I ministri del G20 sollecitano una maggiore cooperazione

I ministri degli esteri del G20 hanno chiesto rimedi multilaterali alle crisi globali come la pandemia di COVID-19 e il cambiamento climatico nel loro primo incontro faccia a faccia in due anni.

L’incontro di un giorno nella calda città di Matera, nel sud Italia, si è concentrato su come migliorare la cooperazione, rilanciare l’economia globale sulla scia della pandemia e stimolare lo sviluppo in Africa.

“La pandemia ha evidenziato la necessità di una risposta internazionale alle emergenze transnazionali”, ha detto ai ministri del G20 il ministro degli Esteri italiano Luigi Di Maio.

I membri del G20 rappresentano oltre l’80 percento del PIL mondiale, il 75 percento del commercio globale e il 60 percento della popolazione del pianeta.

Tra quelli a Matera c’erano alti diplomatici di Stati Uniti, Giappone, Regno Unito, Francia, Germania e India.

Tuttavia, i ministri degli esteri di Australia, Brasile e Cina hanno scelto di seguire le discussioni tramite collegamento video mentre Russia e Corea del Sud hanno inviato i viceministri.

Il ministro degli Esteri tedesco Heiko Maas si è detto dispiaciuto per l’assenza dei suoi omologhi diretti dalla Cina e dalla Russia.

Durante una pausa, ha detto: “Quando vi incontrate, dovete parlarvi. Abbiamo bisogno di un dialogo con Russia e Cina”.

Mentre si dirigeva all’incontro, Maas ha detto che sarebbe sgomento dal modo in cui crede che Cina e Russia abbiano offerto vaccini COVID-19 per rafforzare la loro posizione con alcuni paesi.

“(Questo) non si tratta di ottenere vantaggi geostrategici a breve termine”, ha detto.

Il segretario di Stato americano Anthony Blinken ha ribadito la necessità di fornire più vaccini ai paesi poveri, che finora hanno ricevuto dosi molto inferiori rispetto ai paesi ricchi.

READ  Lampedusa: all'interno del campo nel cuore dell'ondata migratoria europea

“Per porre fine all’epidemia, dobbiamo ottenere più vaccini in più luoghi”, ha affermato, aggiungendo che il G20 aiuterebbe i paesi a basso reddito ad affrontare “significative vulnerabilità del debito” esacerbate dal coronavirus.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto