SanSeveroTV

Più notizie quotidiane di qualsiasi altra fonte di notizie italiana sull'italiano.

I media ufficiali hanno detto che i detriti di un missile cinese Long March 5B sono atterrati nell’Oceano Indiano vicino alle Maldive

I resti del più grande missile cinese sono caduti nell’Oceano Indiano, con la maggior parte dei suoi componenti distrutti al suo ritorno nell’atmosfera, ponendo fine a giorni di speculazioni su dove sono caduti i detriti, ma suscitando le critiche degli Stati Uniti per la mancanza di trasparenza.

Parti del missile Long March 5B sono tornate nell’atmosfera ed sono atterrate in un sito con coordinate di 72,47 gradi di longitudine est e 2,65 gradi di latitudine nord, secondo quanto affermato dai media statali cinesi.

Le coordinate posizionavano il punto di impatto nell’oceano, a ovest dell’arcipelago delle Maldive.

Ha aggiunto che la maggior parte dei detriti sono stati bruciati nell’atmosfera.

Caricamento in corso

Il relitto del Long March 5B ha indotto alcune persone a guardare con cautela verso il cielo poco dopo il decollo dall’isola cinese di Hainan il 29 aprile.

Il comando spaziale degli Stati Uniti ha confermato il ritorno del missile sulla penisola arabica, ma ha detto che non era noto se i detriti colpissero il suolo o l’acqua.

“Il luogo esatto della collisione e l’estensione dei detriti, entrambi attualmente sconosciuti, non saranno annunciati dallo US Space Command”, ha detto in una dichiarazione sul suo sito web.

Il lancio del Long March della scorsa settimana è stato il secondo dispiegamento della variante 5B dal suo primo volo nel maggio 2020. L’anno scorso, pezzi del primo Long March 5B sono caduti sulla Costa d’Avorio, danneggiando diversi edifici. Non ci sono state notizie di feriti.

“I paesi che volano nello spazio dovrebbero ridurre i rischi per le persone e le proprietà sulla Terra dal rientro di oggetti spaziali e aumentare la trasparenza riguardo a questi processi”, ha detto in una dichiarazione l’amministratore della NASA Bill Nelson dopo il rientro.

“È chiaro che la Cina non riesce a soddisfare gli standard responsabili in materia di detriti spaziali”.

Il lancio del missile China Long March 5B
Il missile Long March 5B è progettato per lanciare i moduli della nuova stazione spaziale cinese in orbita terrestre bassa(

Guo Cheng / Xinhua tramite AP

)

Con la maggior parte della superficie terrestre coperta d’acqua, le probabilità di colpire un’area popolata sulla Terra erano basse e la probabilità di lesioni inferiori, secondo gli esperti.

Ma l’incertezza sul decadimento orbitale del missile e l’incapacità della Cina di emettere rassicurazioni più forti nel periodo precedente al ritorno del missile ha causato allarme.

Durante il volo del missile, l’astrofisico dell’Università di Harvard Jonathan McDowell ha detto a Reuters che la potenziale area di detriti potrebbe essere a nord fino a New York, Madrid o Pechino, e a sud fino al Cile meridionale e Wellington, in Nuova Zelanda.

McDowell ha affermato che da quando gran parte della stazione spaziale SkyLab della NASA è caduta dall’orbita nel luglio 1979 ed è atterrata in Australia, la maggior parte dei paesi ha cercato di evitare il rientro incontrollato progettando il proprio veicolo spaziale.

Il Global Times, un quotidiano cinese pubblicato dal People’s Daily ufficiale, ha affermato che “il rumore occidentale” ha respinto le preoccupazioni che il missile fosse “fuori controllo” e potesse causare danni.

Uno dei più grandi pezzi di detriti spaziali che ritorna sulla Terra

Il Long March 5B, composto da un palco base e quattro booster, è decollato dall’isola cinese di Hainan il 29 aprile con l’Unità senza pilota Tianhe, che contiene quelli che diventeranno gli alloggi di una stazione spaziale cinese permanente. Il missile dovrebbe seguire altre 10 missioni per completare la stazione.

I razzi Long March 5 sono stati parte integrante delle ambizioni spaziali a breve termine della Cina, dalla consegna pianificata di unità e equipaggio della stazione spaziale al lancio di sonde di esplorazione sulla Luna e persino su Marte.

Quest’ultimo missile è uno dei più grandi frammenti di detriti spaziali che ritornano sulla Terra e gli esperti stimano la sua massa secca tra le 18 e le 22 tonnellate.

Il peso dello stadio base del primo Long March 5B tornato sulla Terra lo scorso anno era di quasi 20 tonnellate, superato solo dai detriti della navetta spaziale Columbia nel 2003, dalla stazione spaziale Salyut 7 dell’Unione Sovietica nel 1991 e da Skylab nel 1979.

Reuters

READ  Dirigenti dell'Apple Daily arrestati a Hong Kong, Cina per repressione della libertà di stampa