Lamb, amministratore delegato della National Retail Association, ha affermato che molti rivenditori hanno dovuto affrontare una decisione difficile dopo che le richieste sanitarie hanno limitato il movimento dei residenti.

“Sono autorizzati a rimanere aperti, la difficoltà è che la guida per i consumatori è quella di rimanere a casa a meno che non sia necessario uscire per ottenere forniture essenziali, e che la restrizione alla circolazione significa che le persone di solito non vanno nei negozi e in realtà fanno acquisti “, ha detto Lamb. Materiali di base e se ne vanno molto rapidamente. “

“Quindi, che siano in grado di negoziare o meno, sì, è un bene che abbiano l’opzione, ma praticamente ne vale la pena? In molti casi, non lo è. “

Lamb ha affermato che la guida era confusa, soprattutto perché ogni stato e territorio ha adottato un approccio diverso al settore quando si è trattato di chiudere. Il governo federale ha chiesto coerenza nazionale sulle linee guida per il blocco.

“Lo abbiamo visto accadere per 18 mesi, ogni stato e territorio ha adottato un approccio diverso quando si tratta di chi può e chi non può commerciare”, ha detto Lamb. “Non c’è coerenza nazionale qui… Ogni volta che abbiamo un focolaio, riceviamo un diverso insieme di regole.

“E ciò di cui abbiamo veramente bisogno in questo momento è il sostegno alle piccole imprese familiari, perché sono dure e ogni volta che ciò accade, perdono grandi opportunità di vendita, motivo per cui sopravvivono”.

Lamb ha affermato di ritenere positivo che i rivenditori scegliessero di rimanere aperti, soprattutto dopo 18 mesi difficili.

“Penso che sia nel migliore interesse dei rivenditori essere in grado di commerciare durante questi periodi, in particolare quando sono in grado, tra le altre cose, di attuare protocolli di igiene appropriati”, ha affermato Lamb.

“Sfortunatamente, quando abbiamo chiusure e restrizioni ai movimenti, non è positivo per gli affari. Significa solo che è probabile che il nostro settore registrerà un calo significativo delle sue vendite”.

Orsina Fiorentini
Orsina Fiorentini
"Fan zombi sottilmente affascinante. Fanatico della TV. Creatore devoto. Amico degli animali ovunque. Praticante del caffè."
Must Read
Related News