SanSeveroTV

Più notizie quotidiane di qualsiasi altra fonte di notizie italiana sull'italiano.

I nuovi ricchi del calcio lasciano che la vecchia guardia sembri intrappolata

La finale di Champions League della scorsa stagione è stata uno dei segnali. Il risultato della finestra di negoziazione estiva del calcio europeo, che si è chiusa all’inizio di questa settimana, è stato un altro. La vecchia guardia del continente è in declino e al loro posto è arrivata una nuova élite ricca di denaro.

In un mercato che vacilla per gli effetti in corso della pandemia di coronavirus, solo le squadre sostenute dai più ricchi del mondo sono state in grado di commerciare liberamente quest’anno, rovinando i loro già pieni roster con la crema del talento del gioco. Al contrario, molti dei pesi massimi tradizionali del gioco si sono affrettati a fare vendite per compensare i libri gravati da perdite e debiti in aumento.

Il Chelsea, vincitore della Champions League con l’appoggio dell’oligarca russo, ha speso 135 milioni di dollari per strappare Romelu Lukaku ai campioni d’Italia della scorsa stagione dell’Inter, le cui finanze non erano in grado di rifiutare una quota record del club. Quanto al Manchester City, arrivato in finale di Champions League, è di proprietà del fratello della famiglia regnante degli Emirati Arabi Uniti. Riuscì facilmente a ottenere un record britannico di 100 milioni di sterline ($ 138 milioni) per reclutare Jack Grealish, un centrocampista offensivo dell’Aston Villa, non perché avesse particolarmente bisogno di lui, ma perché poteva. Il City avrebbe battuto di nuovo quel record settimane dopo se il Tottenham non avesse resistito alle sue aperture al capitano dell’Inghilterra Harry Kane.

In Francia, il PSG, di proprietà dei governanti del Qatar, ha ottenuto gli accordi più accattivanti. Dopo che il Real Madrid ha detto al capitano Sergio Ramos che non poteva soddisfare le sue richieste per un nuovo contratto, il PSG ha detto che certamente poteva. Anche altri giocatori d’élite hanno esaurito i nuovi contratti con i loro ex club – il portiere italiano vincitore del Campionato Europeo Gianluigi Donnarumma e il capitano dell’Olanda Georginio Wijnaldum – anche loro, prima che il PSG facesse il loro più grande acquisto di tutti: l’acquisizione di Lionel Messi dal Barcellona, ​​a titolo di esempio più grande. Durante il turno di gioco.

READ  I migliori sei giocatori della Australian League, 2-1 a Campbelltown

Poi il Paris Saint-Germain ha confermato la sua forza in un affare che non è avvenuto. Il Real Madrid, la squadra di maggior successo nella storia d’Europa, che ha saputo trovare la propria strada per molto tempo, ha scoperto il modo difficile in cui il Paris Saint-Germain gioca con regole diverse. Il Real Madrid ha fatto due offerte ufficiali, la seconda per quella che sarebbe stata la seconda commissione più alta mai pagata a un giocatore, mentre cercava di far uscire Kylian Mbappe, l’attaccante francese di 22 anni, dal Paris Saint-Germain. Risposta. Questa è stata una sfida per l’ortodossia calcistica, con i club che di solito cercavano di fare soldi da giocatori come Mbappe che entravano nell’ultimo anno dei loro contratti, piuttosto che perderli gratuitamente entro un anno.

“Non è una mossa intelligente, ma è una dimostrazione di forza”, ha affermato Rodri Buster, fondatore di Promoesport, una delle agenzie di giocatori più grandi della Spagna. “Il Paris Saint-Germain ha mostrato chiaramente che i soldi non sono un problema per loro. Se fossi nella posizione di un proprietario del PSG, farei lo stesso. Se avessi abbastanza soldi e non ne avessi bisogno di più, darei il pugno il tavolo come ha fatto e dire di no.”

Il risultato è che il PSG ha una delle prime linee più intimidatorie mai assemblate, aggiungendo Messi e mantenendo Mbappe e accoppiando entrambi con Neymar, il giocatore che è diventato l’acquisto più costoso del mondo quando il PSG lo ha reclutato per $ 263 milioni. nel 2017.

