HomesportI corridori tengono duro e costringono ad accorciare la tappa 16 del...

I corridori tengono duro e costringono ad accorciare la tappa 16 del Giro d’Italia a causa del maltempo

Tadej Bujar alla partenza della 16a tappa del Giro d'Italia.

Notizie e corse

L’accordo degli organizzatori della gara di effettuare una partenza neutra è stato rifiutato dal gruppo, che ora porterà alla nuova partenza della tappa accorciata di 121 km.

Johnny Lungo

C’era confusione e neve sulla strada per la tappa 16 del Giro d’Italia mentre i corridori hanno resistito alla luce del tempo rigido e alla fine sono stati costretti ad accorciare il percorso della giornata a 121 km.

Il freddo e innevato Umbrailpass, la vetta più alta della gara di quest’anno con i suoi 2.498 m e di fatto un sostituto dello Stelvio rimosso, era previsto per iniziare la tappa ma è stato rimosso dopo che i corridori hanno concordato all’unanimità di non correre a meno che l’Umbrailpass non fosse stato tolto dal percorso della giornata. .

La tappa 16 inizierà ora alle 14:00 ora locale da Spondinha per una tappa di 121 km che affronterà il Passo Beni di Categoria 1 per raggiungere la vetta della Categoria 2 a Monte Panna.

Il giorno prima erano stati messi in atto una serie di potenziali piani di emergenza nel caso in cui fosse necessario un protocollo in caso di maltempo, con potenziale neutralizzazione e misure aggiuntive come consentire a una terza vettura della squadra di entrare nel convoglio della gara per garantire che i corridori avessero un abbigliamento adeguato. Si è parlato anche di un “parcheggio” in cima all’Umbrailpass, che neutralizzerebbe la corsa di tre minuti per consentire ai corridori di cambiarsi d’abito.

Un corridore della Lidl-Trek alla partenza della tappa 16 del Giro d'Italia.Un corridore della Lidl-Trek alla partenza della tappa 16 del Giro d'Italia.

Alla partenza della tappa di Livigno, l’organizzatore della corsa RCS ha confermato che l’intero percorso sarebbe stato completato ma con la corsa neutralizzata fino a dopo l’Umbrailpass, cosa che i corridori hanno protestato, prima di fare un altro piano di partire da Livigno per 10 km e poi lanciarsi in squadra. Le vetture si dirigeranno sulla nuova linea di partenza di Spondigna per la gara vera e propria. Anche questa proposta non è stata approvata e così tutti i corridori alla fine hanno lasciato la linea di partenza di Livigno con i veicoli per dirigersi a Spondigna.

READ  Le supercar da 20 anni sono le prime a Canberra

Città, come Livigno, pagano gli organizzatori della corsa per ospitare l’inizio e l’arrivo della tappa, ed è probabile che i contratti includano termini secondo cui se per qualsiasi motivo una tappa non può iniziare o finire in città come previsto, la corsa restituirà gratuitamente il Il giorno dopo. anno. Cambiare il giorno sarebbe costato denaro a RCS, motivo per cui erano così ansiosi di avere i corridori sulla strada nella città di partenza come originariamente previsto.

Lo ha detto il direttore di gara Mauro Vegni ad un canale televisivo opinione Dopo la decisione: “La montagna è così, a volte bisogna affrontare certe situazioni La nostra decisione non è stata certo estemporanea, ma era prevista dal protocollo stilato ieri.

“Abbiamo cercato di fornire ulteriori misure di sicurezza ai passeggeri ma abbiamo concordato che se le condizioni fossero peggiorate avremmo evitato l’Umbrailpass. Questo è quello che è successo. Sarebbe insensato correre dei rischi, soprattutto durante l’atterraggio.”

Hugo Hofstetter alla partenza della tappa 16 del Giro d'Italia.Hugo Hofstetter alla partenza della tappa 16 del Giro d'Italia.

“Ovviamente se chiedi ai corridori se gli piace correre sotto la pioggia e la neve, ti diranno di no. Ognuno ha il suo punto di vista e questo è normale. Da parte nostra speriamo che siano soddisfatti del fatto che siamo andati attraverso tutta questa discussione.

Un po’ prima quella mattina, quando la decisione finale era ancora nell’aria, il quarto classificato assoluto Ben O’Connor (Decathlon-Ag2r La Mondiale) è stato un po’ meno diplomatico di fronte alla prospettiva di guidare in condizioni ghiacciate su strade scivolose.

“Penso che questa sia probabilmente una delle gare peggio organizzate, a dire il vero questo non accadrebbe mai nel 99% delle altre situazioni”, ha detto. Eurosport.

“È un peccato che siamo nel 2024 e ci siano dinosauri che non vedono il lato umano delle cose. Voglio ancora salire sul palco ma non voglio percorrere più di 2.500 metri. La temperatura ha già raggiunto i cinque gradi, pesante piove e a 2.500 metri sta già nevicando.” Penso sia ovvio che si debba partire con un touch down e finire.

READ  Playtomic, leader del mercato sportivo europeo, ha acquisito la startup italiana Sportclubby

“Mi piacerebbe vedere [Vegni] Nella nostra situazione, sali sulla bici e inizia la tappa e vedi quale sarà la sua risposta dopo quelle due ore.

Un sondaggio anonimo del CPA (22 voti) ha rivelato che il 100% dei corridori ha votato per saltare la salita (e la discesa) dell’Umbrailpass la mattina prima dell’inizio della tappa. “Questa divisione di massa evidenzia la gravità della situazione e la necessità di un’azione immediata”, ha affermato in un tweet il presidente dell’Autorità provvisoria della coalizione, Hansen. “La ferma posizione dei corridori sottolinea il loro impegno per la loro salute, sicurezza e integrità delle corse”.

Scene dalla linea di partenza:

Un corridore Polti Cometa al via della 16a tappa del Giro d'Italia.Un corridore Polti Cometa al via della 16a tappa del Giro d'Italia.
Il corridore della Polti-Kometa cerca di tenere i piedi asciutti mentre si dirige verso il tronco.
Romain Bardet alla partenza della 16a tappa del Giro d'Italia.Romain Bardet alla partenza della sedicesima tappa del Giro d'Italia.
Romain Bardet sembra figo.
Intermarché-Wanty al via della 16a tappa del Giro d'Italia.Intermarché-Wanty al via della 16a tappa del Giro d'Italia.
Intermarché-Wanty sembra freddo e infelice.
Il Team UAE al check-in alla partenza della tappa 16 del Giro d'Italia.Il Team UAE al check-in alla partenza della tappa 16 del Giro d'Italia.
Il Team UAE evidenzia le condizioni e si allena anche in vista di una potenziale discesa dell’Umbrailpass.
La partenza della tappa 16 del Giro d'Italia.La partenza della tappa 16 del Giro d'Italia.
Freddo.

Cosa ne pensi di questa storia?



Fuga del girone del Giro d’Italia

Mariella Lori
Mariella Lori
"Professionista della birra. Comunicatore. Fanatico del bacon estremo. Drogato dilettante di alcol. Pensatore sottilmente affascinante."
Must Read
Related News