SanSeveroTV

Più notizie quotidiane di qualsiasi altra fonte di notizie italiana sull'italiano.

I grandi e costosi progetti di Erdogan falliscono uno dopo l’altro



Ani |
aggiornato:
30 agosto 2021 10:09 lui è

di John Solomo
Nicosia [Cyprus] 30 ago (ANI): L’autoritario presidente turco Recep Tayyip Erdogan è sempre stato appassionato di progetti molto grandi e, secondo i dati ufficiali, dal 2003 quando Erdogan è salito al potere, in Turchia sono stati avviati circa 181 enormi progetti di partenariato pubblico-privato.
Molti di questi progetti sono progettati sulla base di un sistema build-operate-transfer e includono garanzie da parte dello stato se le aspettative spesso troppo ottimistiche non si avverano.
Uno di questi progetti è il “Wonderland Eurasia” ad Ankara, che doveva diventare il più grande luogo di intrattenimento d’Europa, come Disneyland, ma invece di essere un “simbolo di orgoglio” come si vantava Erdogan, ora è un simbolo di fallimento.
Inaugurato a marzo 2019, Wonderland Eurasia ha aperto con un costo stimato di 801 milioni di dollari, ma non è riuscito ad attirare abbastanza visitatori e ha chiuso meno di un anno dopo, poiché l’operatore non poteva nemmeno pagare le bollette dell’elettricità e gli stipendi del parco.
Il luogo di intrattenimento era in difficoltà, poiché è crollato due giorni dopo l’apertura, costringendo le famiglie spaventate a sbarcare. Inoltre, l’edificio non è stato completamente completato ed è ora deserto in una vasta area di Ankara, vicino allo stravagante Palazzo Presidenziale di 1.150 stanze, che è stato costruito con un costo di 600 milioni di dollari.
Inoltre, il consorzio italo-turco che gestisce il Terzo ponte sul Bosforo e l’autostrada della Marmara si è allontanato dal progetto e dovrebbe essere sostituito da un consorzio cinese. Inoltre, l’aeroporto di Istanbul, principalmente a causa dell’impatto devastante della pandemia, sta perdendo denaro e il governo turco sta cercando di persuadere l’International Bank of China ICB a rifinanziare circa $ 6,2 miliardi dei suoi prestiti.
Il sistema build-operate-transfer utilizzato in più della metà dei PPP non ha lo stesso successo che il governo turco ama pubblicizzare. Alcuni progetti costruiti in questo modo falliscono e l’operatore ha diritto a ricevere un risarcimento dal bilancio dello Stato se non vengono raggiunti i pagamenti garantiti dal governo.
Un esempio è l’aeroporto Zafer, costruito con un costo di 59 milioni di dollari, 370 chilometri a sud di Istanbul. La scorsa settimana, IC Ictas, l’operatore aeroportuale, ha annunciato che lo avrebbe messo in vendita. L’aeroporto di Dhafer è stato utilizzato solo dal 6% del livello target di 1,3 milioni di passeggeri, al di sotto del quale l’operatore ha diritto a ricevere pagamenti con una garanzia governativa.

READ  Frequent flyer VIP di Virgin Ponders Velocity "Super Platinum"

Abdullah Kilis, presidente del consiglio di amministrazione dell’aeroporto, ha affermato che la società trasferirà l’aeroporto a qualsiasi parte che paghi il denaro investito a IC Ictas e si faccia carico del debito risultante.
I critici di Erdogan ritengono che il presidente turco, attuando i suoi progetti altamente ambiziosi nell’ambito di partenariati pubblico-privato – dai quali spesso è difficile ottenere le entrate previste – stia sottraendo miliardi di lire dalle casse del governo esaurite quando non vengono raggiunti gli obiettivi di pareggio.
Il quotidiano Haberturk ha riferito che lo scorso anno il governo turco ha pagato circa 250 milioni di dollari in garanzie agli operatori della North Marmara Highway. Ha anche pagato altri 191 milioni di dollari per lo stesso motivo agli operatori dell’autostrada Gezibe-Izmir.
Quest’anno il governo ha incluso nel suo budget 3,5 miliardi di dollari per tali pagamenti, ma a causa del forte deprezzamento della lira turca, tale importo non sarà sufficiente per far fronte agli obblighi contrattuali nei confronti degli operatori dei vari progetti.
Ciò che potrebbe essere più pericoloso per l’economia è che il governo turco non presti adeguati accantonamenti per passività potenziali e danneggia la capacità operativa dei futuri governi. Va notato che il FMI ha richiesto maggiori informazioni su questo tema e ha consigliato ad Ankara di vigilare da vicino sui partenariati pubblico-privato.
In passato, il credito estero a basso costo ha contribuito a guidare un boom economico alimentato dall’edilizia, in cui Erdogan ha creato migliaia di nuovi posti di lavoro e ha ceduto posti di lavoro redditizi ai suoi amici intimi. Ciò ha aiutato il Partito Giustizia e Sviluppo (AKP) al governo a vincere otto elezioni nazionali consecutive. Ma negli ultimi otto anni la valuta turca si è deprezzata rispetto al dollaro mentre l’inflazione ha raggiunto il 18,95 per cento. Molti turchi ora scelgono di immagazzinare la loro ricchezza in valuta estera.
Nel corso degli anni, il presidente Erdogan ha lanciato diversi mega progetti, come il gasdotto transanatolico per il trasporto di gas dall’Azerbaigian alla Turchia e la nuova centrale nucleare di Sinop.
Tuttavia, i politici e gli investitori dell’opposizione hanno già sollevato preoccupazioni sulla fattibilità di molti di questi progetti.
A marzo, Erdogan ha annunciato una serie di “riforme economiche”, ma gli economisti affermano che “queste fanno poco per affrontare le questioni necessarie per ripristinare la crescita e frenare l’inflazione.
Le riforme annunciate non affrontano il deprezzamento della lira turca, che attualmente è di 8,35 nei confronti del dollaro USA. È improbabile che gli investitori investano quando il valore della valuta nazionale è instabile. Il fatto che i turchi detengano circa 50 miliardi di dollari in valuta estera e che le riserve valutarie della banca centrale siano ora bloccate a un livello negativo di 40 miliardi di dollari, è improbabile che ispiri la fiducia degli investitori.
L’economista turco Goldin Atabay ha scritto: “Erdogan non è riuscito a rendersi conto che il problema principale per l’economia turca è l’incapacità del suo governo di allontanarsi dagli investimenti nel settore delle costruzioni sovvenzionate per concentrarsi sui modi per aumentare la produzione in tutta l’economia attraverso una riforma economica trasparente ed efficace. Non riesce ad avviare il cambiamento perché si rende conto che le divisioni che già apparivano nei circoli economici che aveva creato attorno al Partito Giustizia e Sviluppo al governo, basate sull’uso delle risorse statali, si intensificheranno”. (Ani)

READ  Richard Branson ha concesso a Virgin Galactic l'approvazione del governo degli Stati Uniti per trasportare passeggeri nello spazio into