HomescienceI diamanti ultra profondi rivelano come il Gondwana sia cresciuto dal basso

I diamanti ultra profondi rivelano come il Gondwana sia cresciuto dal basso

“Le analisi geochimiche e la datazione delle inclusioni nei diamanti, combinate con i modelli tettonici esistenti della migrazione dei continenti, hanno dimostrato che i diamanti si formarono a grandi profondità sotto Gondwana quando il supercontinente copriva l’Antartide, tra 650 e 450 milioni di anni fa”, ha detto l’autrice Karen Smit. Partecipante allo studio e ricercatore presso l’Università del Witwatersrand in Sud Africa, in una dichiarazione ai media:

Smit ha spiegato che le rocce che ospitano i diamanti sono diventate galleggianti durante la formazione dei diamanti, trasportando materiale del mantello subdotto insieme ai diamanti. Questo materiale è stato aggiunto alla base della radice di Gondwana, in sostanza “facendo crescere” il supercontinente dal basso.

“Circa 120 milioni di anni fa, il Gondwana iniziò a disgregarsi per formare gli attuali oceani come l’Oceano Atlantico. 90 milioni di anni fa, i diamanti, che trasportavano piccole impurità intrappolate nelle rocce ospiti, furono portati sulla superficie terrestre in violente eruzioni vulcaniche ,” lei disse.

Le posizioni attuali di queste eruzioni vulcaniche si trovano nelle parti continentali del Brasile e dell’Africa occidentale, che sono le componenti principali del Gondwana. Pertanto, i diamanti devono essere migrati insieme a diverse parti dell’ex supercontinente mentre si disperdevano e si “attaccavano” alla loro base.

“Questa complessa storia dei diamanti dimostra che viaggiano bene, sia verticalmente che orizzontalmente, all’interno della Terra, tracciando la formazione del supercontinente e le fasi finali della sua evoluzione”, ha detto Smit. “L’accumulo di materiale relativamente giovane alle radici dei continenti sta ispessendo questi antichi frammenti continentali e saldandoli insieme, indicando un possibile nuovo modello di crescita dei continenti”.

I continenti vanno alla deriva sulla superficie terrestre, creando e distruggendo i “supercontinenti”. Queste migrazioni sono collettivamente conosciute come il “Ciclo del Supercontinente” e i diamanti sono uno dei pochi minerali abbastanza forti da sopravvivere e registrare questi antichi cicli di creazione e distruzione.

READ  Un cambio di paradigma in meccanobiologia: decodificare il comportamento cellulare su substrati morbidi

I supercontinenti possono concentrare il processo di subduzione delle placche oceaniche profonde – il motore della tettonica a placche – in regioni molto specifiche. È stato molto difficile studiare direttamente processi geologici così profondi, soprattutto in passato, perché la giovane crosta oceanica e continentale forniscono solo una visione limitata del funzionamento della Terra profonda. I diamanti antichi offrono una finestra diretta sulla spinta tettonica profonda e su come potrebbe essere collegata al ciclo del supercontinente.

Orsina Fiorentini
Orsina Fiorentini
"Fan zombi sottilmente affascinante. Fanatico della TV. Creatore devoto. Amico degli animali ovunque. Praticante del caffè."
Must Read
Related News