Per quanto riguarda il Barcellona, ​​ha passato mesi alla più grande svendita della sua storia. Paralizzati dalla crisi finanziaria, con perdite quest’anno che dovrebbero superare i 500 milioni di dollari, il management del team ha cercato di scaricare i giocatori come se stessero salvando l’acqua da una nave che affonda nell’oceano. L’esempio più chiaro del caos che ha travolto il club è arrivato l’ultimo giorno: il Barcellona ha permesso ad Antoine Griezmann di trasferirsi in prestito alla sua ex squadra, l’Atlético Madrid. Solo due anni fa ha pagato all’Atletico, contendente al titolo spagnolo, 140 milioni di dollari per Griezmann.

READ  Dichiarazione del partito Ash nel crollo di Naomi Osaka

La Juventus, la squadra di maggior successo in Italia, aveva bisogno di strane tattiche per reclutare Manuel Locatelli, il centrocampista che ha segnato il suo arrivo sulla scena mondiale con una serie di prestazioni impressionanti a Euro 2020. La Juventus non ha pagato nulla al suo ex club Sassuolo per i primi due anni da quella data. Il suo contratto, e solo nel terzo anno, inizierà a pagare parte del compenso, che potrebbe arrivare fino a 44 milioni di dollari.

Il più grande segnale che la Juventus aveva bisogno di stringere la cinghia, però, è arrivato negli ultimi giorni di mercato quando Cristiano Ronaldo, la superstar portoghese che aveva barattato il premio World Player of the Year con Messi per gran parte dell’ultimo decennio, si è trasferito a la sua ex squadra, il Manchester United, per 15 milioni di euro (18 milioni di dollari). La Juventus gli ha pagato 100 milioni di euro tre anni fa.

“Secondo me, questo era un mercato in cui la priorità era risolvere i problemi finanziari piuttosto che gli standard matematici”, ha detto l’agente Buster.

Il Manchester United è stato in grado di resistere all’impatto della pandemia meglio di altri. Grazie alle dimensioni del contratto di trasmissione televisiva della Premier League e alle sue operazioni commerciali altamente redditizie, la squadra di proprietà della famiglia del miliardario Glazers ha speso liberamente: Ronaldo ha coronato un picco estivo di oltre $ 170 milioni. L’Arsenal, un’altra squadra della Premier League con un ricco proprietario, il proprietario dei Los Angeles Rams e dei Denver Nuggets, Stan Kroenke, ha impegnato oltre $ 200 milioni su talenti in gran parte giovani nell’ultimo tentativo di sistemare un roster con scarse prestazioni.

READ  Harry e Meghan hanno stracciato un accordo con un'azienda che vende creme sbiancanti per la pelle

La spesa in Inghilterra è stata enorme rispetto a quella che potevano gestire tutti tranne pochi club degli altri campionati. Secondo la società di contabilità Deloitte, la spesa netta di 776 milioni di dollari da parte delle squadre della Premier League quest’anno è stata 10 volte superiore alla spesa in Italia e Spagna, dove l’attenzione si è concentrata principalmente sulla vendita, a qualunque prezzo.

La forza della Premier League è forse più assicurata da questo: tre squadre appena uscite dal secondo livello – Brentford, Norwich e Watford – hanno trascorso più di tre campionati importanti nella Liga, nel Real Madrid, nel Barcellona e nell’Atletico.

“Tutte le indicazioni mostrano una tendenza alla concentrazione della spesa dei club più ricchi, in particolare i club più ricchi della Premier League”, ha scritto il CIES Football Observatory, un centro di ricerca sul calcio, in un rapporto pubblicato dopo la chiusura della finestra commerciale lunedì.

“Il fatto che un numero crescente di club, anche all’interno dei campionati più ricchi, facciano affidamento sui proventi dei trasferimenti evidenzia la debolezza dell’attuale sistema economico del calcio professionistico”, ha aggiunto.