HomeEconomyI fornitori di energia vedono la domanda di importazioni di gas per...

I fornitori di energia vedono la domanda di importazioni di gas per evitare carenze

“C'è stato un coinvolgimento positivo da parte dei clienti perché stanno controllando i loro registri del gas dopo 18-24 mesi”, ha affermato. “I clienti hanno bisogno di una soluzione.”

Nello stato di Victoria, Viva, fornitore di carburante quotato nell’ASX, propone di iniziare a importare carichi di GNL nel suo sito di raffineria di petrolio di Geelong. Inizialmente il progetto prevedeva di portare il gas per la prima volta entro l’inverno del 2024, ma da allora la decisione finale sull’investimento sul progetto è stata ritardata a causa di un lungo processo di approvazione ambientale e delle richieste da parte del governo statale di ulteriori informazioni sui suoi potenziali impatti locali. .

Lachlan Pfeiffer, responsabile dello sviluppo aziendale di Viva, ha affermato che la capacità del progetto di fornire volumi significativi di gas a Victoria è considerata sempre più importante tra i continui avvertimenti di carenza.

“Il calo strutturale del gas a partire dal 2028 deve essere compensato in qualche modo, quindi la gomma sta arrivando”, ha detto Pfeiffer.

Il progetto Geelong ha incontrato una forte resistenza da parte degli ambientalisti e di alcuni membri della comunità, che affermano che è troppo vicino alle aree residenziali e alle scuole, e temono che possa ostacolare le ambizioni climatiche dell’Australia radicando l’uso di combustibili fossili dannosi.

scaricamento

Viva ritiene di poter superare gli ostacoli ambientali quando il progetto verrà sottoposto nuovamente a consultazione pubblica entro la fine dell’anno. In caso di successo, Viva potrebbe approvare i piani per avviare la costruzione del terminale in tempo per consegnare le prime importazioni di gas entro l’inverno del 2027 o 2028, ha affermato Pfeiffer.

READ  La Tunisia arresta migranti e sequestra imbarcazioni nell’ambito di una campagna su vasta scala contro il traffico di esseri umani

Mentre le politiche governative volte a vietare gli allacciamenti al gas nei nuovi edifici residenziali e a incoraggiare le persone a convertire gli apparecchi a gas in alternative elettriche stanno riducendo con successo le previsioni della domanda di gas a lungo termine, l’AEMO avverte che i cali non stanno avvenendo abbastanza velocemente da evitare carenze.

I gruppi ambientalisti insistono sul fatto che le previsioni dell’AEMO lasciano molto tempo ai governi per compiere progressi negli sforzi volti a frenare la domanda espandendo l’offerta di elettricità, ma avvertono che è necessaria maggiore urgenza.

“I risultati dell'ultimo rapporto Opportunities for Gas Statement evidenziano i rischi di non agire abbastanza rapidamente per allontanare i cittadini del Victoria dall'inquinamento del metano e realizzare una transizione rapida ed equa verso l'elettricità pulita e rinnovabile”, ha affermato Joy Tose di Environment Victoria.

Anche se le importazioni di GNL nell’Australia sud-orientale potrebbero avere un impatto significativo nel ridurre il rischio di carenze, Gordon Ramsay, analista energetico della Royal Bank of Canada, ha affermato giovedì che si è rivelato difficile far decollare i progetti.

“Dopo una serie di ritardi, il progetto del terminale di importazione di GNL nel porto di Surb Surb Kembla è attualmente in fase di sviluppo, ma dal nostro punto di vista la fattibilità economica appare discutibile, poiché attualmente mancano clienti”, ha affermato Ramsay.

Il gigante energetico con sede a Perth Woodside ha accettato di fornire gas naturale liquefatto dall'Australia occidentale a Victoria se il terminale Geelong di Viva Energy continua a funzionare. Tuttavia, Ramsay ha notato che il progetto era stato ritardato a causa della revisione ambientale del governo vittoriano e che i clienti non si erano ancora iscritti.

READ  Perché il set Anko di Kmart è esaurito a Target? Gli acquirenti si rivolgono ai social media per condividere la frustrazione per il lancio del prodotto a causa della decisione del management di affrontare il costo della vita

Un altro progetto, il terminale di gas naturale liquefatto proposto da Venice Energy nell'Australia Meridionale, “sembra essere in fase di stallo”, ha aggiunto, dopo che Origin Energy ha scelto di non procedere con un accordo non vincolante per la fornitura di gas.

Giovedì i rappresentanti dell’industria dei maggiori produttori di gas del Paese hanno chiesto quanti ulteriori avvertimenti sarebbero necessari affinché i governi agiscano per “consentire lo sviluppo urgente delle forniture di gas”.

“Il campanello d’allarme suona mentre un rapporto dopo l’altro prevede carenze di gas e rivela l’urgente bisogno di nuove forniture di gas sulla costa orientale”, ha affermato Samantha McCulloch, amministratore delegato di Australian Energy Producers.

La newsletter Business Briefing fornisce notizie chiave, copertura esclusiva e opinioni di esperti. Iscriviti per riceverlo ogni mattina nei giorni feriali.

Orsina Fiorentini
Orsina Fiorentini
"Fan zombi sottilmente affascinante. Fanatico della TV. Creatore devoto. Amico degli animali ovunque. Praticante del caffè."
Must Read
Related News