SanSeveroTV

Più notizie quotidiane di qualsiasi altra fonte di notizie italiana sull'italiano.

I prossimi baby boomer sono i millennial in Cina

Fai un salto in avanti di qualche anno. Questo gruppo demografico sta uscendo dai vent’anni e vuole rimanere attivo e giovane. Entra in un’azienda di abbigliamento sportivo che era già stata fondata nel Pacifico nord-occidentale: Nike è stata quotata nel 1980. Nel 1992, quando l’avanguardia di questa generazione aveva 46 anni e aveva bisogno di un ritiro, Starbucks è stata quotata in borsa. Hai capito.

Queste aziende, e molte aziende simili, sono state create e hanno avuto successo seguendo un semplice concetto di business: vendere un bene o un servizio che è voluto e voluto da una vasta fascia demografica. Mentre i baby boomer sono stati il ​​più grande market mover negli ultimi 50 anni negli Stati Uniti e in altri paesi sviluppati, Crediamo che i millennial cinesi siano i baby boomer del futuro.

1,2 miliardi di ragioni

Ci sono una serie di ragioni per cui crediamo che i millennial cinesi guideranno i mercati per i prossimi decenni. In primo luogo, secondo la Banca Mondiale, entro il 2024 il PIL della Cina supererà quello degli Stati Uniti. La Cina sta vivendo la più rapida espansione della classe media che il mondo abbia mai visto, in un periodo in cui la classe media globale si stava già espandendo a un ritmo storicamente senza precedenti.

Entro il 2027, si stima che 1,2 miliardi di cinesi rientreranno nella classe media, un quarto del totale globale. In contrasto con l’invecchiamento della popolazione dell’Europa e del Giappone, la popolazione della Cina è relativamente giovane. Alla fine degli anni ’80 e ’90, la Cina ha registrato una crescita della popolazione del 45%, all’incirca la stessa del suo baby boom.

READ  Battere Covid è stato un compito più facile per Draghi che salvare l'Italia

Trent’anni dopo, questa illustre generazione sorse durante il periodo delle riforme economiche e dell’apertura del paese.

Le somiglianze nel comportamento dei consumatori e negli atteggiamenti dei millennial cinesi rispetto ai baby boomer sono nette. Come i baby boomer della stessa età, i millennial cinesi hanno maggiori probabilità di spendere soldi in intrattenimento, esperienze e amore per lo shopping. Mangiano di più, comprano auto che li fanno sembrare di successo e amano viaggiare.

Come i loro compagni del boom, mentre i millennial cinesi si avvicinano alla loro mezza età, aspirano a un sogno simile al sogno americano: l’unità familiare perfetta e la proprietà della casa: il 70 percento dei millennial cinesi possiede le proprie case, rispetto al 35 percento negli Stati Uniti Stati Uniti e il 30 per cento in Australia.

La Cina diventerà presto la più grande economia del mondo I millennial in Cina guideranno i mercati e la crescita economica. In termini numerici, sono molti di più i nativi che guidano l’economia statunitense.

A causa delle enormi dimensioni dell’economia cinese, tutti gli investitori hanno bisogno di una certa apertura al mercato della Cina continentale, in particolare alle azioni A cinesi, che sono società registrate e quotate in Cina. Sono queste aziende che competono nel mercato consumer più grande del mondo e che guideranno i mercati.

Raggiungere le aziende e i settori più esposti ai millennial cinesi è fondamentale. Questa opportunità non è facilmente accessibile. Solo una manciata di investitori istituzionali australiani, tra cui VanEck, dispone di una licenza RQFII (Renminbi Qualified Foreign Institutional Investor) che consente loro di investire direttamente in tutte le azioni A.

Russell Chesler è Head of Investments and Capital Markets presso VanEck Australia